PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Il patto di famiglia nell’epoca di crisi da covid-19

Il patto di famiglia nell’epoca di crisi da covid-19

Salva
Salva
Condividi
Emanuela Rollino
Emanuela Rollino

05 Maggio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Il passaggio generazionale è più che mai di estrema attualità: il momento di forte incertezza che stiamo vivendo induce gli imprenditori a riflettere con maggior consapevolezza sulle strategie da adottare per garantire la continuità aziendale

Il patto di famiglia si colloca tra gli strumenti di maggior pregio per realizzare una pianificazione preventiva del proprio passaggio generazionale, soprattutto nei casi in cui vi siano un’impresa e un nucleo familiare “stabile”([1]), costituito da soggetti tutelati per legge dai vincoli della riserva di legittima.

Attraverso tale strumento, l’imprenditore può trasferire, mentre è ancora in vita, la sua azienda o le proprie partecipazioni societarie a un discendente in linea retta (figlio o nipote) che ritiene più idoneo o meritevole ad assumere il “comando” dell’impresa, prevedendo talune compensazioni in denaro o in natura a favore di coloro che sarebbero eredi legittimari (ad esempio, il coniuge) qualora, in quel momento, si aprisse la successione del disponente.

L’emergenza pandemica di questo periodo sta mettendo a dura prova grandi e piccole imprese. Nel caso dell’impresa di famiglia, in particolare, le “nuove generazioni”, per le quali questa crisi non ha precedenti, potrebbero improvvisamente trovarsi a dover gestire (o far sopravvivere) l’azienda di famiglia senza essere preparati e senza avere modelli aziendali adeguati né possibilità di fare previsioni sul medio e lungo periodo.

Una delle migliori strategie per trasferire un’azienda familiare un discendente è il frazionamento della stessa in aree di business che restino distinte tra loro. Tipicamente l’attività operativa viene tenuta separata dalle altre attività, quali, ad esempio, quella immobiliare o la detenzione di partecipazioni in società “destinate” nei piani dell’imprenditore ad uno specifico soggetto non assegnatario del ramo operativo.

Ecco che allora si realizza, nell’ambito del patto di famiglia, la perfetta combinazione tra operazioni societarie, salvaguardia dell’integrità e continuità aziendale, realizzazione delle volontà successorie dell’imprenditore.

Dal punto di vista civilistico, il patto di famiglia risulta più interessante rispetto ad altri strumenti per il fatto che, una volta stipulato, rende non contestabili le attribuzioni pattuite, anche se lesive della quota di legittima.

Con riguardo agli aspetti fiscali, il patto è ricompreso nel campo di applicazione dell’imposta di successione e donazione, generalmente applicabile ai trasferimenti di beni o diritti per successione, donazione o altra liberalità.

Pur essendo già il nostro paese un “paradiso fiscale” quanto ad aliquote di tassazione e franchigie applicabili, il trasferimento dell’azienda dal disponente al soggetto legittimario assegnatario può avvenire, ricorrendone i presupposti, in totale esenzione d’imposta.

L’art. 3 comma 4-ter del D.Lgs. n. 346/90 dispone, infatti, che non sono soggetti all’imposta i trasferimenti di aziende o rami di esse, di quote sociali o azioni effettuati, anche tramite i patti di famiglia, a favore dei discendenti e del coniuge. Ciò purché l’assegnatario si impegni a proseguire l’esercizio dell’impresa – ovvero a mantenere il “controllo” della società partecipata – per almeno cinque anni.

Nel caso di trasferimento della sola nuda proprietà, con esclusione del diritto di voto, non potrà realizzarsi la condizione per l’esenzione e troveranno applicazione le regole ordinarie di tassazione (con le aliquote dell’imposta di donazione previste a seconda del grado di parentela o affinità con il donante), sebbene commisurata a una base imponibile inferiore.

Quanto alla fiscalità cui sono soggette le compensazioni a beneficio dei soggetti non assegnatari dell’azienda (o delle partecipazioni), esse sono ricomprese nel campo di applicazione dell’imposta sulle successioni e donazioni, trattandosi di atti a titolo gratuito che non godono di alcun trattamento agevolativo rispetto alle regole ordinarie di tassazione.

Concludendo, il patto di famiglia consente all’imprenditore di ottenere anche in tempi piuttosto rapidi una pianificazione preventiva ed efficiente della propria successione, che sia del tutto in linea con i suoi obiettivi e volontà, e che garantisca, da un lato, la continuità aziendale, dall’altro, la definizione puntuale dei rapporti tra i familiari e relative assegnazioni, così evitando le tensioni e i contrasti che molto spesso insorgono tra gli eredi all’apertura della successione.

 

[1] Si omette per semplicità espositiva il tema di potenziali aventi diritto “sopravvenuti” a seguito della stipulazione del patto.

Emanuela Rollino
Emanuela Rollino
Dottore commercialista e revisore legale, partner di Lca studio legale e membro dei dipartimenti tax, asset protection e arte, è specializzata in tutte le tematiche relative alla fiscalità d’impresa e ha competenze specifiche in tema di monitoraggio fiscale e regolarizzazione di patrimoni detenuti all’estero; trasferimenti di residenza fiscale e regimi fiscali agevolativi connessi; gestione, protezione e trasferimenti di patrimoni tra generazioni, anche in differenti giurisdizioni.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Passaggio Generazionale