PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Mercato Aim: la mancata rivalutazione delle quote societarie

Mercato Aim: la mancata rivalutazione delle quote societarie

Salva
Salva
Condividi
Emanuela Rollino
Emanuela Rollino

29 Settembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

L’Agenzia delle Entrate ha escluso le azioni negoziate sull’Aim dal perimetro applicativo dell’istituto della “rivalutazione delle partecipazioni non quotate”. Con tale interpretazione innovativa, l’amministrazione non fa salvi i comportamenti difformi eventualmente adottati in precedenza

La rivalutazione delle partecipazioni non quotate consente di rideterminare il costo fiscale delle partecipazioni che non siano negoziate in mercati regolamentati mediante il pagamento di un’imposta sostitutiva, oggi pari all’11%.

Tale agevolazione risale al 2001 (art. 5 e 7, L. 28 dicembre 2001, n. 448) ed è stata negli anni riproposta (da ultimo con la L. n. 160/2019). Attualmente, al fine di accedere alla rivalutazione è necessario che risultino integrate le seguenti condizioni:
(i) le partecipazioni non devono essere negoziate in mercati regolamentati;
(ii) i titolari delle partecipazioni devono essere persone fisiche che non le detengono nell’esercizio di attività impresa;
(iii) le partecipazioni devono essere possedute già alla data del 1°gennaio 2020;
(iv) è necessario aver asseverato una perizia giurata di stima entro il 30 giugno 2020;
(v) è necessario aver versato l’imposta sostitutiva entro lo scorso 30 giugno.

Da ultimo, il cosiddetto Decreto Rilancio (così come modificato dalla L. di conversione n. 77/2020) ha stabilito che il termine ultimo per optare alla rivalutazione è ora fissato al 15 novembre 2020 per le partecipazioni detenute al 1° luglio 2020.

Proprio con riguardo alla locuzione di “partecipazioninon negoziate in mercati regolamentati” rilevante al fine di accedere alla rivalutazione, si innesta la recente interpretazione fornita dall’Agenzia delle Entrate in seguito a una istanza di interpello: infatti, con la risposta del 3 settembre 2020, n. 308, l’amministrazione finanziaria ha precisato che nella nozione di mercato regolamentato è ricompreso il sistema multilaterale di negoziazione “Aim Italia”(mercato della Borsa Italiana dedicato alle PMI con alto potenziale di crescita), escludendo di fatto tali azioni dal perimetro applicativo della rivalutazione in commento. Detta interpretazione era di fatto già stata anticipata dall’Ufficio nella circolare (versione attualmente in bozza) rubricata “Nozione di mercato regolamentato rilevante nella normativa in materia di imposte sui redditi” del 29 luglio, ove con specifico riferimento ai sistemi multilaterali di scambio risulta indicato che l’assimilazione a un mercato regolamentato discenderebbe dalla esistenza di una normativa sulle negoziazioni.

Ciò che suscita maggiore perplessità è il fatto che l’Agenzia delle Entrate sembrerebbe non fare salvi eventuali comportamenti difformi posti in essere dai contribuenti antecedentemente alla pubblicazione della risoluzione.

Tale aspetto risulterebbe particolarmente penalizzante soprattutto nei confronti dei soggetti che abbiano optato in passato per la rivalutazione e per i quali sia nel frattempo decorso il termine per la richiesta di rimborso (48 mesi dal versamento dell’imposta sostitutiva), nonché dei soggetti che abbiano ceduto partecipazioni oggetto di rivalutazione in un periodo d’imposta ancora assoggettato alla potestà accertativa dell’Agenzia delle Entrate.

Risulta non condivisibile che in base a un orientamento di prassi si producano effetti così penalizzanti e retroattivi: i contribuenti si troverebbero ora nella condizione di pagare imposte con il conseguente carico sanzionatorio senza possibilità, in alcuni casi, di recuperare quanto sino a oggi legittimamente versato in applicazione della norma agevolativa.

Si auspica che l’Agenzia delle Entrate, nel testo definitivo della circolare ancora in bozza, possa meglio ripensare la propria posizione, facendo salvi i comportamenti sino ad oggi tenuti dai contribuenti.

 

A cura di Emanuela Rollino, in collaborazione con Christian Viceconte, dottore commercialista e revisore legale dei conti

Emanuela Rollino
Emanuela Rollino
Dottore commercialista e revisore legale, partner di Lca studio legale e membro dei dipartimenti tax, asset protection e arte, è specializzata in tutte le tematiche relative alla fiscalità d’impresa e ha competenze specifiche in tema di monitoraggio fiscale e regolarizzazione di patrimoni detenuti all’estero; trasferimenti di residenza fiscale e regimi fiscali agevolativi connessi; gestione, protezione e trasferimenti di patrimoni tra generazioni, anche in differenti giurisdizioni.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Leggi e NormativeImpresePMI
ALTRI ARTICOLI SU "Leggi e Normative"
ALTRI ARTICOLI SU "Imprese"
ALTRI ARTICOLI SU "PMI"