PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Fondi pensione: enormi vantaggi fiscali

Fondi pensione: enormi vantaggi fiscali

Salva
Salva
Condividi
we wealth
Gianluca Vumbaca

08 Maggio 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Lo strumento finanziario che il fisco agevola più di tutti

  • La migliore polizza vita che puoi sottoscrivere!

Molte persone anche laureate non conoscono i vantaggi fiscali della previdenza complementare. Ecco perchè questi miei articoli dedicati all’educazione finanziaria. Dopo il deficit di cultura ambientale, questo è un nuovo grande vuoto da colmare.

 

Eccezion fatta per i regimi fiscali di vantaggio come minimi e forfettari, in Italia le persone sono tassate in maniera crescente rispetto al reddito. Chi guadagna più di 15.000€ lorde viene tassato al 27%, chi supera le 28.000€ lorde ha l’eccedenza tassata al 38%.

Per redditi superiori ai 55.000€ o 75.000€ le aliquote salgono ancora al 41% e 43%. Tutto quanto un contribuente versa al proprio fondo pensione si deduce al 100% dal reddito imponibile.

Ad esempio, se versi 5.000€ al fondo in un anno e paghi il 38% di IRPEF recuperi quasi 2.000€ che altrimenti avresti regalato allo Stato. Se sei lavoratore dipendente, il recupero è direttamente in busta paga il luglio dell’anno successivo.

Questo vantaggio fiscale ha un tetto annuo, per versamenti di massimo 5.164€ circa. Tali somme saranno poi tassate con delle aliquote di vantaggio al momento della pensione pubblica.

Per approfondire questo aspetto e le altre caratteristiche dei fondi pensione ti rimandoall’articolo relativo.

Mi è capitato di far conoscere questi vantaggi anche ai pensionati. Molti si sono meravigliati di così grandi vantaggi fiscali e dispiaciuti di non averne approfittato.

Comunque anche il pensionato, se ha ancora familiari a carico, può pensare di aprire loro (non importa se sono minorenni) il fondo pensione.

In questo modo recupera l’IRPEF pagata sul reddito da pensione. Se hai ancora un anno prima dell’età di vecchiaia per la pensione, forse sei ancora in tempo. Verifica se puoi iscriverti alla previdenza complementare.

Molti hanno aperto contratti assicurativi con durate medio lunghe (dai 15 ai 25 anni in genere) in cui versano dei risparmi.

Le finalità di questa soluzione sono creare un salvadanaio e tutelare i propri cari caso morte. Queste polizze vita non hanno però l’enorme vantaggio fiscale dei fondi pensione. Per chi paga tanta IRPEF, versare in un fondo pensione significa recuperare quasi la metà del versato direttamente dalle tasse.

Inoltre il fondo pensione è anche una polizza vita, dunque mantiene i vantaggi tipici di questa forma di assicurazione che serve per proteggere le persone a noi più intime.La miglior polizza vita per risparmiare e tutelare i nostri cari è il fondo pensione.

Se non desideri prenderti dei rischi finanziari, sappi che i fondi pensione sono oramai i pochi strumenti presenti sul mercato che hanno ancora un comparto di investimento a capitale totalmente garantito.

Per cui senza rischiare nulla sui mercati, puoi fare un investimento che rende ogni anno il 27%, 38% o più a seconda della aliquota IRPEF con cui sei tassato.

Se vuoi investire senza pagare l’imposta di bollo, hai trovato la soluzione che cerchi. I fondi pensione azzerano la tassa prevista sui normali investimenti per sempre! Tuttavia, presta attenzione ai vincoli di riscatto dei fondi pensione.

E’ vero che si recuperano tante tasse ma versare ai fondi pensione significa anche fare integrazione previdenziale non rivedere i propri risparmi nel breve termine.

L’orizzonte temporale minimo che ti devi dare è 8 anni, dopo questa durata sono possibili tanti vantaggiosi riscatti parziali. E ricorda, non tutti i fondi pensione sono uguali! Per questo l’onestà e l’eticità del tuo consulente finanziario è essenziale.

Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:La voce del Wealth
ALTRI ARTICOLI