PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Il genio di Tracey Emin e il graffio dell'arte viva

Il genio di Tracey Emin e il graffio dell'arte viva

Salva
Salva
Condividi
Chiara Massimello
Chiara Massimello

05 Marzo 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Esponente di punta dei Young British Artist, Tracey Emin esprime il pulsare della vita con un’arte tecnicamente perfetta, multiforme. Dalla pittura alla installazione, passando per la fotografia. Sempre nel segno della tenacia

Un letto disfatto, lenzuola disordinate, bottiglie di vodka vuote, vestiti appallottolati e kleenex stropicciati, segno di molte lacrime versate. Mozziconi di sigaretta, pillole anticoncezionali e preservativi. Polaroid sparse e disordine ovunque, un terribile disordine.

Non bisogna essere donna per soffrire per amore, per trascorrere quattro giorni nel letto, mangiando, dormendo, fumando e cercando di dimenticare un amore finito. Ma Tracey Emin ha avuto la straordinaria sensibilità di saper descrivere il dolore, la solitudine e il peso di quel momento nel letto più famoso dell’arte contemporanea, “My Bed”.

Il genio di Tracey Emin e il graffio dell'arte viva
Tracey Emin. My Bed, 1998, Mixed Media

A prima vista, l’installazione urta e suscita fastidio, ma soffermandosi sui singoli elementi si ricostruisce la storia che l’artista vuole raccontare, si entra nella sua intimità e nel suo dolore. Realizzata nel 1998, l’installazione (selezionata quell’anno tra i finalisti del Turner Prize), fu comprata nel 2000 dal pubblicitario e collezionista Charles Saatchi che la mise in sala da pranzo. Rivenduta nel 2014 da Christie’s per più di $4 milioni ad un collezionista tedesco, Christian Duerckeim, è ora in prestito alla Tate Britain e divide la sala con Francis Bacon.

Tracey Emin non è solo “il suo letto”, è un’artista tecnicamente molto preparata e il suo lavoro include quasi tutte le forme dell’espressione artistica: il disegno, la pittura, la scultura, la fotografia, il ricamo e i neon. Basta spostarsi di poco nel centro di Londra per trovare una delle sue opere più poetiche e struggenti, “I Want My Time With You”. Il neon, realizzato nel 2018 per la Stazione Internazionale di St Pancreas, misura circa 20 metri ed è posto sotto al grande orologio al fondo dei binari. Scritto a mano, in corsivo, evoca l’intimità e la gioia dell’abbraccio di chi si ritrova dopo un lungo viaggio e accoglie tutti i visitatori che arrivano (arrivavano!) ogni giorno dall’Europa attraverso la Manica.

 

Il genio di Tracey Emin e il graffio dell'arte viva
Tracey Emin, I want my time with you, St Pancreas, London, 2018

Nata nella periferia di Londra e cresciuta in una situazione di povertà e forte disagio, Tracey Emin trova fuga e libertà nell’arte e nel disegno. Parte del gruppo dei Young British Artist alla fine degli anni ’90, si è distinta sin da giovane per il suo stile fortemente autobiografico, provocatorio, ma sempre sincero anche nella sua crudezza. Nelle sue opere vengono a galla emozioni e sentimenti puri che l’artista non ha paura di esprimere. Speranze e umiliazioni, successi e fallimenti. Un racconto in prima persona senza veli né tabù.

I suoi disegni sono passionali e hanno spesso riferimenti sessuali. La donna è sempre protagonista. Ricordano le atmosfere di Schiele e Munch – con cui dovrebbe condividere una mostra alla Royal Academy di Londra, in maggio 2021, “The Loneliness of the soul”. Linee spezzate e veloci, senza dettagli di volti o particolari, sogni immaginari di figure sole e fragili, quasi astratti.

In una bellissima retrospettiva alla Hayward Gallery nel 2011 (“Love is What you Want”) ho imparato ad amare le sue coperte. Realizzate dal 1993, sono patchwork di stoffa composti da colori armoniosi e lettere soffici. Richiamano il lavoro domestico femminile, l’atmosfera di altri tempi e il ricamo davanti al camino, ma i temi che affrontano sono violenti e disturbanti. Racconti fortemente personali, ironici e provocatori, delicati e brutali, davanti ai quali non si può certamente rimanere indifferenti. La prima, “Hotel International” è una sorta di curriculum vitae, una storia della sua infanzia intitolata come l’hotel che si trovava di fronte alla sua casa.

Tracey Emin, Hotel International, 1993

Tracey Emin ha rappresentato la Gran Bretagna alla Biennale di Venezia nel 2007 e oggi è academica della Royal Academy of Arts, una delle artiste più note e quotate del nostro tempo. Quello che amo di più del suo lavoro è la capacità di far entrare le parole nell’arte, come parte dell’opera, espressione dei sentimenti più intimi e delle sue emozioni. La sincerità e la purezza con cui mette a nudo se stessa, i suoi traumi e i suoi ricordi. Il suo bisogno d’amore che trapela dietro la provocazione…”io non posso non amare: se non amo muoio”.

Chiara Massimello
Chiara Massimello
L’arte è un elemento fondante della mia personalità, del mio lavoro, delle mie giornate. Sono storica dell’arte e dal 2013 lavoro come consulente per Christie’s. Ho curato e curo mostre e progetti editoriali e da anni seguo come advisor clienti privati con cui condivido il piacere per un bel dipinto, una bella mostra, o l’acquisto di un’opera importante per la loro collezione. Vivo tra Torino e Londra e viaggio molto per il mio lavoro.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Opere d’ArteDonneConsulenti
ALTRI ARTICOLI SU "Opere d’Arte"
ALTRI ARTICOLI SU "Donne"
ALTRI ARTICOLI SU "Consulenti"