PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Nella gestione patrimoniale più grande sei meglio è

Nella gestione patrimoniale più grande sei meglio è

Salva
Salva
Condividi
Francesca Conti
Francesca Conti

07 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 2 min
Tempo di lettura: 2 min
Salva
  • In Europa solo il 37% dei fondi comuni di investimento e il 3% dei fondi alternativi è autorizzato alla vendita in più di tre Stati membri dell’Ue

  • Le famiglie Usa investono di più e detengono solo il 10% dei loro risparmi nei conti deposito, contro il 40% delle famiglie europee

Le dimensioni contano. Anche nel mondo della gestione patrimoniale, dove i 20 maggiori fondi Usa controllano circa il 35% degli asset globali contro il 14% dei concorrenti europei

Nel mondo della gestione patrimoniale le dimensioni contano. Essere un grande player sta diventando la chiave per avere successo nel settore e la corsa per posizionarsi tra i primi gestori patrimoniali su larga scala è dominata dal mercato Usa, mentre i concorrenti europei faticano a tenere il passo.

I 20 maggiori gestori di fondi statunitensi controllano circa il 35% degli asset globalmente gestiti, più del doppio rispetto al 14% gestito dai 20 principali attori europei. Secondo alcune elaborazioni del Financial Times sui dati di Moody’s, Investment & Pensions Europe e Boston Consulting Group.

La differenza di masse e dimensioni tra Usa e Ue è un parte dipendente da alcuni fenomeni. Primo, spiega il Ft, la maggior parte dei gestori patrimoniali europei è costituita da filiali di banche o compagnie assicurative. Questi attori tendono a fare affidamento sulla vendita di prodotti interni tramite canali di distribuzione che rimangono confinati a livello nazionale.

La loro capacità di espansione è inoltre limitata dalla natura frammentata dei mercati finanziari europei. Di conseguenza, la maggior parte dei gestori patrimoniali europei fa affidamento sul proprio mercato interno e solo il 37% dei fondi comuni di investimento e il 3% dei fondi di investimento alternativi europei sono registrati per la vendita in più di tre Stati membri dell’Ue.

Un altro punto, sottolinea ancora il Ft, è rappresentato dal fatto che i costi di distribuzione in Europa siano più elevati, fattore che incide sui margini di profitto riducendo la capacità dei gestori europei di investire nella ricerca e nello sviluppo dei prodotti. “Minori profitti e una frammentazione del mercato non hanno permesso ai gestori di fondi europei di raggiungere la scala di grandezza dei concorrenti statunitensi”, ha affermato Moody’s.

Quest’anno sono state introdotte regole per migliorare la distribuzione transfrontaliera dei fondi che dovrebbero aiutare i manager europei a guardare oltre i loro paesi d’origine per attrarre gli affari. Ma i manager statunitensi continueranno a beneficiare di vantaggi strutturali. Le famiglie Usa sono più a loro agio con i rischi legati agli investimenti e detengono solo il 10% dei loro risparmi nei conti deposito.

Le famiglie europee, invece, sono più caute e circa il 40% dei loro risparmi è affidato ai depositi bancari. Anche le masse gestite dal settore pensionistico negli Stati Uniti sono significativamente più consistenti rispetto alle attività europee, che restano più dipendenti dai regimi pensionistici nazionali.

Francesca Conti
Francesca Conti
Condividi l'articolo
ALTRI ARTICOLI SU "Asset Managers"
ALTRI ARTICOLI SU "Azionari internazionali"
ALTRI ARTICOLI SU "Europa"