PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Fondi, ecco le categorie più performanti nel terzo trimestre

Fondi, ecco le categorie più performanti nel terzo trimestre

Salva
Salva
Condividi
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani

08 Ottobre 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Nel terzo trimestre i mercati sono cresciuti. L’indice Morningstar global markets ha guadagnato il 3%, quello statunitense il 4,2%, l’europeo lo 0,12%, mentre le Borse emergenti sono salite del 3,6%

  • I fondi posizionati su Nord Europa, Cina, rinnovabili e società a bassa capitalizzazione sono quelli che hanno reso di più negli ultimi tre mesi

  • Sul fronte del reddito fisso il migliore investimento è stato quello in obbligazioni a lungo termine

Nord Europa e Cina, rinnovabili, small cap, growth e obbligazionario a lungo termine. È stato questo il mix perfetto per recuperare quanto perso nella prima metà dell’anno. Nell’universo dell’asset management i fondi posizionati su questi segmenti sono stati i più redditizi nel terzo trimestre

La fine di un trimestre equivale a dire tempo di bilanci. Dopo tre mesi in cui gli indici azionari hanno chiuso a un prezzo maggiore rispetto a quello con cui hanno aperto a inizio periodo, ci si chiede quale area di investimento sia stata la più redditizia. Guardando all’universo dei fondi d’investimento, stando ad un’analisi fatta da Morningstar, emerge un quadro chiaro. In merito al posizionamento geografico gli asset manager che hanno puntato sul Nord Europa sono quelli che hanno avuto le soddisfazioni maggiori, mentre le energie rinnovabili spiccano a un’analisi settoriale. Infine, in linea con quanto predetto dalla teoria, l’investimento in imprese a medio-bassa capitalizzazione è stato il più generoso.

Le migliori categorie nel terzo trimestre

Il terzo trimestre 2020 è stato a livello globale all’insegna del  “più” per i mercati azionari. L’indice Morningstar global markets ha guadagnato il 3%, quello statunitense il 4,2%, l’europeo lo 0,12% mentre le borse emergenti sono salite del 3,6%. Ma alcune aree d’investimento sono state più remunerative di altre. A guidare la classifica dei migliori fondi, secondo Morningstar, ci sono quelli appartenenti alla categoria dell’energie rinnovabili, che in media hanno generato nello scorso trimestre il 21,12%. A due cifre anche il rendimento dei fondi posizionati sulle imprese nord europee, in particolare quelle a media capitalizzazione (17,96%). Infine buone performance anche per i fondi su Cina e Corea, che in media hanno ottenuto il 9,71% e il 9,20% trimestrale

Dati in euro al 30 settembre 2020. Sole categorie con fondi disponibili in Italia. Fonte: Morningstar direct.

L’ordine nordico e la ripresa cinese

Conti in ordine e ripresa economica. Sono le rispettive ragioni che hanno portato le imprese con sede in Nord Europa e in Cina a crescere. È quanto sostengono Jonas Lindmark, caporedattore di Morningstar in Svezia e Stefan Breintner, Deputy Head of Research & Portfolio Management di DJE Kapital, intervistati da Morningstar.

Secondo Lindmark, oltre a una migliore gestione dell’epidemia rispetto al modello mediteranneo,  sulla miglior performance delle società del Nord Europa “ha contribuito anche l’aumento delle aspettative di crescita dei profitti”. In particolare quelle del settore finanziario. “Le banche nordiche hanno bilanci più in salute di quelle dell’area mediterranea”. Secondo invece l’esperto di DJE Kapital, il driver principale della crescita della Cina sono stati i consumi, che contano per il 38% del Pil. Proprio una maggiore dipendenza della domanda interna è uno dei principali obiettivi che si pone la presidenza di Xi Jinping. “Concentrandosi sui consumi domestici e promuovendo specificamente alcune regioni e tecnologie, la Cina vuole rendere la propria economia più indipendente dall’estero. La promozione di tale indipendenza probabilmente sarà un obiettivo dichiarato del quattordicesimo Piano quinquennale, che sarà introdotto a marzo 2021”.

Il futuro è rinnovabile

Su invece le performance registrate dai fondi posizionati sulle energie rinnovabili pesa un futuro che sempre di più sembra non poter prescindere dalla componente green. Gli obiettivi dell’Unione Europea per il 2030 sono tre: riduzione del 40% delle emissioni di C02 rispetto ai livelli del 1990, risparmio di energia per un terzo del consumo attuale a parità di condizioni e coprire tramite energie rinnovabili il 30% del fabbisogno energetico. Per raggiungere questi traguardi secondo la Banca europea per gli investimenti, saranno necessari tra i 175 e i 270 miliardi di dollari.

Small cap e growth non tradiscono

Infine in merito allo stile d’investimento, sono stati premiati i fondi che hanno puntato sulle imprese a bassa e media capitalizzazione. Con riguardo allo scenario europeo i fondi sulle mid-small cap hanno performato intorno al 8% contro  il 4,6% di quelli sulla large cap. Chi ha preferito scommettere su quest’ultime ha ottenuto rendimenti maggiori andando a scegliere aziende a vocazione growth

Dati in euro al 30 settembre. Fonte: Morningstar direct

… e sull’obbligazionario

Sul fronte del reddito fisso, tra i fondi che hanno come valuta di riferimento l’euro, i migliori nel terzo trimestre, sono stati quelli specializzati sulle obbligazioni a lungo termine, seguiti da high yield, corporate bond e strumenti diversificati. I comparti con focus sui governativi hanno segnato un incremento medio dell’1,24%.

Dati in euro al 30 settembre. Fonte: Morningstar direct
Lorenzo Magnani
Lorenzo Magnani
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Risparmio GestitoMorningstar