PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Neobank alla ricerca di nuovi orizzonti nel 2021

Neobank alla ricerca di nuovi orizzonti nel 2021

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

30 Dicembre 2020
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Per neobank si intendono quelle app che offrono servizi bancari per clientela retail, sono state lanciate dopo il 2010 e sviluppano il loro modello di business prevalentemente su mobile

  • Secondo una ricerca Exon, una società di consulenza che gestisce un database globale di app di consumer banking, il numero di queste banche digitali nel mondo è triplicato dal 2017

Banche digitali alla ricerca di nuovi prodotti e nuove tecnologie, attente a trasparenza e innovazione e che mirano alla relazione esclusiva con il cliente. Ecco chi sono e come vogliono crescere nel prossimo anno le nuove banche digitali

Sono 300 le cosiddette neobank nel mondo. Quasi la metà è registrata in Europa ma anche America Latina, Africa e Medio Oriente hanno iniziato a farsi spazio in questa industria. Raccolgono l’entusiasmo della clientela più giovane – ma anche degli investitori, che solo nel 2020 secondo dati Exton, vi hanno investito circa due miliardi di dollari. Secondo le stime, entro il 2024 oltre 145 milioni di utenti sceglieranno queste piattaforme.

 

Per neobank si intendono quelle app che offrono servizi bancari per clientela retail, sono state lanciate dopo il 2010 e sviluppano il loro modello di business prevalentemente su mobile. Secondo una ricerca Exon, una società di consulenza che gestisce un database globale di app di consumer banking, il numero di queste banche digitali nel mondo è triplicato dal 2017.

Solo nel 2019, più di 70 neobank sono state attivate a livello globale. Ma secondo Exton potremmo essere (già) arrivati al livello di saturazione: nel 2020 si è registrato un rallentamento. Secondo quanto riportato dal sito Sifted, circa 30 neobank sono state lanciate durante la pandemia, tra cui Zelf, Daylight (una banca statunitense per membri LGBT +) e Tenpo in Cile.

Chime, con sede negli Stati Uniti, è in cima alla lista delle valutazioni globali con un prezzo di 14,5 miliardi di dollari, mentre la brasiliana Nubank con 30 milioni di utenti è in cima alla classifica per numero di clienti. Nel frattempo, la Kakao Bank della Corea del Sud ha raccolto la maggior parte dei fondi, attirando ad oggi investimenti per 2,5 miliardi di dollari.

Per le neobank è difficile riuscire a lavorare su più aree geografiche: solo 43 delle 300 analizzate da Exon riescono a operare su diversi paesi. Va contro la statistica il business di Revolut, che si è espanso in oltre 30 mercati e attualmente è leader in Europa per download di app. Anche le banche tradizionali oggi cercano di ritagliarsi il loro posto nell’industria: oggi il 27% delle banche digitali arrivano da banche tradizionali, con la creazione di app autonome, costruite su un’infrastruttura separata.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Digital Transformation & Tech