PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La Cina in Europa, summit con Ursula, Angela, Jinping

La Cina in Europa, summit con Ursula, Angela, Jinping

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

14 Settembre 2020
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Gli ultimi dati Ocse dicono che Cina è l’unico paese del G20 a registrare una crescita (+11,5%). Ad agosto le esportazioni erano aumentate del 9,5% rispetto al mese precedente. Oxford Economics stima che la Cina nel secondo trimestre 2020 occupava il 17,2% delle esportazioni mondiali

  • Ursula Von der Leyen: “La Cina deve dimostrarci che i suoi investimenti ci convengono”

  • La presidente della Commissione ha insistito sul riequilibrio dell’asimmetria fra Cina ed Europa, riferendosi anche ai settori del biotech e dell’informatica, all’acciaio, all’alluminio e ribadendo la necessità di portare il dialogo sul digitale fra Dragone e Ue “a un livello elevato”

Summit virtuale fra Cina ed Europa. Continua l’approccio “assertivo” del Dragone nei confronti dell’Ue. Sul tavolo, il trattato per gli investimenti cinesi nel Vecchio Continente, da chiudersi auspicabilmente (per l’ex Celeste Impero) entro la fine del 2020. Ma le istituzioni europee ribadito le proprie posizioni in tema di correttezza commerciale e diritti umani

Gli appetiti delle potenze per l’Europa risalgono a Zeus, che sotto forma di toro bianco in un tempo mitologico rapì la fanciulla. Nel 2020, chi ambisce a essere il toro bianco per il Vecchio Continente è il Dragone. Nel solco di questo interesse, si è tenuto il 14 settembre 2020 il secondo round di colloqui fra Cina e Unione Europea (il precedente si era tenuto il 22 giugno). All’ordine del giorno: questioni inerenti a cambiamento climatico e biodiversità, commercio e investimenti, risposta al covid19, diritti umani. Intorno al tavolo, rigorosamente virtuale, la presidente della Commissione Ursula Von der Leyen, la presidente di turno Ue Angela Merkel, il preside del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente cinese Xi Jinping.

Quest’ultimo è forte di una ripresa che nella Terra di Mezzo non è passata dalla recessione. Gli ultimi dati Ocse dicono che Cina è l’unico paese del G20 a registrare una crescita (+11,5%). Ad agosto le esportazioni erano aumentate del 9,5% rispetto al mese precedente. Oxford Economics stima che la Cina nel secondo trimestre 2020 occupava il 17,2% delle esportazioni mondiali. Nel 2019, la media era del 13,9%. Sul fronte surplus commerciale, l’ex Celeste Impero godeva ad agosto di un avanzo di 58,93 miliardi di dollari (di cui 34,2 nei confronti degli Usa).

Nelle altre economie del G20 invece il Pil si è contratto mediamente dell’11,8%. Il crollo viene definito “drammatico” in India (-25,2%) e nel Regno Unito (-20,4%). Risultati pesanti anche per paesi come la Francia (-13,8%), l’Italia (-12,8%) e la Germania (-9,7%).

Le “quattro perseveranze” di Xi

Al termine del summit, il presidente cinese Xi Jinping ha confermato un’accelerazione dei colloqui sul trattato per gli investimenti con l’obiettivo di chiudere i negoziati entro il 2020. Lo riporta l’agenzia Xinhua, aggiungendo che l’incontro ha permesso di raggiungere decisioni per intavolare dialoghi ad alto livello su clima e digitale [Tibet e Uiguri: omissis]. Nel suo intervento, Xi si è attardato sulle “quattro perseveranze”. Ovvero, coesistenza pacifica, apertura e cooperazione; multilateralismo; dialogo e consultazioni.

“La Cina deve dimostrarci che i suoi investimenti ci convengono”

Nessun riferimento ai diritti umani e alla sostenibilità dello sviluppo economico, temi carissimi alle controparti europee e soprattutto a Ursula Von der Leyen, la quale senza mezzi termini ha dichiarato in conferenza stampa che “la Cina deve dimostrarci che i suoi investimenti ci convengono”. Sempre la Von der Leyen ha toccato altri tasti dolenti per il sistema Cina: la questione delle imprese di Stato, il trasferimento di tecnologia, il ripensamento della posizione del Dragone nell’ambito del Wto. La presidente della Commissione ha insistito sul riequilibrio dell’asimmetria fra Cina ed Europa, riferendosi anche ai settori del biotech e dell’informatica, all’acciaio, all’alluminio e ribadendo la necessità di portare il dialogo sul digitale fra Dragone e Ue “a un livello elevato”.

Alcuni analisti (come Lucrezia Poggetti di Merics) ritengono che la Cina si sia impegnata in una “diplomazia di facciata”. Sulla stessa linea d’onda gli osservatori intervistati da Politico, critici nei confronti dell’assertività cinese. Fra questi, lo scienziato politico Mikko Huotari afferma senza mezzi termini che un accordo sugli investimenti con Pechino è “molto ambizioso e destinato al fallimento”.

Tiziano, Il ratto di Europa (1560-1562)

Ue deve essere attore, non palcoscenico

“L’Europa deve essere un player, non un campo di gioco. Oggi abbiamo fatto un passo avanti per una relazione più equilibrata con la Cina. In alcune aree siamo sulla strada giusta, in altre dobbiamo fare ancora strada. Esistono differenze, ma siamo pronti a lavorare. Vogliamo una relazione economica basata su reciprocità, responsabilità”. Così il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, durante la conferenza stampa.

Poi, un riferimento alla vicenda più drammatica degli ultimi mesi: “La legge sulla sicurezza nazionale ad Hong Kong continua a sollevare grande preoccupazione”. Quindi Michel aggiunge che “le voci democratiche ad Hong Kong devono essere ascoltate, i diritti vanno protetti e l’autonomia va preservata”. E poi, un riferimento alle già forti relazioni commerciali fra i due attori e alla necessità di “una relazione più equilibrata” nell’ambito di un trattato sugli investimenti. Si tratterebbe di un accordo importante in molti ambiti, aggiunge Michel. Ma “la Cina ha forti responsabilità sulle minoranze e sul Tibet”. Il presidente del consiglio europeo fa anche un cenno all’importante ruolo della Cina in Africa.

Angela Merkel: “Guardare alla realtà e non farsi illusioni”

Così la cancelliera tedesca Angela Merkel: “È positivo e importante cercare di avere rapporti strategici con la Cina. Ma dobbiamo anche guardare la realtà e non possiamo farci illusioni. Economicamente la Cina è diventata molto più forte, pertanto gli appelli alla reciprocità e a regole per una concorrenza leale (level playing field) sono più che giustificati”. Merkel poi ricorda che “la cooperazione” con Pechino “deve basarsi su determinati principi”, mentre devono esserci regole per il multilateralismo. Per la presidenza di Frau Merkel, un ulteriore impegno geopolitico di cruciale importanza.

Il meeting si sarebbe dovuto tenere alla presenza dei Ventisette a Leipzig (ex DDR, Germania Est) e sarebbe dovuto durare tre giorni. La sobrietà della crisi pandemica ha trasformato però il meeting in senso digitale, riducendolo a poche – forse decisive – ore.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniCinaEuropa