Fumetti da collezione, Tintin si prepara a un nuovo record?

Teresa Scarale
Teresa Scarale
1.12.2022
Tempo di lettura: 2'
A distanza di due anni dall’ultimo – plurimilionario – passaggio in asta, il simpatico reporter torna sotto il martelletto della francese Artcurial. Una vera e propria icona pop, amata dagli artisti del XX secolo e dagli street artist del XXI

Per la casa d’aste Artcurial, quella di Tintin è una piacevole frequentazione. A Il mondo di Hergé, il creatore di Tintin sarà infatti dedicata l’asta del 10 febbraio 2023. Lotto di punta della seduta sarà il disegno originale per la copertina a tutta pagina dell'edizione 1942 dell'album Tintin in America, stimato tra i 2,2 e i 3,2 milioni di euro. Una valutazione eccessiva? Niente affatto: nel gennaio 2021, la poetica tavola Le Lotus bleu del 1936, considerata da esperti e appassionati una delle più enigmatiche ed evocative copertine di sempre della serie, ha incassato 3,8 milioni di euro.



Tintin in America, uno degli album più cercati dai collezionisti di fumetti


Il terzo volume della serie di Tintin, Tintin in America, vede il giovane reporter belga Tintin trascorrere un periodo negli Stati Uniti tra Chicago e il Midwest. È uno dei più venduti della saga. Tintin in America fu pubblicato per la prima volta nel 1932; la copertina presentava una piccola illustrazione con Tintin seduto su una roccia accanto a Snowy. In occasione della terza edizione (1937) viene creata un'altra versione della copertina, stampata su carta e incollata direttamente sulla superficie dell'album: Tintin stavolta è in sella a un cavallo.



All'inizio degli anni '40, le tecniche di stampa si erano evolute, permettendo di realizzare una copertina a colori a tutta pagina. Il disegno che verrà presentato ad Artcurial è il disegno originale della copertina dell'edizione del 1942, utilizzato nuovamente per la prima edizione a colori del 1946. Già nel 2012 la casa d’aste aveva battuto un’illustrazione di copertina (1932) di Tintin in America, per la cifra di 1.338.509 euro.


Hergé, la sua estetica universale e senza tempo

Le Avventure di Tintin hanno trovato lettori in oltre 100 lingue. Di Hergé viene amato il tratto pulito, battezzato ligne claire (linea chiara). Uno stile che il collezionismo contemporaneo della comic art (arte del fumetto) continua ad apprezzare. Tintin è una icona pop, al pari della Regina Elisabetta. Dal canto suo, il fumettista belga (all'anagrafe Georges Prosper Remi – Etterbeek, 22 maggio 1907 / Woluwe-Saint-Lambert, 3 marzo 1983) amava l'arte contemporanea del suo tempo: lo si può scoprire leggendone le storie. Un amore che valse all'autore di Tintin il “ringraziamento” di Andy Warhol, che ne immortalò l’immagine negli anni Settanta. Omaggiarono Hergé anche Roy Liechtenstein e Keith Haring. Oggi, gli street artist Dran e Invader.


Hergé con Andy Warhol


Roy Lichtenstein



Keith Haring


Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti