PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Risparmi: 4 americani su 10 investirebbero di più

Risparmi: 4 americani su 10 investirebbero di più

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

14 Ottobre 2020
Tempo di lettura: 7 min
Tempo di lettura: 7 min
Salva
  • Il segmento retail investing ha registrato un boom durante il lockdown e il trend rimane in crescita

  • Stando ai dati di una ricerca di Morning Consult, il 42% degli americani intervistati vorrebbe investire di più

  • Coloro che hanno dichiarato di voler investire di più sono più propensi al  rischio

Una nuova ricerca di Morning Consult traccia il profilo dell’investitore retail Usa. Il 42% degli intervistati vorrebbe investire di più

Il boom di popolarità della app di trading Robinhood è solo la punta dell’iceberg di un fenomeno che sta prendendo sempre più piede negli Usa: l’ascesa del retail investing. Una ricerca condotta a fine agosto da Morning Consult su un campione di 2.200 adulti statunitensi ha indagato sul trend, facendo luce su attitudini, preferenze e aspettative degli investitori al dettaglio.

“La combinazione di app di trading gratuite, un mercato rialzista ben performante alimentato dai colossi della tecnologia e una pandemia che ha costretto milioni di americani a rimanere a casa ha portato negli ultimi mesi a un’attenzione senza precedenti verso gli investimenti al dettaglio negli Stati Uniti” spiega il report, evidenziando che “man mano che il retail investing diventerà più accessibile e coinvolgerà sempre più americani, la spesa dei consumatori diventerà sempre più sensibile ai cambiamenti nel mercato azionario”, con implicazioni a livello macroeconomico.

Un’analisi di Larry Tabb di Bloomberg Intelligenceha rivelato che, ad oggi, i trader al dettaglio rappresentano il 20% del trading azionario (rispetto al 15% dello scorso anno) posizionandosi come il secondo più grande gruppo di investitori nel mercato. Stando ai dati raccolti da Morning Consult, la crescita di questo segmento non è destinata ad arrestarsi. Se, da un lato, la metà degli americani intervistati ha dichiarato di voler mantenere invariati gli attuali livelli di investimento, il 42% vorrebbe investire di più. Di questo 42%, il 25% sono già investitori retail mentre il restante 17% dichiara di non esserlo (fig.1).

Pensando alle tue attuali abitudini di investimento (anche se non stai attualmente investendo), ti piacerebbe investire di più, di meno o lo stesso? (Fonte: Morning Consult)
Fig. 1 - Pensando alle tue attuali abitudini di investimento (anche se non stai attualmente investendo), ti piacerebbe investire di più, di meno o lo stesso? (Fonte: Morning Consult)

In particolare, guardando ai tratti demografici, a voler investire di più sono i più giovani (millennials e Gen Z), chi è in possesso di un titolo di studio più avanzato, un reddito più elevato, e chi lavora nel settore privato. Inoltre, è interessante notare come coloro che hanno dichiarato di voler investire di più presentino delle chiare differenze psicografiche rispetto a chi non intende aumentare i propri investimenti (50%) o intende diminuirli (8%). I primi sono infatti più propensi al rischio (fig.2), con oltre i 2/3 (74%) che sono “tolleranti al rischio” (ovvero sono pronti ad assumersi rischi finanziari sopra la media o sostanzialmente sopra la media e si aspettano di ottenere rendimenti superiori alla media) o “average risk-takers” (ovvero sono pronti ad assumersi rischi finanziari  e prevedono rendimenti nella media).  La percentuale scende al 47% tra coloro che vogliono investire lo stesso ammontare e al 35% tra coloro che vogliono investire meno.

Su una scala da zero a dieci, dove zero è “non affatto disposto a correre rischi” e dieci è “molto disposto a correre rischi”, come ti valuteresti? (Fonte: Morning Consult)
Fig.2 - Su una scala da zero a dieci, dove zero è “non affatto disposto a correre rischi” e dieci è “molto disposto a correre rischi”, come ti valuteresti? (Fonte: Morning Consult)
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "coronavirus"
ALTRI ARTICOLI SU "Digital transformation"