PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

I rischi aziendali ai tempi del covid e come gestirli

I rischi aziendali ai tempi del covid e come gestirli

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

08 Maggio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • L’Italia è il secondo paese per attacchi informatici dopo gli Stati Uniti

  • Rispetto al mondo anglosassone le aziende italiane hanno una minore attitudine alla pianificazione finanziaria

  • “Le aziende devono valutare i propri profili di rischio e il livello organizzativo in termini di compliance rispetto alle normative esistenti”, spiega Giacoma

La pandemia ha reso necessario un cambiamento degli assetti organizzativi delle aziende, generando di conseguenza nuovi correlati rischi da gestire. Gabriele Giacoma di Assiteca ci aiuta a capire quali sono e come gestirli in un’ottica di ripartenza

Dopo mesi di chiusura forzata, le imprese iniziano a ricercare una normalità che sarà inevitabilmente diversa rispetto al pre-lockdown. Dal rallentamento del contesto economico al cambiamento dei comportamenti dei consumatori, la pandemia ha reso necessario un cambiamento degli assetti organizzativi delle aziende, generando di conseguenza nuovi correlati rischi da gestire. Quali sono e come affrontarli? Secondo Gabriele Giacoma, amministratore delegato di Assiteca, è necessario un approccio integrato.

In quale contesto si trovano a operare le aziende in vista della ripartenza?

“Le stime più diffuse danno per l’Italia una previsione di riduzione del pil di circa il 9%. All’interno di questo forte rallentamento del contesto economico, la crisi pandemica ha avuto un impatto violento anche sui comportamenti dei consumatori, sia dal punto di vista delle modalità di acquisto sia per tipologie di spesa. Inoltre, subirà una modifica anche la relazione con i clienti, dopo essersi confrontati per mesi in modo virtuale. Per non parlare del remote working, un tema che avrà i suoi impatti sia dal punto di vista organizzativo che dal punto di vista dei rischi. Ma anche l’incertezza normativa causata dalla produzione significativa di norme, decreti e ordinanze locali. Infine, c’è un tema strategico: tutti questi elementi elevano l’incertezza e rendono difficile fare delle stime sul futuro”.

Quali sono dunque le aree aziendali più a rischio?

“Innanzitutto l’area delle risorse umane. Le aziende dovranno attrezzarsi da un punto di vista procedurale e organizzativo per permettere ai dipendenti di lavorare secondo concordati regimi di sicurezza. La seconda area riguarda la continuità operativa: le aziende devono analizzare tutte le catene di fornitura, sostenendo eventualmente i fornitori strategici che non sono in grado di ripartire.

Poi lasicurezza informatica. L’Italia è il secondo paese per attacchi informatici dopo gli Stati Uniti. Lo smart working, infatti, ha fatto leva sulle strutture informatiche personali delle famiglie, che hanno dei livelli di difesa più bassi rispetto a quelle aziendali: le imprese italiane negli ultimi mesi hanno ricevuto in media quattro attacchi al giorno.

C’è poi un tema legato all’area legal e compliance: l’aumento delle normative e l’elevato livello di conflittualità che assumerà il contesto economico post-covid, impone alle aziende di valutare i propri profili di rischio e il livello organizzativo in termini di compliance rispetto alle normative esistenti.

Per quanto riguarda il rischio liquidità, invece, l’attitudine del tessuto industriale italiano alla pianificazione finanziaria rappresenta un punto debole, perché è poco abituato o formato a gestirla in maniera prospettica. Correlato è il rischio credito perché le forti riduzioni di pil manderanno in crisi dei settori aumentando il livello di insoluti delle aziende.

L’ultimo tema riguarda la difficoltà delle aziende di fare stime sul futuro e l’esigenza di muoversi per scenari: devono cambiare le tecniche di riporto da parte del management ai consigli di amministrazione e le capacità degli stessi di pianificare le azioni future”.

In che modo affiancare le imprese con servizi di consulenza e soluzioni assicurative?

“L’approccio più efficace è quello che definiamo integrato. Questo vuol dire innanzitutto un’attività di prevenzione, poi un’attività di mitigazione per limitare gli impatti sull’azienda e, infine, l’utilizzo di polizze assicurative. Secondo diverse ricerche di mercato, le aziende che gestiscono questi rischi in maniera integrata hanno dei ritorni sugli investimenti molto più ampi.

Attualmente il tema di priorità è quello della cyber security. Il 70% degli attacchi che un’azienda subisce sono interni. Questo vuol dire che il livello di competenze rispetto a questa tipologia di strumenti è eccessivamente basso e c’è un fortissimo tema di formazione da far evolvere. A questo si aggiungono gli strumenti assicurativi, le polizze cyber.

Dal punto di vista della liquidità, invece, bisogna assistere le aziende nella pianificazione finanziaria, in modo tale da interagire in maniera più efficiente con il mondo bancario che, in un momento in cui è sommerso dalle richieste di finanziamenti, agevolerà le imprese in grado di manifestare le proprie esigenze e la propria capacità di rientro nel momento in cui riparte il contesto economico”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese e startup"
ALTRI ARTICOLI SU "Assicurazioni"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"