Otto racconti da Galleria Continua: Parigi

Tempo di lettura: 3'
Con ben otto sedi sparse in giro per il globo, la prima in ordine di tempo è a San Gimignano e l’ultima a Dubai in formula di temporary exhibition space, Galleria Continua intercetta le tendenze internazionali, scopre artisti talentuosi e fa crescere quelli già affermati. Il tutto lo fa prima degli altri e spesso anche meglio
La sua storia sembra tratta da un film sull'amicizia e sul coraggio. Con una forte propensione all' “inconsueto”, all'“esplorazione culturale” e al “mai fatto prima” la galleria porta avanti progetti visionari con cuore e un pizzico di follia. Spiazza e conquista. Amatissima dai collezionisti, ambita dagli artisti e stimata dagli addetti ai lavori la galleria occupa un ruolo primario nel panorama dei “mercanti innovatori”. Si lega perfettamente al territorio e restituisce sempre ciò che riceve. Un esempio ben riuscito di mercato, passione, scoperta e sperimentazione…
Conoscere meglio Galleria Continua vuol dire conoscere meglio il sistema e i suoi protagonisti. Punto di riferimento imprescindibile per chi ama l'arte, la colleziona o la acquista anche solo per investimento.
Otto appuntamenti per capire il suo mondo. Otto storie per conoscere i suoi talenti. Otto consigli per entrare nel mercato.


Paloma Vauthier, Fric Show. Courtesy: Paloma Vauthier

1. Sede: Parigi Marais


Galleria Continua Parigi nasce dal desiderio dei tre fondatori, Lorenzo Fiaschi, Mario Cristiani e Maurizio Rigillo di creare uno spazio accessibile, accogliente e aperto alla sperimentazione. “L'apertura della nuova sede è stata più una scelta di cuore che di testa” raccontano. “Si è concretizzata la possibilità di prendere lo spazio che si era da poco liberato e così abbiamo aperto un nuovo capitolo della nostra storia. L'idea iniziale era quella di mettere in relazione questo spazio con Les Moulins, la galleria già esistente alle porte di Parigi. Creare una relazione. L'artista francese JR, con il quale abbiamo collaborato a Parigi, ha ispirato la creazione di uno spazio in cui l'arte fosse accessibile a tutti e senza barriere come se si trattasse - ha suggerito scherzosamente l'artista - di un 'supermercato'. Ma noi lo abbiamo preso sul serio e così accanto alle opere più importanti abbiamo messo oggetti più accessibili come cataloghi firmati e prodotti alimentari provenienti da tutti i paesi in cui la galleria è presente.  Ha preso vita così uno 'spazio di scambio' con incontri e talk, esibizioni ed eventi culturali e artistici”.
A un anno dall'inaugurazione, Galleria Continua Parigi si prepara a una nuova apertura: quella dello spazio della galleria completamente rinnovato e pronto a svolgere appieno la sua missione di luogo d'incontro. Per questo all'interno della galleria verranno inaugurati anche un bar, un bookshop e un'appendice della pluripremiata gelateria Dondoli di San Gimignano.
In occasione di questa apertura la galleria ospiterà una mostra personale dell'artista camerunese Pascale Marthine Tayou e presenterà un nuovo spazio della galleria che sarà destinato a dare voce agli artisti contemporanei emergenti e che inaugurerà con un'esposizione personale dell'artista Paloma Vauthier.


Paloma Vauthier, METANOVA. Credits: Angèle Metzger - Photo by Paloma Vauthier



2. Eventi in programma


Dall'8 aprile al 7 maggio 2022 la galleria ospita METANOVA, una mostra di Paloma Vauthier, artista emergente del panorama contemporaneo parigino. METANOVA si sviluppa attorno al tema della metamorfosi, della trasformazione corporale dell'artista, da essere umano a ibrido mostruoso, una creatura fantastica caratterizzata da tratti che dall'organico sfociano nell'artificiale e nel cibernetico, legati a un'estetica cyberpunk e all'esplorazione delle possibilità del metaverso. Data la metamorfosi come concetto centrale della mostra, questa si svilupperà in diverse dimensioni e media: dalla performance al video, dalla fotografia alla scultura.

3. L'artista rappresentativo


Paloma Vauthier è un'attrice, artista e videografa e vive a Parigi. A 18 anni, si è unita ai ranghi della scuola Kourtrajmé, sotto la direzione dell'artista JR. Da diversi anni l'artista ha scoperto la disciplina della pole dance, ed è rimasta affascinata dal potenziale artistico che può scaturire da questa pratica, cercando di coniugarne l'esercizio con la sua ricerca artistica. Paloma Vauthier ha esposto al centro culturale CENTQUATRE, nell'ambito della mostra HARD-CORPS curata da José-Manuel Gonçalvès.


Paloma Vauthier, Courtesy: Gil Lesage 

4. Mercato: posizionamento e quotazioni


Le opere di Paloma Vauthier si posizionano in un mercato sempre più in crescita, sempre più interessato ad esplorare il digitale e le nuove possibilità che le nuove tecnologie ci offrono. La sua quotazione varia tra 1.000 e 5.000 euro.

5. Ricerca: una frase esemplificativa


“Attraverso la mia macchina fotografica osservo le manifestazioni senza averle anticipate e il mio corpo soggetto diventa materia trasformata. C'è una reazione chimica e chimerica. Queste possibilità sono per me una messa in discussione della moltitudine di forme possibili che il mio corpo può assumere. Abbiamo così davanti agli occhi lo spettacolo di una metamorfosi dell'attenzione piuttosto che del controllo” ha affermato Paloma Vauthier.


Paloma Vauthier, METANOVA. Credits: Angèle Metzger - Photo by Paloma Vauthier

6. Prossimo appuntamento: San Gimignano




 

 

alessandro@we-wealth.com

Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Specializzato in diritto tributario presso la Business School de Il Sole 24 ore e poi in diritto e fiscalità dell’arte, dal 2004 è iscritto all’Albo degli Avvocati di Milano ed è abilitato alla difesa in Corte di Cassazione. La sua attività si incentra prevalentemente sulla consulenza giuridica e fiscale applicata all’impiego del capitale, agli investimenti e al business. E’ partner di Cavalluzzo Rizzi Caldart, studio boutique del centro di Milano. Dal 2019 collabora con We Wealth su temi legati ai beni da collezione e investimento.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti