PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Riparte il cantiere della riforma del sistema fiscale

Riparte il cantiere della riforma del sistema fiscale

Salva
Salva
Condividi
Alessandro Montinari
Alessandro Montinari

28 Settembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Al centro del dibattito ci sono l’alleggerimento della pressione fiscale sul ceto medio, la digitalizzazione del sistema e la decontribuzione

Archiviate le elezioni regionali e il referendum si riapre il dibattito sulla riforma del sistema fiscale già in cantiere e la cui attuazione è prevista a partire dal 2021 e poi a seguire negli anni successivi. Sul tavolo ci sono la modifica dell’Irpef per alleggerire il ceto medio dalla pressione fiscale con l’introduzione di una aliquota intermedia al 33 o al 36% negli scaglioni di reddito dai 15mila e fino ai 55mila euro, oggi tassati rispettivamente al 27 e al 38%, la decontribuzione totale o parziale a beneficio delle imprese.

Per le partita Iva si ragiona sul superamento dell’attuale versamento dell’imposta con il sistema degli acconti e del saldo a favore di un sistema di tassazione per cassa che potrebbe prevedere un versamento delle imposte mese per mese sulla base di quanto si incassa effettivamente e al netto di quanto si spende per svolgere la propria attività, favorendo così gli investimenti in beni strumentali, i cui costi potrebbero essere subito dedotti dal reddito.

Il ministro dell’economia Roberto Gualtieri ha parlato in diverse occasioni di “una riforma della tassazione diretta e indiretta” che per l’Irpef dovrebbe ispirarsi al modello tedesco e dovrebbe portare a rivedere le detrazioni fiscali, mentre per l’Iva dovrebbe portare nelle intenzioni al taglio (temporaneo) delle aliquote per i settori più colpiti dall’emergenza sanitaria. Per l’avvio della manovra si stima una prima copertura di 5-6 miliardi di euro che dovrà essere finanziata con risorse interne.

“Bisogna partire dalle fondamenta”, ha dichiarato il direttore dell’Agenzia delle Entrate Ernesto Maria Ruffini, tra i più attivi sostenitori della riforma e che ha lanciato la proposta di raccogliere in cinque testi unici – imposte dirette, indirette, accertamento, riscossione e contenzioso – “una materia immensa di cui nemmeno gli esperti conoscono i confini”. “Una volta fatto ordine – ha aggiunto – ecco che bisogna iniziare a sfrondare. E cambiare”. Visione che ha poi confermato nell’audizione alla Camera del 14 settembre e in successivi eventi pubblici in cui ha sottolineato la necessità della riforma del fisco, puntando, tra l’altro, sulla semplificazione, su un contrasto all’evasione supportato sempre di più dal digitale e sul pieno utilizzo e interoperabilità delle banche dati, nel rispetto della privacy.

La strada del digitale, già intrapresa negli ultimi anni con il 730 precompilato, la fatturazione elettronica, i corrispettivi telematici fa parte di un processo di ammodernamento e controllo del sistema che era non più procrastinabile. Siamo all’inizio di un processo che avrà altre e successive fasi di sviluppo. Dal lato dell’Amministrazione finanziaria questo processo va visto nell’ottica anche di migliore il rapporto con cittadini, i professionisti e le imprese.

Come sottolineato da Enrico De Mita in un suo recente intervento, la storia dei tributi in Italia è soprattutto il succedersi di questioni, a volte politiche, a volte giuridiche, che non hanno ancora dato vita a un sistema. I temi più ricorrenti e importanti sono quelli della legalità, della parità di trattamento, della semplificazione legislativa, delle irrazionalità incostituzionali, del federalismo, della famiglia, della tutela del contribuente, dei giudici tributari, della formazione dei professionisti e dei magistrati, dei compiti della dottrina e dei rapporti di essa con la politica.

E almeno nelle intenzioni la riforma in discussione va in quella direzione.

Alessandro Montinari
Alessandro Montinari
Specializzato in diritto tributario presso la Business School de Il Sole 24 ore e poi in diritto e fiscalità dell’arte, dal 2004 è iscritto all’Albo degli Avvocati di Milano ed è abilitato alla difesa in Corte di Cassazione. La sua attività si incentra prevalentemente sulla consulenza giuridica e fiscale applicata all’impiego del capitale, agli investimenti e al business. Collabora da più di un decennio con uno studio boutique del centro di Milano.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Pianificazione Fiscale