Andrea Guerra, Lvmh: nella geografia del lusso vince l'Italia

Teresa Scarale
Teresa Scarale
31.10.2021
Tempo di lettura: 2'
Il Fashion Global Summit è stato l'occasione per il capo dell'hotellerie di lusso del gruppo Louis Vuitton Moet Hennessy di fare qualche riflessione sulla posizione del nostro paese e non solo nel settore del turismo di alta gamma
Nella nuova geografia del lusso, l'Italia è in cima alla lista dei desideri e bisogna agire di conseguenza, «fare che i sogni diventino realtà». Ad affermarlo è Andrea Guerra, ceo di Lvmh hospitality excellence in occasione del Fashion Global Summit organizzato da Classa Agorà. «La pandemia è arrivata quando globalizzazione aveva annullato le distanze fra le persone. Stavamo iniziando a gestire tutte le culture del mondo e poi ci siamo dovuti reinventare, anche se non del tutto», ha affermato Guerra. L'altissimo di gamma dell'ospitalità «ha continuato a funzionare nella pandemia, soprattutto ai Caraibi, a Dubai, nei grandi paesi che avevano sufficiente turismo nazionale per riempire gli hotel del lusso, come Cina e Usa». Ma ora «è importante ricreare tutte quelle emozioni necessarie perché il consumatore possa riportare le mani al portafoglio», ha aggiunto, specificando che «i ristoranti degli alberghi hanno fatto record ovunque l'estate appena trascorsa, gli hotel sono considerati oasi sicure».
Andrea Guerra, Lvmh: nella geografia del lusso vince l'Italia

Il gruppo Lvmh, che attualmente vale 333 miliardi di euro (valore che ne fa il 21esimo gruppo al mondo per valore di borsa) è «forte» in Italia e vi possiede una decina di strutture di lusso, «di grande storia e di grande fascino». In Italia e in Europa gli americani sono tornati a viaggiare. Ma a Milano manca ancora il turismo asiatico: la tolleranza zero nei confronti del covid scelta da paesi come la Cina rende impossibile prevedere una ripresa stabile della domanda turistica da quella regione. Macao è un'ottima cartina tornasole della situazione: «alcuni giorni il turismo nella città fa segnare il +100%, altri il -97%». I cinesi ricchi stanno tornando timidamente a viaggiare all'estero, ma soprattutto in posti come Maldive e Dubai. È a loro che il Belpaese deve mirare: quello cinese oggi è un mercato più che doppio rispetto a quello che era nel 2019, rivela Guerra.

Nel nostro paese dobbiamo fare in modo di diventare i numeri uno dell'ospitalità, almeno nel sud Europa. Il covid è stato un eccezionale momento di «check-up di marchio, azienda, clienti, fornitori. Più si abbassa il mare, più emergono eventuali scogli, più sii vede se il sistema era equilibrato». La crisi ha permesso di individuare tre chiavi: equilibrio, resilienza, relazione. L'equilibro è concetto fondamentale nel lusso, fra «bravi e non bravi: dopo il covid la mediocrità non può più esistere». La vulnerabilità si batte con la resilienza, così come con la capacità di avere una capacità di relazione con il consumatore. Anche nel turismo di lusso, sopravvivrà chi più ha le spalle larghe. Gli operatori dei fondi di pe sono a caccia di occasioni, ma «l'Italia è in vendita, non in svendita. Dobbiamo «passare dall'essere il Paese più desiderato a quello più visitato: l'Italia è tutta bella e per noi le isole sono il punto di attrazione maggiore».
Caporedattore della sezione Pleasure Asset di We Wealth. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline economiche e sociali presso l’Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia e mercati dell’arte. È in We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti