PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Banche, la tecnologia non porta ricavo

Banche, la tecnologia non porta ricavo

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

21 Giugno 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Tre mila miliardi di dollari investiti tra il 2015 e il 2018 in tecnologia e pochi ricavi ottenuti. L’ultimo report di Accenture spiega cosa sia successo in questi ultimi anni al settore bancario in campo innovativo

  • Si sta sempre di più ampliando il divario tra i pochi istituti di credito che investono in tecnologia e hanno risultati e chi cerca di farlo senza un vero piano strategico alle spalle

Negli ultimi anni le banche hanno investito molto nella trasformazione digitale, ma questa non ha portato a maggiori ricavi. Il motivo è che nella maggior parte dei casi questi investimenti seguono una moda, piuttosto che un progetto concreto

Le banche hanno spesso tre mila miliardi di dollari nella digitalizzazione tra il 2015 e il 2018. Tutto questo non ha però portato alla crescita di ricavi prevista. Secondo il rapporto: “Caterpillars, butterflies and Unicorns: does digital leadership in banking really matter?” pubblicato da Accenture le banche sono ancora in competizione tra di loro per le competenze digitali, nonostante a conti fatti i ricavi siano meno della spesa sostenuta. Il report ha analizzato 160 tra le banche più grandi al mondo in 21 paesi ed è emerso come il 50% delle intervistate a seguito di un sostanzioso investimento in tecnologia abbia ottenuto una maggiore redditività. Risultato che però risulta essere slegato dall’investimento e collegato a un taglio di costi operativi. Inoltre, sembra che investire nella tecnologia sia più una moda che una reale esigenza. Risulta infatti che solo il 12% delle banche intervistate siano veramente impegnate nella trasformazione tecnologica e a investire in una strategia basata sul digitale. Un altro 38% ha invece intrapreso investimenti e sforzi di trasformazione, ma le strategie sono deboli. E i risultati altrettanto.

“Le banche che hanno iniziato a focalizzarsi sul digitale hanno fatto un primo passo verso la creazione delle banche del futuro, ma adesso devono iniziare a concentrarsi sull’efficienza e passare alla crescita se vogliono colmare il divario con le fintech e le big tech che invadono il settore bancario” dichiara  Alan MacIntyre, senior manager director di Accenture. Il primo passo che le banche devono dunque fare, per abbracciare in toto la digitalizzazione, è cercare di produrre ricavo grazie all’introduzione di nuovi strumenti tecnologici. Questo risulta essere centrale e se da una parte alcuni istituti finanziari stanno cercando di andare verso quella direzione, molti altri non riescono a sfruttare l’innovazione. Si sta andando dunque sempre più una forte polarizzazione tra chi usa l’innovazione e chi “lotta” contro la trasformazione digitale, restando ancorato al passato.

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo