Gas, investire nella commodity del futuro

Sofia Fraschini
8.7.2022
Tempo di lettura: '
Elemento importante della transizione energetica per i prossimi decenni, e potenzialmente un “destination fuel”, può entrare in portafglio con gli Etc

Questa materia prima si riferisce ai contratti scambiati sulla borsa di New York il cui prezzo può differire dal quello del gas naturale scambiato in Europa

Lo stoccaggio sarà un elemento cruciale nel lungo termine nel percorso di decarbonizzazione

Il gas è da mesi al centro degli interessi di mezzo mondo e il conflitto russo-ucraino ha completamente scompaginato le dinamiche di domanda – offerta e i prezzi, che sono letteralmente volati.
Come per petrolio, grano e altre commodity anche nel caso del gas naturale l'inizio dell'anno è stato caratterizzato da un progressivo incremento nel prezzo della materia prima con i massimi toccati ad inizio giugno. “Da allora la discesa dei prezzi è stata rilevante è pari ad oltre il -33%. Si precisa che quando si riferisce a tale materia prima si riferisce solitamente ai contratti scambiati sulla borsa di New York il cui andamento del prezzo può differire dal prezzo del gas naturale scambiato in Europa. Le conseguenze della guerra in Ucraina con la chiusura di alcuni canali di rifornimento dalla Russia fino ai paesi europei ha infatti determinato un andamento opposto da metà giugno sul prezzo del gas naturale in Europa con una crescita del +50% circa” spiega Consultique. Un dettaglio che chiarisce come, quando si parla di gas, dunque, è importante capire su cosa esattamente si sta investendo

Il ruolo del gas


Il gas naturale è un elemento importante della transizione energetica per i prossimi decenni e potenzialmente un “destination fuel”.A livello globale, anche in uno scenario “net zero” al 2050, la domanda di gas naturale sarà almeno il 50% di quella attuale ( 4100 Miliardi di mc all'anno), come fonte energetica per settori non elettrificabili ed integrata da sistemi di offset o cattura di CO2.
“In Europa – spiega Alessandro Cadei, responsabile Emea del settore energia e utility -  il ruolo del gas è ancora pivotale. Basti considerare la fragilità di un sistema diapprovvigionamenti che dovrà necessariamente trasformarsi per mitigare/rimpiazzare l'import Russo, arrivato nel 2021 a pesare per il 40% sulla domanda dell'Unione Europea.
Ma le opportunità (ed i rischi) del mondo gas vanno ben oltre e richiederanno scelte ragionate e pesate che aiutino (e non rallentino) la decarbonizzazione”.

Lo scenario


Secondo Bain and Company, le priorità strategiche del settore in Europa (e in Italia) dovranno essere volti a:

1) assicurarsi nel breve-medio termine fonti alternative ad integrazione degli attuali approvvigionamenti, cercando anche di rivalutare, in ottica di geopolitica delle risorse, fonti “europee” (e.g. bacini nel Mediterraneo orientale) e forme di approvvigionamento LNG meno esposto al mercato;

2) “decarbonizzare” nel medio-lungo termine il gas naturale, integrando produzione di biometano (che può arrivare al 10% dei consumi gas nei prossimi 10-15 anni, con investimenti necessari per almeno 50 miliardi), sistemi di abbattimento della CO2, e, nel lungo termine sostituzione della molecola con molecole “low carbon” (Idrogeno e CH4 sintetico)

3) aumentare la “resilienza” del sistema europeo, attraverso regole ed investimenti infrastrutturali che consentano in modo mirato la mobilizzazione di risorse “cross- Country”, con un attento trade off tra benefici, possibili alternative e costi per la società

Lo stoccaggio


In particolare, lo stoccaggio sarà un elemento cruciale nel lungo termine nel percorso di “decarbonizzazione”. Per raggiungere l'obiettivo net zero al 2050, oltre a 250 miliardi di investimenti in stoccaggio elettrochimico, si stima che in Europa saranno necessari  200 miliardi di investimenti in stoccaggio idrogeno (in parte attraverso la riconversione degli attuali stoccaggi gas) e 150 miliardi per sistemi di stoccaggio CO2 (in larga parte nel Mare del Nord).
Nuovi modelli di business saranno necessari per abilitare la transizione energetica. In particolare, è probabile lo sviluppo di “Flexibility Provider” che integreranno ed amplieranno l'attuale ruolo degli operatori attraverso servizi di “conversione” da elettrone a molecola verde (e.g. Power to X), servizi di stoccaggio delle molecole (low carbon o tradizionali) e gestione della CO2 sequestrata, integrando le principali tecnologie chiave per la transizione energetica e supportando l'elettrificazione del sistema, potenzialmente anche con modelli di business “regolati”

Come investire


Alla luce di questo scenario posizionarsi sul gas può essere un'opportunità. A Milano sono quotati gli strumenti che replicano l'andamento delle materie prime (Etc) e alcuni di loro stanno guadagnano oltre l'80% da gennaio. Ma come funzionano e quali sono i rischi principali? Investire in materie prime è molto complesso e soprattutto questi strumenti, per motivi tecnici, non replicano mai fedelmente l'andamento della materia prima sottostante è quindi utile entrare nel mercato con il supporto di un consulente esperto che possa consigliarci lo strumento migliore, il peso in portafoglio e gli scenari del nostro investimento sia sul fronte della remunerazione, sia su quello delle criticità possibili.

Con il servizio Chiedi agli esperti di We Wealth puoi contattare gratuitamente un professionista che ti potrà guidare nella scelta dei migliori investimenti e nella gestione del tuo patrimonio. Fai una domanda a uno dei 300 esperti disponibili su We Wealth.

We Wealth è il primo marketplace del wealth management, la piattaforma leader in Italia dove gli investitori incontrano i professionisti della consulenza patrimoniale.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti