PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Strategie per innovare attraverso la tradizione

Strategie per innovare attraverso la tradizione

Salva
Salva
Condividi
Contributor
Contributor, Alfredo De Massis e Emanuela Rondi

30 Settembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

I family business sono spesso guidati dalla volontà di preservare il proprio capitale socio-emotivo e questa esigenza talvolta prevale sugli obiettivi economici. L’orientamento al lungo termine e la tensione tra passato e futuro richiedono capacità di interiorizzare l’eredità storica della famiglia e reinterpretarla in modo originale

La quasi totalità delle imprese sul territorio italiano e la maggioranza nelle diverse economie del mondo è di proprietà e a conduzione familiare. Il coinvolgimento della famiglia esercita una notevole influenza sulle decisioni strategiche dell’impresa. Tra le scelte strategiche l’innovazione gioca un ruolo chiave, poiché critica per la sopravvivenza e il vantaggio competitivo delle organizzazioni. Tuttavia, i nostri studi e le nostre attività di supporto alle imprese familiari realizzate attraverso il Centro per il Family business management dell’Università di Bolzano evidenziano la loro tendenza ad investire meno risorse in ricerca e sviluppo rispetto alle imprese non familiari. Ma perché i family business fanno così fatica ad innovare?

Tale tendenza viene motivata dalla volontà della famiglia nell’impresa di preservare il proprio capitale socio-emotivo. Il capitale socio-emotivo costituisce la dote affettiva che la famiglia nutre nei confronti dell’impresa e si articola in cinque dimensioni: il desiderio della famiglia di esercitare autorità e di influenzare le sorti dell’impresa, l’identificazione della famiglia con l’impresa, il mantenimento di un forte sistema di relazioni sociali, l’attaccamento emotivo all’impresa e la continuazione della dinastia familiare. Si rileva quindi che le decisioni strategiche delle imprese familiari, tra cui quelle di innovazione, non vengono guidate solamente dal capitale finanziario e da decisioni di profitto, ma soprattutto dalla volontà della famiglia alla guida del business di preservare il proprio capitale socio-emotivo.

Pertanto, quando si analizzano le decisioni delle imprese familiari, limitarsi ad una mera valutazione degli aspetti finanziari non consente di comprendere l’unicità dei processi decisionali di queste realtà. Le imprese familiari sono infatti guidate da obiettivi non-economici che spesso prevalgono su quelli economici. Al fine di preservare il capitale socio-emotivo, le imprese familiari sono più avverse al rischio e quindi meno propense a intraprendere processi incerti come quelli innovativi.

Tuttavia, la ricerca scientifica condotta da noi e da altri colleghi su family business in diversi paesi evidenzia che questa tendenza si inverte, portando le imprese familiari ad investire di più in ricerca e sviluppo di quelle non familiari, quando le performance risultano inferiori alle aspirazioni. In questo caso, gli obiettivi economici e non-economici si allineano, spingendo le imprese familiari a correre rischi di scelte innovative per poter consentire alla famiglia e all’impresa di prosperare nel lungo termine.

L’orientamento al lungo termine emerge tra le caratteristiche distintive delle imprese familiari. Con esso si intende non solo una prospettiva che guarda al futuro, attraverso innovazioni e investimenti pazienti che mirano a generare valore per le generazioni a venire, ma anche al passato con un occhio di riguardo all’eredità storica e familiare tramandata dagli antenati. Questa tensione tra passato e futuro potrebbe sembrare un paradosso per il quale le imprese familiari si trovano legate alla propria tradizione, ma allo stesso tempo necessitano di innovare per essere sostenibili nel tempo. Tuttavia, tale tensione può essere gestita attraverso una strategia di “innovazione attraverso la tradizione” – come la definiamo nei nostri studi condotti sia su imprese familiari italiane come Aboca, Apreamare, Beretta, Lavazza, Sangalli, Thun e Vibram, tanto per citarne alcune, sia su family business di altri Paesi – che riescono ad essere simultaneamente ancorate al proprio passato e molto innovative.

Le imprese familiari hanno la possibilità di innovare facendo leva sull’eredità storica della propria famiglia e del proprio territorio, risorse uniche e difficilmente imitabili dalla concorrenza. La strategia di “innovazione attraverso la tradizione” si basa su due capacità cardine che le imprese familiari devono sviluppare internamente. La prima è quella di interiorizzazione, riuscendo quindi a codificare gli elementi tradizionali che caratterizzano i prodotti e i processi e che spesso tracciano l’identità dell’azienda agli occhi degli stakeholder al fine di portare il proprio passato e la propria storia in prossimità di tutti gli attori aziendali. Per questo motivo, risulta cruciale per le dinastie familiari interiorizzare la tradizione celebrandola e tramandandola nelle generazioni attraverso racconti di vita vissuta, resoconti tangibili come le monografie d’impresa, musei ed artefatti che possano costituire asset di riferimento accessibili. Nell’interiorizzazione risulta fondamentale la codifica di conoscenze tacite che appartengono alla tradizione, per questo gli strumenti digitali possono fornire un utile supporto.

La seconda è quella della reinterpretazione, atta a identificare nuovi significati o ad integrare nuove funzionalità nella tradizione, generando prodotti innovativi. L’implementazione della strategia di “innovazione attraverso la tradizione” risulta maggiormente di beneficio per le dinastie familiari con una prospera eredità valoriale, che attribuisce significati e onora i simboli tramandati, caratterizzata quindi da un elevato capitale socio-emotivo. Al fine di reinterpretare la propria tradizione è cruciale comprendere le nuove tendenze e le nuove tecnologie per trasportare il passato nel futuro. Per sviluppare competenze di interiorizzazione e reinterpretazione i membri familiari devono nutrire un’alleanza intergenerazionale, capace di trasformare l’eredità del passato in innovazione per il futuro per consentire a famiglia e impresa di prosperare nel tempo.

Contributor
Contributor , Alfredo De Massis e Emanuela Rondi
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Imprese e startup