Sostenibilità e gestione attiva: la ricetta di Carmignac

Tempo di lettura: 3'
L’analisi Esg e la sostenibilità sono temi di fondamentale importanza per Carmignac. Ma ciò che più conta è la gestione attiva, tratto distintivo della società
“L'analisi dei criteri ambientali, sociali e di governance (Esg) è un tema che in Carmignac trattiamo in modo serio, ma soprattutto attivo”. Così Maxime Carmignac, Managing Director UK dell'omonima società, durante l'evento La rentrée Carmignac 2021, per cui “agire in modo attivo significa sensibilizzare le aziende per fare in modo che politiche più sostenibili si possano diffondere: un impegno che portiamo avanti soprattutto esercitando il diritto di voto nelle aziende in cui investiamo, così da avere un impatto concreto sulle politiche societarie”.

Gestione attiva per le politiche societarie: l'esempio di Amazon


Un esempio di come combinare produttività e profitti con attenzioni alla componente sociale arriva dal colosso dell'e-commerce Amazon. “Come Carmignac, abbiamo discusso con l'azienda 11 punti riguardo alle modalità con cui Amazon intende raggiungere questo difficile equilibrio. A seguire, la società ha ad esempio implementato un sistema di intelligenza artificiale delle risorse umane per seguire e monitorare quotidianamente l'impegno dei propri dipendenti: stiamo parlando di milioni di persone, quindi tale decisione ha avuto ed avrà un impatto sociale molto importante”, aggiunge Carmignac. “Quello che conta per noi è agire per il bene comune e che ci sia armonia tra la gestione dei portafogli e quella dei criteri Esg, perché la seconda non è contraddittoria alla prima”.

Analisi START, i dettagli


Come ulteriore esempio del suo impegno riguardo le tematiche di sostenibilità, nel 2020 Carmignac ha sviluppato e presentato lo strumento proprietario interattivo START (System for Tracking and Analysis of a Responsible Trajectory) che, attraverso l'analisi ESG prospettica, offre al team di gestione l'approfondimento necessario per prendere decisioni di investimento appropriate, al fine di servire al meglio gli interessi a lungo termine dei propri clienti.
L'analisi START aiuta infatti i gestori e gli analisti a individuare i rischi Esg potenziali e, allo stesso tempo, permette di valutare i contributi positivi delle aziende sulla società e sull'ambiente, così da servire al meglio gli interessi a lungo termine dei clienti. Lo strumento fornisce un'analisi formale, strutturale e prospettica di ogni azienda, della sua responsabilità e ragion d'essere. Si compone principalmente di due fondamentali pilastri: quantitativo e qualitativo. “Utilizziamo l'analisi quantitativa per poi aggiungere il valore umano, ovvero i nostri gestori, così da andare oltre i semplici numeri” conclude Carmignac.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti