PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Ricchezza mondiale 2019: +2,6%, Usa e Cina prime della classe

Ricchezza mondiale 2019: +2,6%, Usa e Cina prime della classe

Salva
Salva
Condividi
Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello

22 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • Notizie positive anche per il futuro. Nei prossimi cinque anni la ricchezza globale registrerà̀ un aumento del 27%, attestandosi a 459.000 miliardi entro il 2024

  • I Millennials sono la categoria che ha maggiormente bisogno del sostegno finanziario da parte dei genitori. Le eredità possono contribuire ad alleviare i numerosi svantaggi che colpiscono questa generazione

La ricchezza mondiale è aumentata del 2,6% arrivando a toccare i 360.000 miliardi di dollari. Cresce anche la ricchezza per adulto (+1,2% rispetto al livello misurato a metà 2018). Usa, Cina e Europa sono i principali attori che trainano la crescita

La ricchezza globale è cresciuta del 2,6% raggiungendo 360.000 miliardi di dollari, mentre la ricchezza per adulto ha toccato il record di 70.850 dollari, superando dell’1,2% il livello rilevato nel 2018. Ad evidenziare questi risultati è l’ultimo rapporto “Global wealth report 2019” pubblicata da Credit Suisse. Secondo le stime il numero di milionari, nel mondo, è aumentato di 1,1 milioni di persone dal 2018, raggiungendo quota 46,8 milioni a metà del 2019. Gli Stati Uniti d’America hanno contribuito per oltre il 50% a questo incremento con 675.000 nuovi milionari. A controbilanciare l’asse ci ha pensato l’Australia che ha perso 124.000 milionari, il Regno Unito 27.000 e la Turchia 24.000. Gli ultra high net worth individuals (Hnwi) a metà 2019 (55.920 adulti) possedevano almeno 100 milioni di dollari, mentre 4830 detenevano un patrimonio netto superiore ai 500 milioni di dollari.

A livello geografico, l’America settentrionale si posiziona al primo posto con 84.050 Uhnwi (50%), al secondo posto l’Europa con 33.550 (20%) e infine i paesi dell’Asia-Pacifico (escluse India e Cina) ospitano 22.660 Uhnwi (14%). Se si analizza invece la situazione dei paesi si nota come al primo posto, in termini di ricchezza per adulto ci sia la Svizzera con 17.790 dollari, al secondo gli Usa (11.980 $), al terzo il Giappone (9180 $) e al quarto l’Olanda (9160$).

La piramide della ricchezza

Se si analizza la distribuzione della ricchezza si nota come alla base della piramide si trovino circa 2,9 miliardi di persone (il 57% della popolazione mondiale) che possiede meno di 10.000 dollari nel 2019. La fascia successiva, che va da 10.000 ai 100.000 dollari, è cresciuta maggiormente dall’inizio del secolo triplicando il livello da 514 milioni di persone (2000) a 1,7 miliardi a metà del 2019. Questo dato, secondo il report, riflette la crescente prosperità delle economie emergenti come la Cina e i paesi in via di sviluppo. Il patrimonio medio di questo gruppo è di 33.530 dollari, poco meno della metà della ricchezza media in tutto il mondo, anche se nettamente superiore alla ricchezza media nei paesi in cui risiede la maggior parte delle persone che rientrano in questa fascia.

Donne sempre più ricche

La ricchezza femminile è aumentata rispetto a quella degli uomini nella maggior parte dei paesi, grazie a una maggiore partecipazione di questa categoria al mercato del lavoro, a una divisione più equa del patrimonio tra coniugi e ad altri fattori.

Tradizionalmente,  sottolinea il report, l’eredità ha rappresentato una fonte di ricchezza più importante per le donne che per gli uomini. E questo, da una parte perché i redditi inferiori hanno limitato le possibilità di accumulo di un patrimonio proprio; e dall’altra perché le donne, che vivono tendenzialmente più a lungo, conservano i lasciti per più anni.

Il futuro della ricchezza

E cosa ci si deve aspettare dai prossimi cinque anni? Secondo il report la ricchezza globale registrerà un aumento del 27%, attestandosi a 459.000 miliardi entro il 2024. Una quota del 38% della crescita sarà ascrivibile ai paesi a basso e medio reddito, anche se questi rappresentino solo il 31% dell’attuale ricchezza. L’avanzata dei paesi a medio reddito, sottolinea il report,  costituirà il principale driver delle tendenze globali. E infine nei prossimi cinque anni aumenterà sensibilmente anche il numero di milionari che arriveranno a  sfiorare quota 63 milioni, mentre il numero di Uhnwi  raggiungerà quota 234.000 persone.

 

Giorgia Pacione Di Bello
Giorgia Pacione Di Bello
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Private Banking Credit Suisse