PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Bce sempre più sostenibile tra collaterali e Qe

Bce sempre più sostenibile tra collaterali e Qe

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

22 Settembre 2020
Tempo di lettura: 10 min
Tempo di lettura: 10 min
Salva
  • Bce sempre più green: a partire dal primo gennaio 2021, i bond con coupon legati alla sostenibilità saranno tra i titoli accettati come collaterale e inclusi nei programmi di Qe

  • Nella categoria dei corporate bonds, la percentuale di green bonds è pari al 5% e attualmente la Bce (con l’Eurosistema) ne detiene circa il 20%

  • Giacomo Alessi (Marzotto Sim): “il provvedimento preso questo lunedì dalla Bce va sicuramente a fortificare la volontà politica di conseguire obiettivi di sostenibilità nel minor tempo possibile”

I bond con cedole “green” verranno inclusi tra i collaterali e nei programmi di acquisto della Bce (App e Pepp)

Prosegue la svolta green della Bce. La Banca Centrale Europea ha annunciato che, a partire dal primo gennaio 2021, le obbligazioni con cedole legate alla sostenibilità ambientale saranno tra i titoli accettati come collaterale (garanzia) per le operazioni di rifinanziamento. In aggiunta, questi bond potranno essere inclusi (nel rispetto di determinati criteri) nei programmi di acquisto condotti dall’Istituto (App e Pepp).

“Le cedole devono essere legate a un obiettivo di performance relativo a uno o più dei target ambientali fissati nel Regolamento Ue sulla tassonomia e/o a uno o più degli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Onu (Sdg – sustainable development goals, ndr) sul cambiamento climatico o il degrado ambientale” precisa un comunicato ufficiale dell’Istituto di Francoforte.

La mossa, in linea con la volontà della numero uno Christine Lagarde di rendere la lotta al cambiamento climatico una priorità strategica dell’Istituto, “estende ulteriormente l’universo degli asset negoziabili ammissibili per l’Eurosistema e segnala il sostegno dell’Eurosistema all’innovazione nel campo della finanza sostenibile”. Come sottolinea Bloomberg, nella categoria dei corporate bonds, la percentuale di green bonds è pari al 5% e attualmente la Bce (con l’Eurosistema) ne detiene circa il 20%.

“Il provvedimento preso questo lunedì dalla Bce va sicuramente a fortificare la volontà politica di conseguire obiettivi di sostenibilità nel minor tempo possibile” commenta a We Wealth Giacomo Alessi, senior financial analyst di Marzotto Sim, sottolineando come la notizia rappresenti un’ulteriore conferma della crescente attenzione per il mercato esg. Tuttavia, a detta dell’analista, la direttiva “non genererà grandissime reazioni da parte del mercato, considerando che andrà ad impattare su un ristretto numero di emittenti”. “La nuova disposizione – conclude Alessi – fornisce un ulteriore stimolo alle banche nell’ottica di finanziare progetti sostenibili e suggerisce agli investitori come i nuovi strumenti esg (sia bond che loans) verranno il più possibile supportati dalle autorità”.

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Outlook e PrevisioniBce