PREVIOUS ARTICLENEXT ARTICLE

Imprese e imprenditori: esiste la startup ideale?

Imprese e imprenditori: esiste la startup ideale?

Salva
Salva
Condividi
Andrea Messuti
Andrea Messuti

05 Novembre 2020
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva

Mai come ora, giovani (e meno giovani) sognatori hanno cercato di uscire dal binario della tradizione per dare vita a sturtup innovative e progetti imprenditoriali dirompenti. Solo in pochi, tuttavia, riescono a trovare la formula del successo. Quali sono i principali ingredienti per essere desiderati dagli investitori?

Trascinati dalle correnti del nuovo millennio, sempre più persone tentano di avventurarsi nel mondo imprenditoriale con proposte innovative. Ma il mercato, si sa, è impietoso come la natura al momento della nascita di certe specie animali. Per cui, solo in pochi alla fine riescono a superare le difficoltà del caso e ad andare avanti Eppure, di sturtup e storie di successo (o quasi) ormai sono piene le librerie e i talks.

Quali sono quindi i principali ingredienti della ricetta per essere desiderati dagli investitori?  Abbiamo provato a distillare i tre principali elementi che dovrebbero caratterizzare una startup ideale.

Ci sembra, anzitutto, di primaria importanza l’elemento oggettivo. Nell’attuale contesto caratterizzato da frenetico consumismo, una startup vincente dovrebbe essere in grado di intercettare o creare un bisogno della collettività, coniugando la semplicità del “cosa” (si propone di offrire) all’efficienza del “come” (si intende farlo). Infatti, il tentativo di migliorare la qualità della vita delle persone non può che passare attraverso un’attenta e preliminare analisi di mercato, che tenga conto delle esigenze attuali della società, della loro evoluzione nel tempo e del metodo (o mezzo) per migliorare lo stato delle cose, in buona sostanza anticipando il futuro. Pertanto, primo elemento fondamentale per “farsi notare” dagli investitori è la proposta di soluzioni facilmente intuitive, nell’ambito di un business scalabile e rivolto a settori caratterizzati da forte crescita e da tendenza all’internazionalizzazione.

Sempre da un punto di vista oggettivo, il secondo elemento fondamentale, una volta individuato il concept, riguarda l’equazione tra la base tecnologica (e/o di asset immateriali) utilizzata dalla società e la protezione della stessa sul fronte della proprietà intellettuale. Va da sé che una startup che si dimostri deficitaria sotto questo punto di vista, non mettendo in sicurezza l’unico proprio bene di valore, non possa fornire alcuna concreta garanzia sulla continuità della propria attività nel medio e lungo termine né, a maggior ragione, alcuna tutela per gli investitori interessati ad accompagnare il progetto nelle varie fasi del suo sviluppo.

Altrettanto fondamentale è poi l’elemento soggettivo, che in definitiva risulta essere il terzo aspetto fondamentale per fare la differenza in un contesto altamente competitivo.

L’esperienza ci conferma che la startup ideale può avere sì un leader visionario, ma non deve identificarsi esclusivamente con questa figura. Numerosi investitori ritengono, infatti, che i cosiddetti one-man show portino quasi sempre al fallimento del progetto. Una società capace di offrire garanzie sul proprio futuro non può che basarsi su un team coeso dalle competenze disciplinari complementari e ben coordinate fra loro. Gruppi di questo genere, con competenze maturate in specifiche aree diverse fra loro, danno infatti valore aggiunto al business model e rappresentano un chiaro indicatore dell’equilibrio della società. Senza considerare che un nucleo ben organizzato è sinonimo di una metodologia operativa efficiente, in grado di colmare il fabbisogno di competenze e di trasmettere idee e valori a dipendenti e terzi.

 

Articolo scritto in collaborazione con l’avvocato Stefano Giannone Codiglione

Andrea Messuti
Andrea Messuti
È avvocato e partner di Lca Studio Legale, dove coordina il team di Emerging companies & venture capital. È specializzato in operazioni di M&A e venture capital e in operazioni sui mercati dei capitali nazionali o stranieri (con particolare riferimento alle Ipo nei settori tech e life science). Assiste clienti italiani e internazionali operanti in diversi settori industriali e tecnologici.
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.

WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU:Imprese e startupImprese