PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Fondi alternativi da record: 2 mila miliardi in Ue

Fondi alternativi da record: 2 mila miliardi in Ue

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

10 Settembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • I settori del private equity e degli hedge fund rappresentano oggi la grande parte del totale

  • Il Regno Unito è il mercato più grande, con 1.180 miliardi di euro di patrimonio gestito

Il patrimonio totale gestito per i fondi alternativi con sede in Europa ha raggiunto per la prima volta, a fine 2019, i 2 mila miliardi di euro di masse in gestione. E nonostante il covid, nel 2020 le attività si mantengono ai massimi storici

Se nel 2019 i rendimenti a zero hanno spinto gli investitori a portare sempre più capitali ai fondi alternativi, secondo un report Preqin realizzato in collaborazione con Amundi, un calo nel 2020 è molto probabile. Ma proprio per questo il ruolo degli investitori privati è cruciale.

Quest’anno non aspettatevi che i fondi alternativi raggiungano i livelli del 2019, ma il trend di crescita rimane positivo. Secondo il 2020 Preqin Markets in Focus: Alternative Assets in Europe, i 10 maggiori fondi di private equity attualmente sul mercato europeo cercano di raccogliere circa 70 miliardi di euro. I numeri degli accordi sono diminuiti, sebbene un’infarinatura di mega accordi abbia sostenuto i valori.

L’Europa è stata duramente colpita dalla pandemia, non solo in termini sanitari ma anche economici, e per la fine dell’anno è previsto un calo del Pil del 10,2% – si legge nel report. “Rapide azioni fiscali e di sostegno hanno tenuto in vita le aziende ei leader dell’Ue hanno concordato un fondo e un budget per il recupero di 1,82 miliardi di euro. Ma queste misure non dureranno per sempre e gli investitori del private equity hanno un ruolo cruciale da svolgere mentre le aziende si adattano al mondo post-covid”.

A fine 2019 le masse gestite dai fondi di investimento alternativo ammontavano alla cifra record di 2 mila milairdi, in crescita rispetto a 1,79 mila miliardi di fine 2018 e i 1,39 trilioni di dicembre 2015. Il rapporto Preqin rileva che i settori del private equity e degli hedge fund rappresentano la grande parte del totale, con masse in gestione rispettivamente di 795 miliardi 609 miliardi di euro. “La crescita dell’industria europea degli alternative è stata impressionante, con un aumento di oltre 200 miliardi di euro in soli 12 mesi. Le masse in gestione sono cresciute del 44% tra dicembre 2015 e dicembre 2019 e l’Europa rappresenta ora il 21% dell’industria globale”. Il Regno Unito è il mercato più grande, con 1.180 miliardi di euro di patrimonio gestito, seguito dalla Francia (242 miliardi di euro); dall’inizio dell’anno, la Germania ha superato per la prima volta il Regno Unito come mercato di capitali privati ​​più attivo per valore totale dell’operazione.

La pandemia di covid19 ha frenato l’attività in tutta l’area, ma il settore “rimane robusto e vivace e ci sono indicazioni che l’attività potrebbe riprendersi con la rimozione delle restrizioni. Come per il più ampio panorama finanziario, la pandemia ha causato notevoli sconvolgimenti nel settore degli alternative in Europa, raccolta di fondi e conclusione di accordi hanno subito un impatto diretto dall’inizio dell’anno. Ma mentre l’attività non è ai massimi storici che abbiamo visto negli ultimi anni, i fondi continuano a raccogliere capitali e i gestori stanno investendo per lavorare, poiché l’appetito degli investitori rimane forte. Gli asset alternativi sono visti come un diversificatore del portafoglio e un ammortizzatore della volatilità, e nel complesso come una fonte di interessanti rendimenti aggiustati per il rischio in un mondo di tassi di interesse costantemente bassi e azioni volatili”.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Venture & Private Equity