PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Degroof Petercam AM si rafforza con l'ingresso di Antoine Ruotte

Degroof Petercam AM si rafforza con l'ingresso di Antoine Ruotte

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

14 Novembre 2018
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Il profilo di Ruotte, in Degroof Petercam dal 2011, era di portfolio manager e analista del credito

  • Degroof Petercam conta 1,27 miliardi di euro di patrimonio in gestione

Il manager farà parte del team specializzato nella gestione delle obbligazioni governative dei mercati emergenti in valuta locale. Il manager si unisce a Michaël Vander Elst, co-gestore della strategia dedicata al debito dei Paesi emergenti di Degroof Petercam AM

Un nuovo specialista nei titoli di Stato dei mercati emergenti per Degroof Petercam Asset Management. La società di gestione del risparmio con oltre 50 miliardi di euro in gestione e dal 2002 pioniere negli investimenti responsabili, accoglie infatti Antoine Ruotte nel team specializzato nella gestione delle obbligazioni governative degli emergenti in valuta locale. I gestori, spiega una nota, seguono un approccio sostenibile e la strategia è entrata a far parte delle principali classi di attivi offerte dalla società dal suo lancio nel 2013 e ad oggi conta 1,27 miliardi di euro di patrimonio in gestione.

Antoine Ruotte, chief financial analyst, già in Degroof Petercam dal 2011, apporterà alla squadra le sue capacità di analisi e di gestione di portafogli, grazie all’esperienza acquisita in precedenza come portfolio manager e analista del credito. Ruotte si unisce a Michaël Vander Elst, co-gestore della strategia e professionista degli investimenti con oltre 30 anni di esperienza nella gestione di prodotti globali a reddito fisso.

Bernard Lalière, già gestore del fondo Dpam L Bonds Emerging Markets Sustainable all’epoca del lancio della strategia, tornerà in qualità di co-gestore ad interim del fondo, contestualmente alla decisione di Carl Vermassen di proseguire la sua carriera professionale al di fuori di Degroof Petercam Am.

La strategia del fondo Dpam L Bonds Emerging Markets Sustainable, lanciato nel marzo 2013, si distingue per un approccio di team e per un modello unico e proprietario di selezione quantitativa, che valuta la sostenibilità dei paesi emergenti e che viene convalidato da un comitato consultivo composto anche da esperti esterni. I rendimenti corretti per il rischio ottenuti finora hanno dimostrato l’efficacia di questo processo di investimento e grazie alla fiducia riconosciuta dagli investitori, le masse in gestione hanno superato il miliardo di euro.

I commenti

Secondo Peter De Coensel, cio Fixed Income della società: “Il team di gestione del fondo continuerà ad applicare il processo di investimento ormai collaudato e che ha portato risultati superiori alla media. Il nostro obiettivo è quello di far crescere ulteriormente la strategia, grazie a un approccio di squadra disciplinato e a gestori di fondi di comprovata esperienza”.

Per Tomás Murillo, head of International Sales e membro del management board di Dpam la strategia “del debito dei mercati emergenti è nata ormai più di cinque anni fa ed è stata in grado di attirare l’attenzione degli investitori in questo periodo. Grazie al suo processo di investimento che coniuga la sostenibilità, escludendo regimi non democratici e autoritari dall’universo di investimento, a una solida selezione del credito, il fondo è stato in grado di ottenere ottimi risultati, anche quest’anno in condizioni di mercato difficili”.

Degroof Petercam Asset Management

Degroof Petercam Asset Management è una società indipendente di gestione attiva del risparmio, parte di un gruppo finanziario nato nel 1871. Dpam è un investitore responsabile, pioniere e innovatore negli investimenti sostenibili. La società integra in maniera attiva i criteri Esg in tutte le classi di attivi e temi di investimento, ed è un azionista attivo.

Dpam è molto attiva nella ricerca con dei team interni che si occupano di analisi fondamentale e quantitativa (credito, azioni e investimenti responsabili) che interagiscono tra loro, supportando le attività di risparmio gestito della società. La società gestisce fondi di investimento e mandati discrezionali per conto di clienti istituzionali, e attualmente gestisce patrimoni per oltre 33 miliardi di euro e impiega più di 135 professionisti.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo