PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Vacanze e foto sui social: le assicurazioni non coprono i danni

Vacanze e foto sui social: le assicurazioni non coprono i danni

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

24 Giugno 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Nel Belpaese si rischia l’annullamento della polizza solo se “il contraente ha agito con dolo o con colpa grave” (art. n.1892 cc)

  • Si parla di colpa grave se il proprietario lascia la porta di casa o le finestre aperte. Per le foto sui social delle vacanze e i furti è difficile trovare un nesso causa effetto concreto e indiscutibile

Mare, sole, montagna e foto su Facebook o Instagram.  Alcune assicurazioni in caso di danni alla casa, dovuti ai ladri, non rimborsano nulla. Negli Usa molti assicuratori seguono questa linea, ma in Italia?

Amori non corrisposti. Gli italiani non amano particolarmente le assicurazioni, ma durante le vacanze estive queste tutelano il bene più prezioso: la casa. Furti e danni di ogni genere, se assicurati, sono rimborsati dalle polizze sottoscritte. Eppure, ci sono casi in cui l’assicuratore non rimborsa tutto il danno o lo rimborsa parzialmente. Se infatti i proprietari dell’immobile dimenticano di chiudere la porta o lasciano le finestre aperte e i ladri entrano in casa, la polizza non interverrà per coprire il danno. Nel caso in cui la casa sia dotata di un sistema antifurto, due sono le ipotesi da valutare: quella in cui il proprietario si sia dimenticato di inserire l’allarme, e quella in cui, nonostante l’allarme sia stato correttamente inserito, i ladri siano comunque riusciti ad entrare in casa. Nel primo caso, se al momento della stipula della polizza casa si è dichiarato di essere muniti di un allarme e questo non viene inserito prima di partire per le vacanze, la polizza interviene ma con un indennizzo ridotto, perché parte del “danno” è stato causato dall’incuria del proprietario. Nel secondo caso, se i ladri riescono a disattivare l’allarme e ad entrare in casa, la polizza risarcisce l’intero danno, perché il proprietario ha fatto tutto il possibile per impedire l’accesso ad estranei. Come più volte sottolineato da numerosi assicuratori, è inoltre buona norma non pubblicare le foto delle vacanze mentre si è via da casa, per evitare spiacevoli sorprese al rientro. Negli Usa questo non è solo un consiglio ma una vera e propria realtà: se si postano su Instagram o Facebook le foto delle proprie vacanze c’è il rischio di invalidare l’assicurazione sulla casa. E questo perché alcuni assicuratori americani ritengono che la pubblicazione di foto durante l’assenza da casa leda il dovere di prendersi “ragionevolmente cura” della relativa proprietà, determinando il mancato risarcimento dei danni subiti a seguito di un furto.

Se dunque negli Usa le assicurazioni non rimborsano i danni, in Italia accade lo stesso? “In Italia questi episodi non sono ancora accaduti e non credo vi sia possibilità che accadano in futuro perchè è estremamente difficile dimostrare la diretta correlazione tra la pubblicazione delle foto e il furto”- dichiara Riccardo Parretti, Corporate Country Director & Chief Broking Officer di Aon Italia. “È quindi quasi impossibile trovare un inoppugnabile legame di causa ed effetto tra le foto delle vacanze pubblicate sui social e l’entrata in casa del ladro, anche perché questi non può certo sapere se il proprietario di casa abbia deciso o meno di lasciare i figli grandi o qualche parente a custodia della propria casa mentre è in vacanza. Inoltre il proprietario potrebbe pubblicare le foto anche appena rientrato dalle vacanze, e i ladri entrerebbero comunque in casa. Sono quindi troppe le incertezze e le incognite da valutare, che rendono il caso americano unico nel suo genere. In Italia si rischia l’annullamento della polizza solo se “il contraente ha agito con dolo o con colpa grave” (art. n.1892 cc).” Per “colpa grave”, spiega Parretti, si intende lasciare la porta di casa o le finestre aperte, rendendo quindi agibile la propria casa ai ladri. E dunque nel caso delle foto delle vacanze sui social e dell’effrazione in casa, se non si è lasciata la porta/finestre aperte, l’assicurazione interviene sempre per coprire il danno. Questa estate gli italiani – nonostante la scaramanzia e la predisposizione a non assicurarsi – possono dormire sonni tranquilli: in Italia le assicurazioni rimborsano!

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Private InsuranceItaliaAssicurazioni
ALTRI ARTICOLI SU "Private Insurance"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"
ALTRI ARTICOLI SU "Assicurazioni"