PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Pmi innovative: +40% le iscrizioni al Registro nel 2020

Pmi innovative: +40% le iscrizioni al Registro nel 2020

Salva
Salva
Condividi
Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri

11 Novembre 2020
Tempo di lettura: 7 min
Tempo di lettura: 7 min
Salva
  • Nell’ultimo anno il numero di Pmi Innovative è cresciuto del 40%. Sono 567 le “nuove” aziende che si sono iscritte all’apposito registro tra ottobre 2019 e settembre 2020
  • Nonostante i vantaggi di natura fiscale, societaria e finanziaria previsti dalla normativa, il numero di pmi innovative “ufficiali” risulta ancora limitato rispetto al bacino potenziale

  • Dragonetti (Grant Thornton): “l’iscrizione al Registro andrebbe maggiormente promossa e sostenuta” in quanto “rappresenta una leva importante per le nostre piccole imprese che guardano al futuro in chiave moderna e con potenzialità per occupare un ruolo strategico nell’ambito del sistema economico italiano”.

  • I risultati dell’ Osservatorio Open Innovative Pmi  (Grant Thornton e Università di Pisa)

Pubblicati i risultati dell’indagine sull’andamento delle Pmi innovative italiane realizzata da Grant Thornton in collaborazione con l’Università di Pisa

Nonostante lo shock pandemico, l’ultimo anno ha visto un balzo di iscrizioni di pmi innovative al registro del Mise. Nel 2020 il numero di Pmi è cresciuto del 40% . Questo uno dei dati emersi dal report 2020 dell’Osservatorio Open Innovative Pmi, realizzato daGrant Thornton in collaborazione con l’Università di Pisa. Lo studio fornisce una panoramica sull’andamento delle Pmi innovative italiane, ovvero quelle aziende che, in base alla normativa, devono soddisfare almeno due dei seguenti requisiti per essere qualificate in quanto tali:

  1.  almeno il 3% del maggiore tra costi e valore totale della produzione riguarda attività di ricerca e sviluppo;
  2.  un team formato per 1/3 da personale in possesso di laurea magistrale oppure per 1/5 da dottorandi, dottori di ricerca o laureati con 3 anni di esperienza in attività di ricerca certificata;
  3.  impresa depositaria o licenziataria di almeno un brevetto oppure titolare di software registrato.

Stando all’analisi, tra ottobre 2019 e settembre 2020 sono 567 le nuove aziende iscritte all’apposito registro, rispetto alle 432 del periodo precedente. “L’importante incremento in percentuale delle Pmi Innovative è un ottimo segnale di dinamismo del comparto; registriamo però ancora la necessità di una maggiore consapevolezza dei vantaggi e delle opportunità che il novero all’interno del Registro comporta” ha sottolineato Alessandro Dragonetti, head of tax di Grant Thornton, facendo riferimento a semplificazioni e abbattimento costi di apertura, sgravi fiscali per impresa e investitori, assunzioni agevolate, accesso preferenziale al credito (alcune delle medesime agevolazioni previste per le startup innovative).

Attualmente sono infatti poco più di 1.700 le Pmi innovative “ufficiali”. Un numero ancora limitato rispetto al bacino potenziale (circa 20 mila imprese in Italia stando alle stime di Grant Thornton) in possesso dei requisiti per rientrare nella suddetta categoria. A detta di Dragonetti, l’iscrizione al Registro “andrebbe dunque maggiormente promossa e sostenuta” in quanto “rappresenta una leva importante per le nostre piccole imprese che guardano al futuro in chiave moderna e con potenzialità per occupare un ruolo strategico nell’ambito del sistema economico italiano”.

Passando in rassegna alcuni dei dati forniti dall’Osservatorio, si osserva come due Pmi innovative su tre possono qualificarsi come micro-imprese (con un fatturato inferiore a 2 milioni di euro). Guardando invece alla geografia, oltre il 26% del totale delle società iscritte al Registro nell’ultimo anno ha sede in Lombardia (con Milano in pole position a livello nazionale per numero di società). Seguono Lazio, Emilia Romagna e Campania. In termini di fatturato, nel biennio 2018-2019, le Pmi innovative hanno registrato un incremento medio del 15% (percentuale che sale al 30% se si considerano solo le Pmi innovative che hanno visto il loro fatturato salire nel periodo di riferimento). Il patrimonio netto medio è pari a circa 1,9 milioni di euro (anche se per l’85% del campione è inferiore a 1,3 milioni) e in circa il 76% dei casi le società registrano un Ebitda positivo. Infine, per quanto riguarda i settori di attività, tra le nuove iscritte, i gruppi più numerosi sono quelli attivi nel settore dei servizi. In particolare, informatica, elettronica, prodotti intermedi, chimica, farmaceutica e servizi non finanziari rappresentano assieme circa il 90% delle Pmi innovative osservate.

Virginia Bizzarri
Virginia Bizzarri
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Aziende e ProtagonistiPMIItalia
ALTRI ARTICOLI SU "Aziende e Protagonisti"
ALTRI ARTICOLI SU "PMI"
ALTRI ARTICOLI SU "Italia"