PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Millennials, pensione a 65 anni? Inizia a risparmiare il 40%

Millennials, pensione a 65 anni? Inizia a risparmiare il 40%

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

28 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 5 min
Tempo di lettura: 5 min
Salva
  • Secondo i calcoli della professoressa, i giovani che vogliono andare in pensione anche solo con la metà del proprio attuale stipendio dovranno risparmiare nei prossimi 30 anni ben il 40% delle entrate

  • Circa un terzo dei Millennials, secondo un recente sondaggio di T.Rowe Price, avrebbe intenzione di smettere di lavorare tra i 65 e i 69 anni

Vuoi andare in pensione a 65 anni con una pensione pari al 50% del tuo stipendio attuale? Devi mettere da parte circa la metà di quello che guadagni. L’analisi della professoressa Mitchell, sui dati di una ricerca del MIT

Mettere da parte il 15% del proprio stipendio per assicurarsi una serena pensione? Non basta. Soprattutto se sei nato tra il 1981 e il 1996. La strada dei Millennials verso la pensione sembra essere molto più intricata. A sostenerlo è Olivia S. Mitchell, professoressa di assicurazione/gestione dei rischi e di economia aziendale e politica pubblica, oltre che direttore esecutivo del Wharton’s Pension Research Council presso l’Università della Pennsylvania.

Se quando andrai in pensione vorrai vivere anche solo con la metà del tuo attuale stipendio, sostiene la professoressa, dovrai risparmiare nei prossimi 30 anni ben il 40% delle tue entrate.

I Millennials che desiderano finire di lavorare a 65 anni, quindi, dovranno mettere da parte ogni mese quasi la metà del proprio reddito. Questo a prescindere dal proprio stipendio iniziale.

Il calcolo di Mitchell si basa su una ricerca accademica di un economista del Massachusetts Institute of Technology e tiene conto di alcune ipotesi. La prima in cui un giovane Millennials aspira ad andare in pensione sia di 65 anni.

Non è un traguardo molto lontano: circa un terzo dei Millennials – secondo un recente sondaggio di T.Rowe Priceavrebbe infatti intenzione di smettere di lavorare tra i 65 e i 69 anni. Il 43% dei nati tra l’inizio degli anni ’80 e la fine degli anni ’90, tuttavia, si aspetta di andare in pensione prima.

Il problema è però che circa solo un giovane su cinque sta attualmente risparmiando più del 15% del proprio reddito. Mentre per circa la metà dei Millennials – riporta sempre il sondaggio di T.Rowe Price – avrebbe intenzione di contribuire alla pensione con meno del 6% dei propri risparmi.

Un altro aspetto da considerare è che i rendimenti dei prossimi decenni non corrisponderanno al 10% medio goduto dagli americani negli ultimi anni. “Alla maggior parte delle persone non viene detto dai consulenti finanziari che i loro rendimenti futuri saranno probabilmente molto inferiori rispetto al passato e che le loro tasse, in futuro, saranno probabilmente molto più elevate”, ha commentato la professoressa Mitchell ai microfoni di CNBC Make It.

Se per i Millennials risparmiare quasi la metà dello stipendio non è un’opzione, cosa possono fare per assicurarsi che il proprio fondo pensione sia sulla buona strada? Sempre secondo Mitchell, in generale gli americani – e in particolare i Millennials – dovranno lavorare più a lungo. “Se puoi, non andare in pensione”, afferma Mitchell. “Se riesci a continuare a lavorare, fallo. Se non riesci a lavorare a tempo pieno, lavora a tempo parziale. Ogni piccola cosa aiuta”, conclude.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Previdenza Millennials Fondi pensioni
ALTRI ARTICOLI SU "Previdenza"
ALTRI ARTICOLI SU "Millennials"
ALTRI ARTICOLI SU "Fondi pensioni"