PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Banca Generali, miglior utile semestrale della storia

Banca Generali, miglior utile semestrale della storia

Salva
Salva
Condividi
Redazione We Wealth
Redazione We Wealth

30 Luglio 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Utile netto: 132,8 milioni di euro

  • Ricavi totali: 272,7 milioni di euro

  • Masse totali: 62,9 miliardi di euro

  • Raccolta netta nel semestre: 2,8 miliardi di euro

Nei primi sei mesi dell’anno accelera la crescita e aumenta la diversificazione dei ricavi. Utile a 132,8 milioni di euro, in rialzo del 43% rispetto al semestre precedente

La ripresa dei mercati ha favorito Banca Generali nella creazione di ricavi e nella crescita dimensionale.
 Le masse gestite e amministrate nel primo semestre del 2019 sono cresciute dell’8% a 62,9 miliardi di euro. I nuovi flussi netti di raccolta hanno raggiunto i 2,8 miliardi, pari al 5,5% delle masse iniziali.

L’utile netto si rivela il più alto della storia delle semestrali della banca, crescendo del 43% a 132,8 milioni: contribuiscono al risultato la crescita delle attività ricorrenti e le nuove iniziative legate alla diversificazione dei servizi, oltre al contributo di quelle voci non ricorrenti più direttamente legate alla dinamica dei mercati finanziari.

Le voci di bilancio

  • Il margine di intermediazione è aumentato del 22% ed è pari a 272,7 milioni
  • Le commissioni di gestione sono risultate pari a 313,8 milioni, in crescita del 2,5% nel secondo trimestre rispetto al precedente
  • Le commissioni bancarie e d’ingresso crescono del 10,4% e sono pari a 39,9 milioni di euro
  • Il margine finanziario si è attestato a 39,6 milioni a fronte dei 48,6 milioni dello scorso anno per il minore contributo delle componenti legate al trading
  • Al contrario il margine d’interesse è aumentato del 20% e si attesta a 33,6 milioni di euro
  • I costi operativi sono inferiori alla crescita dei ricavi ma crescono del 7,7%, portandosi a 100,9 milioni di euro. Sono inclusi 1,9 milioni di costi straordinari netti: al netto di questi, i costi operativi della banca la variazione è del 5,7%
  • L’efficienza operativa della banca si conferma riflessa nell’incidenza dei costi sulle masse scesa a 32 bps (34 bps a fine 2018) e nel cost/income ratio che anche rettificatoper le componenti non ricorrenti è pari al 40,1% (42,3% a fine 2018)
  • Il Cet1 ratio al 30 giugno 2019 si attesta al 15,7% e il Total Capital ratio al 17,1% (17,9% sulla base di una politica di dividendi tradizionale)

Risparmio gestito

Al 30 giugno le masse totali toccano il massimo storico a 62,9 miliardi, in crescita dell’8% rispetto al primo semestre 2018. Su base pro-forma, includendo l’acquisita Nextam e la società in via di acquisizione Valeur, le masse complessive si attesterebbero attorno ai 65 miliardi di euro. Cresce l’interesse per le soluzioni assicurative tradizionali (16,2 miliardi, in crescita del 7% rispetto a giugno 2018, e del 5% da gennaio 2019), e delle soluzioni di risparmio amministrato e di liquidità (17,1 miliardi, in crescita del 21% anno su anno, +16% da inizio anno).

foto di Gian Maria Mossa in abito scuro e cravatta porpora
Gian Maria Mossa - amministratore delegato Banca Generali

“Siamo molto soddisfatti di questo primo semestre, in cui l’eccellente lavoro dei nostri consulenti ed il contributo positivo del mercato ci ha permesso di incrementare le masse di quasi 5,5 miliardi da inizio anno, raggiungendo un portafoglio complessivo vicino ai 63 miliardi – ha commentato l’amministratore delegato Gian Maria Mossa – Nonostante i segnali di prudenza dalla fine dello scorso anno e le incognite sulla congiuntura, professionalità e vicinanza hanno fatto ancora una volta la differenza nella relazione col cliente. La diversificazione dei ricavi e l’accelerazione della consulenza evoluta confermano la crescente attenzione agli ambiti patrimoniali e alla protezione dal rischio che sono punti di forza sempre più riconosciuti alla nostra realtà. Stiamo procedendo a pieno ritmo nello sviluppo del nostro piano industriale con grande attenzione alle tematiche di innovazione e valore delle persone. La solidità della raccolta e la capacità di intercettare una fetta crescente di clientela private ci danno fiducia per la seconda parte dell’anno”.

Redazione We Wealth
Redazione We Wealth
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Reti Banca Generali