PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Banca Imi, 8 nuovi certificati Bonus Cap sbarcano a Piazza Affari

Banca Imi, 8 nuovi certificati Bonus Cap sbarcano a Piazza Affari

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

05 Febbraio 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Gli strumenti hanno un prezzo di emissione pari a 100 euro, durata di 12 mesi e barriera osservata unicamente alla data di rilevazione finale (29 gennaio 2020)

  • I certificati permettono di ottenere un premio a scadenza qualora l’attività finanziaria sottostante, alla data di rilevazione finale, abbia un valore maggiore o uguale al livello barriera

Banca Imi, del gruppo Intesa Sanpaolo, lancia sul mercato SeDeX di Borsa Italiana 8 nuovi certificati. Gli investitori potranno acquistarli dal 5 febbraio. Intanto Intesa si prepara a svelare i conti del 2018

Sul mercatoSeDeX diBorsa Italiana sbarcano 8 nuovi Bonus Cap Certificatedi Banca Imi, la banca di investimento del gruppo Intesa Sanpaolo. I nuovi certificati, spiega una nota, offrono all’investitore la possibilità di ottenere dei rendimenti in situazioni di stabilità, rialzo o limitato ribasso del valore dell’azione sottostante con un orizzonte temporale di 12 mesi e premi che vanno dal 4,40% all’8,85%.

I Bonus Cap Certificate di Banca Imi, chiarisce Intesa Sanpaolo, sono certificati d’investimento a capitale condizionatamente protetto che permettono all’investitore di ottenere un premio a scadenza (il bonus) qualora l’attività finanziaria sottostante, alla data di rilevazione finale, abbia un valore maggiore o uguale al livello barriera. In particolare, tutti i certificati Bonus Cap quotati il 5 febbraio hanno le seguenti caratteristiche: prezzo di emissione pari a 100 euro, durata di 12 mesi e barriera osservata unicamente alla data di rilevazione finale, ovvero il 29 gennaio 2020 (barriera europea).

Nel dettaglio come funzionano questi strumenti? Prendiamo ad esempio il funzionamento del Bonus Cap su StMicrolectronics. L’investitore avrà la possibilità di acquistare questo strumento direttamente sul mercato SeDeX di Borsa Italiana a partire dal 5 febbraio 2019 attraverso il proprio intermediario finanziario di fiducia, phone banking o internet banking. Il certificato pagherà l’importo bonus a scadenza di euro 108,85 (+8,85% rispetto al prezzo di emissione) se nel giorno di rilevazione finale il prezzo del sottostante dovesse essere pari o superiore al livello barriera pari a euro 9,7125 (ovvero se l’azione di StMicroelectronics non perde più del 30% rispetto al valore Iniziale pari a 13,8750). Al contrario, se il valore del sottostante dovesse essere minore del livello barriera (pari al 70% del valore iniziale del sottostante) l’investitore subirà una perdita commisurata a quella che avrebbe ottenuto investendo direttamente nell’azione sottostante.

Intanto oggi il gruppo Intesa Sanpaolo farà luce sui conti relativi allo scorso anno. Per il quarto trimestre gli analisti di Bloomberg prevedono un utile netto a1,04 miliardi di euro con un range tra 985 milioni e 1,04 miliardi. Se le attese verranno confermate, considerato che nei nove mesi l’utile era stato di 3,01 miliardi, nel 2018 il risultato sarà presumibilmente pari a 4 miliardi di euro, in crescita rispetto al 2017 (3,8 miliardi). L’utile del quarto trimestre sarà arricchito anche dalla plusvalenza netta di circa 400 milioni derivante dall’accordo con la svedese Intrum che ha alleggerito Intesa Sanpaolo di 10,8 miliardi di euro di Npl.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo