PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

I consulenti si aspettano il ritorno della volatilità

I consulenti si aspettano il ritorno della volatilità

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

19 Luglio 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Secondo il 55% degli advisor interpellati, l’azionario europeo rappresenterà l’asset class più volatile

  • I consulenti finanziari ritengono che la volatilità si abbatterà anche sui corporate bond (42%) e l’azionario statunitense (31%), anche se in misura minore rispetto alle altre asset class

  • Gli investimenti meno rischiosi secondo i consulenti sono quelli in cash (42%), seguiti da immobili (26%), asset alternativi (25%), obbligazioni (25%), real assets (23%)

I consulenti finanziari si aspettano un ritorno della volatilità sui mercati nei prossimi mesi. A rivelarlo sono i dati della survey di Ihe e Time Investments

Volatilità in vista nei prossimi 12 mesi. A prevedere mercati ancora turbolenti è la maggioranza dei consulenti finanziari intervistati dalle società Ihe (Heritage Tax Planning) e Time Investments. Secondo il 55% degli advisor interpellati, l’azionario europeo rappresenterà l’asset class più volatile, seguita dall’equity del Regno Unito (48%). Una risposta, quest’ultima, che non sorprende vista l’incertezza che aleggia ancora intorno alla vicenda Brexit. L’attuale governo non è un leader e il Regno Unito potrebbe sfrecciare verso un’uscita senza accordo il prossimo 31 ottobre.

I consulenti finanziari, sempre secondo la survey di Ihe e Time Investments, ritengono che la volatilità si abbatterà anche sui corporate bond (42%) e l’azionario statunitense (31%), anche se in misura minore rispetto alle altre asset class. Le preoccupazioni relative all’aumento della volatilità e il conseguente innalzamento del livello di rischio, si riflettono anche sul sentiment degli investitori. I consulenti hanno dichiarato che la metà dei propri clienti (49%) è molto nervosa rispetto agli investimenti sull’azionario e anche desiderosa di ridurre il rischio nel proprio portafoglio.

Ma quali sono – secondo i consulenti – gli investimenti con un basso profilo di rischio? Per il 42% degli advisor gli investimenti in cash, seguiti dagli immobili (26%), asset alternativi (25%), obbligazioni (25%), real assets (23%) e prodotti strutturati (22%). Le caratteristiche che accomunano questi investimenti, in ordine di importanza, sono bassa correlazione, strategie di income difensive, flussi di reddito sicuri, investimenti per la crescita, correlazione con l’inflazione.

“È probabile che la volatilità rimanga ancora per un po’ di tempo sui mercati”, commenta Henny Dovland di Time Investments, secondo quanto riporta Adviser Points of View. “Questo sta avendo un impatto sul sentiment degli investitori e sul loro atteggiamento nei confronti del rischio. Di conseguenza, i consulenti raccomandano investimenti con caratteristiche quali strategie difensive e flussi di reddito sicuri, che sono meno volatili e mirano a fornire una maggiore certezza sui rendimenti rispetto all’azionario”, aggiunge Dovland.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Outlook e Previsioni