PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

2020: i mercati non si fermano, ma attenzione ai rischi

2020: i mercati non si fermano, ma attenzione ai rischi

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

26 Novembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • I mercati rialzisti generalmente non muoiono di vecchiaia, ma per una combinazione di fattori

  • La diffusione di innovazione e automazione continuerà a creare vincitori e vinti in molti settori, tra cui healthcare, media, energia e internet

  • “Anche se i rendimenti obbligazionari nel 2020 potrebbero essere più deboli rispetto al 2019, vale ancora la pena di mantenere un’allocazione significativa alle obbligazioni core nei portafogli”

Il 2020 è alle porte e i mercati non sembrano arrestare la propria corsa, ma devono guardarsi dai rischi sempre in agguato, per tutte le asset class. L’analisi tecnica è di T. Rowe Price

Cosa riserverà il 2020 agli investitori? Da T. Rowe Price fanno sapere: ripresa economica globale nel breve termine. Il tutto, nonostante il rallentamento di Usa e Cina. A ciò si aggiunge il possibile recupero dell’azionario internazionale rispetto all’equity statunitense, in cui invece i rischi saranno più elevati. si presenteranno inoltre opportunità nel debito high yield. L’analisi che segue si basa sui dati emersi durante il Global market outlook dell’asset manager di Baltimora, tenutosi a New York.

Mercati 2020: i rischi per i vari asset

Nel breve termine si prospetta dunque una ripresa dell’economia globale. Il merito è della diminuzione dei timori per il commercio globale e dello stabilizzarsi delle economie manifatturiere. L’inflazione rimarrà contenuta a livello mondiale, rispetto ai target delle banche centrali, anche se in alcune aree aumenterà la pressione salariale. Per il 2020, il potenziale di rialzo della crescita globale resta tuttavia limitato e i rischi sono sbilanciati al ribasso.

“Mi aspetto che il prossimo anno l’impatto degli stimoli fiscali sarà neutrale nel complesso, anche se il margine per ulteriori tagli dei tassi varierà da economia a economia. E’ il commento di Alan Levenson, capo economista per gli Usa, per cui “l’inflazione nel complesso rimarrà ostinatamente ridotta, spianando la strada per una tendenza generale all’allentamento monetario”.

“L’Europa sta affrontando fattori ciclici negativi per la domanda core, mentre l’economia statunitense dovrebbe rallentare nel corso del 2020. Con un’urbanizzazione che procede a ritmo più lento, il rallentamento economico in Cina è destinato a proseguire, anche se venisse meno la trade war. Inoltre, lo stimolo cinese resterà limitato, per contenere la crescita del debito nel Paese”.

Azionario Usa: rischi e opportunità dei mercati 2020

Nonostante il mercato azionario Usa abbia toccato nuovi massimi, gli investitori devono fare i conti con rischi più elevati e una maggiore incertezza geopolitica. Fattori questi, dovuti non solo alla trade war, ma anche ad altri fattori come Brexit, l’instabilità in Medio Oriente, le proteste di Hong Kong e le elezioni presidenziali Usa. D’altra parte, non vi sono segnali che le valutazioni siano diventate eccessive, essendo in linea con le medie storiche mondiali. La diffusione di innovazione e automazione continuerà a creare vincitori e vinti in molti settori, tra cui healthcare, media, energia e internet.

Rialzo azionario: la fase più longeva della storia

“L’attuale fase rialzista del mercato è la più longeva della storia, ma non quella che ha messo a segno il rialzo più elevato. I mercati rialzisti generalmente non muoiono di ‘vecchiaia’, ma per una combinazione di fattori come un rallentamento economico, errori nelle politiche della Fed, incertezza normativa e politica e valutazioni eccessive. Vi sono rischi elevati per il 2020 e una gamma molto ampia di esiti possibili, ma nel complesso ci aspettiamo rendimenti positivi, con opportunità nei titoli non difensivi ad alto tasso di dividendi e nelle ‘platform company’ con prezzi attraenti”. E’ stato il commento di John Linehan, chief investment officer, equity e portfolio manager.

Il mercato azionario internazionale

I mercati azionari internazionali hanno sottoperformato sistematicamente l’equity statunitense nell’ultimo decennio per una combinazione di elementi strutturali, forza del dollaro, disparità nelle valutazioni e fattori ciclici. Considerando che da 18 mesi è in corso una recessione del capex e da otto mesi una correzione nelle scorte, che vanno a sommarsi all’impatto negativo della trade war e della Brexit, c’è ragione di credere che le aspettative di crescita e di inflazione abbiano ormai superato il punto di minimo e siano pronte a risalire.

“Le condizioni attuali del ciclo sono favorevoli per una sovraperformance dell’azionario internazionale. Gli effetti negativi della guerra commerciale Usa-Cina e della Brexit hanno avuto un forte impatto sui mercati internazionali. Ma ora è possibile che la situazione stia cambiando e che tali effetti lascino il posto a venti di coda positivi come l’incremento dell’innovazione nei mercati sviluppati ed emergenti, i modelli di governance più efficaci e le dinamiche demografiche più favorevoli negli emergenti”. A parlare è Justin Thomson, chief investment officer, equity e portfolio manager, il quale conclude come segue. “Vi è anche la possibilità che le valutazioni nell’azionario internazionale recuperino terreno”.

Obbligazionario globale

Il contesto di rendimenti limitati o negativi rende più appetibili le aree dei mercati globali con reddito più elevato. Specialmente se si considera il miglioramento della qualità nella composizione del segmento high yield. I bond Hy e il debito emergente hanno generato solidi rendimenti aggiustati per il rischio nell’ultimo decennio. Le obbligazioni core hanno registrato perdite annuali in tre degli ultimi 40 anni. I rischi principali per il mercato sono le guerre commerciali, le incertezze politiche, l’inversione della curva dei rendimenti, un rallentamento globale più pronunciato del previsto, utili deludenti o un deterioramento della fiducia e della spesa dei business.

Obbligazioni, “vale ancora la pena”

“Anche se i rendimenti obbligazionari nel 2020 potrebbero essere più deboli rispetto al 2019, vale ancora la pena di mantenere un’allocazione significativa alle obbligazioni core nei portafogli. I tassi di default bassi e le lunghe scadenze sono segnali positivi per il credito, ma il mercato si sta dimostrando poco clemente nei confronti dei business più fragili, come le società energetiche che sono una componente così importante del mercato high yield. La duration rimane un’arma a doppio taglio: anche se non ci aspettiamo che i tassi salgano in modo significativo, anche un lieve aumento avrebbe un impatto negativo sulla performance dei bond”. E’ stata questa la conclusione di Mark Vaselkiv, chief investment officer, fixed income, portfolio manager.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Outlook e Previsioni"
ALTRI ARTICOLI SU "T. Rowe Price"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"