PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Miliardari e coronavirus: chi ci guadagna e chi ci perde

Miliardari e coronavirus: chi ci guadagna e chi ci perde

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

01 Aprile 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Se da una parte ci sono milionari come Bezos con Amazon che con il coronavirus stanno facendo affari. Il sito è usato da milioni di persone in tutto il mondo a causa della quarantena forzata

  • Dall’altra parte ci sono milionari che perderanno parte della loro fortuna dato che hanno investito in hotel di lusso o nel settore dei giochi

Il coronavirus colpirà duramente anche le finanze di diversi miliardari, soprattutto di quelli che hanno investito o costruito la loro ricchezza su settori che al momento sono in piena emergenza economica. Altri invece ci stanno “guadagnando”

Il coronavirus è una pandemia. E come tale sta dando vita a un’emergenza sanitaria senza precedenti in tutti gli stati del mondo. Oltre a questo aspetto il virus sta anche mettendo in ginocchio diverse economie nazionale. Per prevenire infatti l’avanzata del contagio molto governi hanno imposto la chiusura di tutte le attività non essenziali. E questo ha portato ad un freno per diverse economie nazionali. Non solo però le varie nazioni sono in crisi, ma anche i miliardari. Secondo un’analisi fatta da Visualcapitalist le finanze di molti paperoni saranno messe a dura prova. C’è però da dire che alcuni di loro dal coronavirus ci stanno invece “guadagnando”.

E dunque parliamo di Jeff Bezos, il fondatore di Amazon è l’uomo più ricco al mondo con un patrimonio di 117 miliardi di dollari. Anche se Bezos ha la maggior parte della sua ricchezza legata alle azioni della sua società, al momento queste rimangono stabili, nonostante la forte volatilità.

Questo avviene dato che con la quarantena forzata di milioni di persone Amazon sta lavorando il doppio se non il triplo. Tra consegne a domicilio dalla spesa e oggetti vari, la piattaforma del colosso del web è letteralmente presa d’assalto in tutto il mondo. E dunque l’impero creato da Bezos al momento non ne sta risentendo, anzi gli sta servendo per aumentare il suo traffico.
Stessa sorte per la famiglia Walton, eredi della catena di supermercati Walmart. In questo caso il prezzo delle azioni dell’azienda rimangono stabili, nonostante la volatilità. Il motivo? Come per Amazon i supermercati sono le uniche attività autorizzate a vendere e dunque a rimanere aperte anche in un momento di pandemia. Inoltre, molti consumatori presi dall’ansia saccheggiano i vari reparti del supermercato. E questo non fa altro che accrescere l’incasso per queste strutture.

Stessa sorte non si può dire invece per tutti quei paperoni che hanno costruito la propria ricchezza su settori come il turismo o i giochi. E dunque Sheldon Adelson o Philip Anschutz che posseggono hotel di lusso e casinò vedranno la loro ricchezza subire un duro colpo. D’altra parte questi sono proprio due settori che fin dall’inizio della pandemia hanno iniziato a mostrare i primi segni di cedimento, essendo strettamente legati al movimento delle persone.

E dunque se abbandonare la città per andare su un’isola di proprietà o nella casa in campagna è diventata una moda tra i paperoni di tutto il mondo, scappare dallo tsunami economico del coronavirus non sarà altrettanto facile.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni Europa