PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

La Brexit è un disastro superiore al covid, in ogni caso

La Brexit è un disastro superiore al covid, in ogni caso

Salva
Salva
Condividi
Teresa Scarale
Teresa Scarale

15 Settembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva

Bofa è impietosa con lo scenario post transizione Brexit: lo ritiene peggiore del covid. Sia che il Regno Unito raggiunga un accordo con l’Ue che in caso di no deal. Ma nemmeno per l’Eurozona le prospettive sono rosee

Per Bank of America Merryl Lynch gli sviluppi Brexit fanno temere il peggio: sia nello scenario di un accordo che nel suo contrario. Entrambi sono “molto cattivi” nelle previsioni di Bank of America. Nel caso di un accordo “leggero” gli analisti prevedono per il Regno Unito una contrazione del 5-7% del pil nel lungo periodo.

Nel caso di no deal, la situazione peggiora a una riduzione del 5-9%. Il che vuol dire che la Brexit è uno shock superiore al covid nel lungo periodo. Un accordo non farebbe che rendere più morbidi i primi sei mesi del 2021, anziché concentrare gli effetti della “separazione” tutti a gennaio. In sintesi, Bofa si aspetta “rilevanti costi economici di lungo periodo, un’elevata probabilità di shock nel breve e una consistente incertezza nell’ultimo trimestre del 2020”.

E ben poco potrà la Banca d’Inghilterra, se non incrementare il suo programma di acquisto titoli di 100 miliardi a novembre, con un taglio dei tassi a zero nel 2021 o a novembre stesso. In caso di no deal, il tasso di riferimento potrebbe essere -0,5%. Per l’Eurozona, in caso di no deal il tasso potrebbe scendere di 40 punti base.

Il fronte interno all’Eurozona: tutte le strade portano al Pepp

Nella sua ultima riunione, la Bce si è mostrata colomba, ma con sprazzi da falco. Anche se, (la banca) “non ha le mani sul grilletto”. L’osservazione arriva da Bank of America Merryl Lynch. Perché? La Bce ha mancato, secondo gli analisti di Bofa, di insistere sulla questione della deflazione emersa ad agosto (-0,2% il tasso di crescita dell’inflazione core, quella depurate dai prezzi dell’energia e degli alimentari). Bofa non crede che la deflazione di agosto sia imputabile solo alla riduzione dell’Iva tedesca o all’andamento a rilento delle svendite estive. Il report vede più segnali deflazionistici che inflazionistici.

Gli analisti prevedono che la Bce aumenterà ancora il suo Pepp (Pandemic emergency purchase programme) di 500 miliardi a dicembre. Il motivo principale – oltre all’inflazione sotto zero – è dato dal non arrestarsi dei contagi: le stime di R restano superiori a 1 per l’Europa. La ripresa è troppo lenta (-7,3% la produzione industriale per quest’anno, +3,8% per il 2021), molto lontana dai livelli di attività pre-covid, né si vede all’orizzonte il ritorno di una domanda robusta. E le prospettive sono cupe anche per il mercato del lavoro. Più Pepp per la Lagarde vuol dire più acquisti di obbligazioni societarie europee, secondo il rapporto. Per gli analisti, a beneficiare dello shopping corporate – soprattutto green – dell’Eurotower saranno settori sensibili al covid come auto, immobiliare, servizi e trasporti.

Per inciso: gli analisti di Bofa apprezzano la flessibilità del programma di acquisto di emergenza pandemica, ritenendola adeguata al contesto. Anche il Next Generation Fund Eu viene salutato con favore.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniUKEuropa