Mercati in alto mare? La strategia di Carmignac per tenere la rotta

We Wealth
Antonio Murtas
16.6.2022
Tempo di lettura: 3'
In un contesto di mercato incerto gli investitori sono alla ricerca di una strategia capace di adattarsi in maniera rapida ai movimenti imprrovvisi. Ce la rivelano gli esperti di Carmignac

Ciò che al mondo è più flessibile vince ciò che al mondo è più duro” insegnava il filosofo antico Lao-Tsu, la cui lezione potrebbe trovare applicazione anche nell’attuale contesto di mercato. Tensioni geopolitiche, inflazione in aumento (+8,6% su base annua negli Stati Uniti, riporta il Bureau of Labour Statistics, +8,1 nell’Eurozona secondo Eurostat) ripresa economica in rallentamento (la Banca Mondiale ha recentemente rivisto al ribasso la previsione di crescita a livello globale per il 2022, portandola al 2,9% dal 4,9% stimato a gennaio) hanno infatti irrigidito gli investitori, preoccupati dall’incertezza che permea i mercati. Tuttavia, proprio la flessibilità, unita a un approccio attivo basato sul risk management, può essere la strategia vincente per investire nella complessità del contesto attuale. Ne sono convinti Rose Ouahba, DavidOlder e Keith Ney, co-gestori del Fondo Carmignac Patrimoine di Carmignac

Secondo gli esperti della casa di gestione francese, il futuro dei mercati finanziari non è roseo, a causa del rischio di recessione e di inflazione. Tuttavia, spiega Ouahba,“ancora prima dell’invasione dell’Ucraina e dei nuovi lockdown in Cina, le nostre analisi e anticipazioni indicavano già una crescita economica più lenta e un’inflazione più duratura di quanto comunemente previsto per il 2022. Gli ultimi avvenimenti hanno semplicemente accentuato le tendenze”.
Soprattutto nel mercato azionario, dove nemmeno il buono stato di salute della maggior parte delle società è stato in grado di attenuare le preoccupazioni degli investitori. “Nonostante fondamentali sani (la maggior parte delle società americane non finanziarie ha pubblicato risultati migliori delle attese) – sottolinea Older - i mercati finanziari continuano a essere guidati da tematiche macroeconomiche, come l’inflazione”. In questo contesto, dunque, maggiore attenzione alle valutazioni e un’esposizione ridotta ai mercati azionari, consiglia l’esperto di Carmignac. Ma nemmeno il mercato del debito offre un porto sicuro agli investitori, considerate le perdite nei mesi scorsi, avverte Ney.
Viene quindi naturale chiedersi come navigare in queste acque agitate: “l’attuale contesto di rallentamento della crescita e inflazione elevata ci ha portati a investire in società che sono relativamente immuni dall’andamento altalenante dell’economia o che offrono una buona visibilità sugli utili”, concordano i tre gestori, secondo i quali anche un certo livello di liquidità può aiutare a cogliere agilmente le opportunità quando le acque saranno più calme.

Un approccio proattivo e flessibile


Individuare e scegliere una gamma di strumenti quanto più vasta ed eterogenea, grazie a una selezione sia geografica che settoriale, e adottare un orizzonte di investimento di lungo periodo: questa è la filosofia di gestione della casa parigina e del suo fondo Carmignac Patrimoine. Questo approccio, spiega Ney, permette di rispondere in maniera rapida ai mutamenti di mercato e di mitigare il rischio: ed è proprio l’ampio ventaglio di asset class che permette di cogliere molteplici opportunità di investimento e di trarre profitto dalle oscillazioni del mercato, guidati da un approccio disciplinato, aggiunge Ouahba. “Quando investiamo in una società lo facciamo dopo un’attenta e approfondita analisi per assicurarci che l’attività sia in linea con le nostre convinzioni” precisa Older. L’approccio proattivo e flessibile, concludono i gestori, da un lato è capace di tutelare il portafoglio nei momenti di flessione del mercato, mentre dall’altro permette di sfruttare i driver di performance che emergono non appena questo inizia a riprendersi".


Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti