PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Consulenti finanziari: il futuro è nei social network

Consulenti finanziari: il futuro è nei social network

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

24 Aprile 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • L’89% degli intervistati vorrebbe avere il proprio consulente finanziario su una piattaforma social. Facebook risulta essere il social più adatto

  • La relazione di lungo termine tra cliente-consulente non ha più valore. Il cliente dà più peso alla reputazione della società rispetto al lavoro del singolo consulente

Per rafforzare la relazione con il cliente e poter aggiungerne di nuovi all’interno della propria rete, il consulente finanziario deve iniziare a sviluppare rapporti social

Consulenti finanziari e social network è il binomio del futuro. L’evoluzione tecnologica sta modellando le preferenze degli investitori e riscrivendo la relazione esistente tra clienti e consulenti finanziari. Secondo la ricerca: “evolving social behaviors are reshaping the client-advisor relationship” pubblicata dal Broadridge financial solution Inc, i clienti sono abituati a interagire con esperienze altamente personalizzate. E si aspettano lo stesso trattamento anche da parte dei consulenti finanziari.

L’89% degli intervistati “Millennial” e il 59% “Gen X” hanno dichiarato di essere aperti al fatto che il proprio consulente finanziario li segua su una o più piattaforme social. Facebook, stando allo studio, risulta essere il social più adeguato per sviluppare al meglio la relazione consulente-cliente. E a sostenerlo sono proprio gli intervistati: il 61% dei Millennial, il 38% dei Gen X e il 19% dei Boomers. Ma non finisce qua perché il 53% degli intervistati ha anche dichiarato di voler ricevere, dal proprio consulente, una comunicazione personalizzata. “Con la tecnologia che avanza il cliente si aspetta un certo tipo e livello di servizio indipendentemente dal rapporto esistente tra industria e consumatore” – dichiara Chris Perry, responsabile global client solution di Broadridge financial solution-  E’ chiaro che gli investitori vogliono interagire con i loro consulenti sui canali social e vogliono consigli finanziari di alta qualità, accattivanti e attuabili”.

Sviluppare una comunicazione personalizzata e interagire in modo sempre più “empatico” con il proprio cliente è importante anche per il futuro del consulente stesso. Secondo lo studio, infatti, la relazione di lunga durata tra consulente- cliente non è un fattore discriminante per l’utente finale. Quasi la metà degli intervistati Gen X (47%) ha infatti dichiarato che rimarrebbe  con la stessa società anche se il consulente, che lo segue da sempre, lascerà l’attuale azienda per  un competitor. E lo stesso hanno affermato anche il 39% dei Boomer e 1/3 dei Millennial intervistati. Al giorno d’oggi, per il cliente finale, ha più valore la reputazione che la società ha, piuttosto che il lavoro svolto dal consulente (47% dei Gen X e il 42% dei Millennial).

La strada delle piattaforme social non è però l’unica che il consulente può seguire per poter consolidare e attrarre nuovi clienti. Molti hanno infatti iniziato ad usare annuncia digitali mirati per attirare nuovi clienti. Il digital resta però (sempre) la chiava di lettura principale.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Digital Transformation & Tech"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"
ALTRI ARTICOLI SU "Consulenti"