PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Start-up innovative: al via nuove agevolazioni

Start-up innovative: al via nuove agevolazioni

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

19 Dicembre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • La misura è la “smart &start Italia” e ha a disposizione 90 milioni di euro per finanziare le società “selezionate”

  • Le start-up innovative avranno accesso ad un maggiore finanziamento, ad una semplificazione dei criteri di valutazione e ad un fondo perpetuo fino al 30% per le imprese localizzate nel sud Italia

Per le start-up innovative è stato previsto un altro pacchetto di agevolazioni. Obiettivo: incentivare la nascita di nuove realtà ad alto contenuto tecnologico e innovativo

Nuove agevolazioni per le start-up innovative. La misura “smart & start Italia” è stata dunque studiata per agevolare la costruzione delle start-up innovative in Italia. Per poter accedere ai benefici si dovrà presentare una domanda entro il 20 gennaio 2020 all’indirizzo: www.invitalia.it.

Il nuovo incentivo

Sono state previste diverse misure per favorire la nascita di nuove realtà innovative. E più nel dettaglio si parla di:

  1. Aumento del finanziamento agevolato fino al 90%
  2. Semplificazione dei criteri di valutazione e di rendicontazione
  3. Fondo perpetuo fino al 30% per le imprese del sud Italia
  4. Un periodo di ammortamento più lungo

Il progetto

la misura “smart & start Italia” ha a disposizione 90 milioni di euro per finanziare i piani d’impresa che hanno un importo compreso tra i 100 mila e 1,5 milioni di euro e hanno come core business la produzione di beni o servizi ad alto contenuto tecnologico e innovativo. Questi piani d’impresa potranno anche essere realizzati in collaborazione con organismi di ricerca, incubatori e acceleratori d’impresa.

Le agevolazioni

Le start-up innovative, le cui domande vengono accettare, potranno beneficiare di due agevolazioni:

  1. Finanziamento agevolato, senza interessi per un importo dell’80% delle spese ammissibili. Il finanziamento può salire al 90% nel caso in cui la società innovativa sia interamente costituita da donne o da giovani di età non superiore ai 35 anni. Estensione prevista anche se c’è in società almeno un soggetto con il titolo di dottore di ricerca conseguito da non più di sei anni e impegnato stabilmente all’estero in attività di ricerca e sviluppo. Il finanziamento avrà una durata massima di 10 anni e per le start-up innovative con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia sarà restituito l’importo agevolato concesso per le spese d’impresa per un ammontare del 70%.
  2. Le start-up innovative costituite da non più di 12 mesi potranno godere di servizi di tutoraggio tecnico-gestionale. Il valore di questi servizi è pari a 15.000 euro per le start-up del mezzogiorno e di 7.500 per tutte le altre.
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Imprese e startupItalia