PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Trust al figlio disabile senza certificato

Trust al figlio disabile senza certificato

Salva
Salva
Condividi
Angelo Ginex
Angelo Ginex

16 Febbraio 2021
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

I benefici fiscali previsti dalla legge sul “Dopo di noi” si applicano solo se lo stato di disabilità grave risulti certificato alla data di istituzione del trust. In mancanza, se poi ne venga attestata la preesistenza, è possibile chiedere il rimborso della maggiore imposta versata

I genitori di figli disabili si domandano molto spesso cosa ne sarà dei propri figli quando non ci saranno più, chi fornirà loro il sostegno economico necessario e, soprattutto, chi se ne prenderà cura. Fortunatamente, il legislatore, negli ultimi anni, si è posto questi stessi interrogativi, rispondendo con la cosiddetta legge sul “Dopo di noi” (L. 112/2016), la quale reca una specifica disciplina in materia di assistenza alle persone con disabilità grave e prive del necessario sostegno familiare.

Tale legge, infatti, favorisce l’inclusione sociale, la cura e l’assistenza delle persone con disabilità grave, prevedendo, tra le altre forme di intervento, specifici benefici fiscali diretti ad agevolare l’istituzione di trust.

Più precisamente, in relazione all’istituzione di trust in favore di persone con disabilità grave, essa prevede delle agevolazioni in materia di imposta sulle successioni e donazioni di cui all’articolo 2, commi 47-53, Dl 262/2006, di imposta di registro, ipotecaria e catastale, nonché di imposta di bollo.

In particolare, l’articolo 6, comma 1, L. 112/2016 contempla un principio di generale esenzione dall’imposta sulle successioni e donazioni per i beni e i diritti conferiti in trust a favore di persone con disabilità grave ex articolo 3, comma 3, L. 104/1992, che sia stata accertata ai sensi dell’articolo 4 della medesima legge.

Detta esenzione opererà non solo al momento dell’istituzione del trust, ma anche a quello dello scioglimento del vincolo, qualora alla morte del beneficiario disabile il patrimonio residuo torni al disponente. Invece, l’imposta sulle successioni e donazioni sarà dovuta, e determinata sulla base del rapporto esistente tra disponente e destinatario finale, in ipotesi di assegnazione del patrimonio residuo al beneficiario finale diverso dal disponente.

Inoltre, al fine di poter beneficiare delle previsioni agevolative introdotte dalla L. 112/2016, è necessario il rispetto di altre condizioni, quali:

  • indicazione della finalità nell’atto istitutivo del trust;
  • istituzione del trust con atto pubblico;
  • individuazione nell’atto istitutivo, in modo chiaro ed univoco, dei soggetti coinvolti e dei rispettivi ruoli, dei bisogni specifici delle persone con disabilità grave, nonché delle attività assistenziali necessarie a garantire la cura e la soddisfazione dei bisogni delle persone assistite;
  • individuazione nell’atto istitutivo degli obblighi e delle modalità di rendicontazione a carico del trustee.

È altresì necessario che l’atto istitutivo preveda quanto segue:

  • gli esclusivi beneficiari del trust sono le persone con disabilità grave come definita per legge;
  • il patrimonio conferito nel trust sia destinato esclusivamente alla realizzazione delle finalità assistenziali del trust;
  • l’individuazione, nell’atto istitutivo, del soggetto preposto al controllo delle obbligazioni imposte nell’atto istitutivo del trust;
  • il termine finale di durata del trust nella data della morte della persona con disabilità grave;
  • la destinazione del patrimonio residuo.

Con specifico riferimento al caso in cui al momento di istituzione e contestuale dotazione del trust la condizione di persona affetta da disabilità grave sia ancora in corso di certificazione, purtroppo non è possibile usufruire delle agevolazioni previste dalla legge sul Dopo di noi.

Infatti, tra le condizioni essenziali e indispensabili per poter fruire di tali benefici fiscali, la lett. d) dell’articolo 3 citato prevede che “gli esclusivi beneficiari del trust (…) siano le persone con disabilità grave”.

Tuttavia, una volta ottenuto il riconoscimento dello stato di disabilità grave, ove la certificazione stessa attesti che detto stato sussisteva alla data di istituzione del trust, il contribuente istante potrà chiedere il rimborso dell’importo pari alla differenza tra l’imposta pagata al momento della dotazione iniziale di beni del trust e l’imposta prevista per i conferimenti e i trasferimenti di beni in favore del trust di cui all’articolo 6, commi 1 e 6, L. 112/2016 (Interpello n. 513 dell’11.12.2019).

In definitiva, quindi, se al momento di istituzione e contestuale dotazione del trust lo stato di disabilità grave sia ancora in corso di certificazione, l’esenzione dall’imposta sulle successioni e donazioni prevista dalla citata legge non opera, ma è possibile chiederne il rimborso in un secondo momento, sempreché detta condizione venga attestata come preesistente alla data di istituzione del trust.

Angelo Ginex
Angelo Ginex
Founder e managing partner di Ginex & Partners Studio Legale Tributario. Svolge la professione di avvocato ed è dottore di ricerca in diritto tributario. Vanta significative expertise in materia di diritto tributario, diritto d’impresa e pianificazione e protezione patrimoniale. Partecipa in qualità di docente a master e seminari organizzati dalle principali scuole di formazione presenti in Italia.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Passaggio GenerazionaleTrust