PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Jack Ma lascia la presidenza di Alibaba

Jack Ma lascia la presidenza di Alibaba

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

10 Settembre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Alibaba, il colosso asiatico dell’e-commerce, ha un valore di mercato di 460 miliardi di dollari

  • “Il mondo è grande e io sono ancora giovane, voglio provare nuove cose”, aveva scritto in una lettera Jack Ma, annunciando ai propri dipendenti le sue dimissioni

  • Entro il 2036 la società punta a creare 100 milioni posti di lavoro

Nel giorno del suo 55esimo compleanno, l’imprenditore cinese Jack Ma lascia la presidenza di Alibaba. Il secondo uomo più ricco dell’Asia, con un patrimonio di 41,8 miliardi di dollari, si dedicherà alla filantropia e all’educazione. Il colosso dell’e-commerce affida le proprie redini all’attuale ceo, Daniel Zhang

Jack Ma lascia la presidenza di Alibaba. Il colosso dell’e-commerce, fondato il 10 settembre del 1999, festeggia così i suoi vent’anni di storia con un malinconico e allo stesso tempo motivazionale rito di successione, affidando le proprie redini all’attuale ceo, Daniel Zhang.

“Sono una persona che ha sempre guardato avanti, non voglio guardare indietro”, aveva dichiarato in un video l’ex insegnante, passeggiando tra le mura di Hupan Garden e ricordando quando tutto era iniziato nel piccolo appartamento di Hangzhou, che ha fatto da culla a quella che sarebbe diventata una compagnia dal valore di 460 miliardi di dollari e oltre 100mila dipendenti.

La notizia non sorprende, ma arriva in occasione del suo 55esimo compleanno dopo essere stata annunciata un anno fa in una lettera aperta ai dipendenti. “Non è la fine di un’era, ma l’inizio di una nuova – scriveva il fondatore di Alibaba – il mondo è grande e io sono ancora giovane, voglio provare nuove cose”.

Un uomo dal patrimonio di 41,8 miliardi di dollari

Secondo il Bloomberg Billionair Index, Jack Ma ha oggi un patrimonio di 41,8 miliardi di dollari ed è il secondo uomo più ricco del continente asiatico dopo Mukesh Ambani, l’amministratore delegato di Reliance Industries Limited. Ispirato al fondatore di Microsoft, Bill Gates, Ma dedicherà il proprio futuro alla filantropia, occupandosi tra le altre iniziative anche della Jack Ma Foundation, la fondazione di beneficenza dedicata alla promozione di sistemi educativi nella Cina rurale. Più di una volta, l’ex insegnante aveva infatti dichiarato di volersi concentrare sull’istruzione: nel 2015, accompagnato da altri otto magnati cinesi, aveva fondato nel suo paese di origine anche la Hupan University, diventata ben presto una delle principali istituzioni e network del business della zona.

Il futuro di Alibaba

Jack Ma lascia sulle spalle di Daniel Zhang alcuni importanti obiettivi: entro il 2036 la società punta a creare 100 milioni posti di lavoro, servendo due miliardi di clienti in tutto il mondo (attualmente sono circa 654 milioni). “Non importa cosa sia Alibaba, non importa cosa sarà – aggiunge l’imprenditore cinese – Voglio che questa azienda non dimentichi mai di sognare”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Imprese e startup Cina