PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Esg sempre più al centro per le imprese

Esg sempre più al centro per le imprese

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

18 Febbraio 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Stiamo assistendo in questi anni ad una forte evoluzione dei principi Esg che sono divenuti parte integrante nei criteri di investimento nelle Pmi da parte degli investitori istituzionali” dichiara Anna Lambiase, Ceo di V-Finance

  • La divisione Esg advisory di V-Finance affiancherà le società nel recepimento dei criteri Esg: dall’elaborazione di sustainability report nel rispetto dei Gri standard

Le piccole e medie imprese dovranno fare conto anche loro con le tematiche Esg. Gli investitori istituzionali richiederanno sempre più informazioni e dettagli nel merito

Gli Esg diventeranno un issue centrale nei consigli di amministrazione delle società. E dunque le piccole e medie imprese si trovano di fronte alla sfida della sostenibilità dato che dovranno, a breve, iniziare a rispondere alle insistenti richieste degli investitori istituzionali in materia di Esg. E dunque in quest’ottica che deve essere visto il progetto messo in campo da V- Finance, società del Gruppo Ir Top consulting: la divisione Esg advisory. Questa nasce con l’obiettivo di supportare le imprese in materia di informazioni non finanziarie sulle tematiche Environmental, Social & Governance (Esg) e composta da un team specializzato nel settore della finanza sostenibile. “Stiamo assistendo in questi anni ad una forte evoluzione dei principi Esg che sono divenuti parte integrante nei criteri di investimento nelle Pmi da parte degli investitori istituzionali. Si stima, infatti, che nei prossimi 20 anni gli investimenti sostenibili registreranno una crescita del +67%, raggiungendo 50 trilioni di dollari.

Spiegare come il focus Esg guiderà la crescita futura del business e come le tematiche Esg potranno influenzare strategie aziendali e performance finanziarie diventa la practice da implementare da parte delle società quotate sui mercati regolamentati e su Aim. La nostra decisione di creare una divisione verticale su questo mondo ha l’obiettivo di supportare le aziende nel prepararsi al confronto con gli investitori che rappresentano oltre 20 miliardi di dollari di asset under management secondo i dati del Global Sustainable Investment Alliance e che si stima possano più che raddoppiare nel prossimo ventennio” dichiara Anna Lambiase, Ceo di V-Finance. E dunque la nuova divisione V-Finance affianca le piccole e medie imprese nel processo di inclusione delle tematiche Esg nella reportistica finanziaria a supporto del dialogo con gli investitori istituzionali.

La redazione di un Bilancio di sostenibilità, informazioni non finanziarie, obbligatorio per talune società ai sensi del Decreto legislativo del 30 dicembre 2016, n. 254 diventa best practice ed elemento distintivo per le società Pmi quotate e non.

La divisione Esg Advisory di V-Finance affiancherà le società nel recepimento dei criteri Esg: dall’elaborazione di sustainability report nel rispetto dei Gri standard, alla definizione di politiche di investor engagement fino alla progettazione di piani di Esg strategy, con l’integrazione nella gestione aziendale degli Sdgs (Sustainable Development Goals) dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. La divisione è stata creata per rispondere alla crescente domanda di investitori istituzionali coniugando l’expertise sul mercato dei capitali con le tematiche di sostenibilità al fine di approfondire e monitorare le issue ambientali, sociali e di governance e facilitare il confronto con i mercati finanziari. Il team fornirà consulenza alle società piccole e medie sulle strategie Esg volte a rispondere ai nuovi requisiti imposti dalle policy di investimento nazionali e internazionali.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: SRI-Impact investing Esg