PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Investire nel real estate delle Filippine

09 Gennaio 2019 · Teresa Scarale · 3 min

  • L’Asia estrema si conferma un mercato in forte espansione. Le Filippine, in particolare, godono al momento di un buon clima politico e di solide politiche di bilancio

  • Il Paese sta inoltre beneficiando di sostanziosi afflussi di capitale dalle economie della regione

Fra gli investimenti “all star” del 2019, brillerebbero secondo alcuni analisti quelli del real estate nelle Filippine, mercato in rapida crescita e sostenuto non solo dal turismo, ma anche dalle nuove forme di sharing economy

Makati City, Manila, Philippines.

I nuovi mercati del real estate: le Filippine

Il settore immobiliare delle Filippine nel 2018 ha continuato la sua florida crescita. I fattori di stimolo al mattone di questa parte del Sud Est asiatico sono cinque, stando alle analidi di Santos / Knight Frank. Del resto il mercato dell’estremo oriente si conferma sempre più ultra prime.

Gli investimenti diretti esteri dall’Asia

Nei primi otto mesi del 2018 sono cresciuti del 31%. Un tasso tale da non poter non stimolare tutto l’indotto del mercato immobiliare, della manifattura e dei settori collegati. Che cosa ha determinato questo forte afflusso di capitali da Hong Kong, dal Giappone, dalla Cina? In primis, le solide politiche di bilancio del governo, e poi il suo focus sulle infrastrutture. Sono le imprese cinesi a domandare il maggior numero di uffici e questo sta spingendo moltissimo la domanda a Manila, Cebu e Clark.

Manila

La sola Manila ha riportato vendite di uffici per 170.000 metri quadri nei primi nove mesi del 2018. Va da sé che anche il comparto residenziale ne è stato trainato. Il mercato degli uffici della capitale resta fortissimo. Per il quarto trimestre 2018, i dati in proiezione parlavano diun milione e 200 mila metri quadri di spazi business in offerta online. Nonostante questo, i tassi di vacancy restano bassissimi, a fronte di tassi di lease in aumento.

L’espansione delle operations di business nella regione

La survey di Santos ha messo in luce che per queste imprese la qualità delle infrastrutture immobiliari resta il discrimine di scelta, oltre a:

  • buon clima politico,
  • un ottimo sistema di istruzione,
  • un regime fiscale favorevole,
  • possibilità di fare vacanze.

Il fiorire di co-working, co-living e dei “pop-up”

A corredo della domanda di uffici tradizionali, il mercato di Manila sta vivendo nell’ultimo una crescita robusta nella richiesta degli spazi di co-working e di tutta la nuova economia “liquida“. Stanno crescendo dunque le richieste anche per soluzioni di co-living e addirittura di negozi popup all’interno dei centri commerciali.

Turismo

Il trend è in decisa crescita. Il terzo trimestre del 2018 segna una crescita del 9,5% per il settore, per un totale di 60 milioni di viaggi annui nel Paese. Santos stima che le 20.800 camere di Manila aumenteranno ancora del 33% nei prossimi cinque anni.

La logistica per il retail

Non solo il commercio al dettaglio tradizionale e soluzioni innovative come i già citati popup e temporary store. L’ecommerce richiede di per sé enormi spazi come magazzini e depositi. E quello asiatico è esplosivo. Ma non è tutto: la sempre maggiore capillarità del commercio online richiede una minuziosa articolazione geografica anche di magazzini di dimensioni minori.

Teresa Scarale
Teresa Scarale
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: