PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

Intelligenza artificiale, rischio o opportunità? L’Italia è ottimista

Intelligenza artificiale, rischio o opportunità? L’Italia è ottimista

Salva
Salva
Condividi
Rita Annunziata
Rita Annunziata

30 Ottobre 2019
Tempo di lettura: 3 min
Tempo di lettura: 3 min
Salva
  • Per il 94% degli italiani la robotica e l’intelligenza artificiale hanno permesso di raggiungere risultati impensabili

  • L’89% sostiene che i nuovi sistemi non potranno mai sostituire completamente l’intervento degli esseri umani

  • I giovani con un’età inferiore ai 35 anni, un elevato titolo di studio e residenti nel Sud e nelle isole, sono i più ottimisti

Le potenzialità dell’intelligenza artificiale e della robotica stimolano i sentimenti ottimistici degli italiani. Curiosità, interesse e opportunità avvolgono la maggior parte degli individui, che si dichiarano convinti di un miglioramento futuro del benessere e della qualità della vita. I più ottimisti sono i giovani: i cosiddetti “italiani 4.0”

L’intelligenza artificiale crea nei pensieri degli italiani sentimenti contrastanti: si avvicinano, ne restano affascinati, ma poi tengono le giuste distanze, come molle impazzite. Eppure, in termini percentuali, coloro che esprimono un sentiment positivo sembrano oggi prevalere rispetto a chi manifesta un’associazione negativa rispetto alle nuove tecnologie informatiche e robotiche.

Secondo un recente rapporto di Doxa, l’istituto specializzato in ricerche di mercato e analisi statistiche, per il 94% di italiani intervistati l’impiego di robot e dell’intelligenza artificiale ha permesso di raggiungere risultati imprevisti. Curiosità, interesse e opportunità avvolgono le inclinazioni della maggior parte degli individui, che si dichiarano convinti di un miglioramento in futuro del benessere e della qualità della vita (87%). Mancano però le giuste normative, che possano regolamentare la materia e garantire un adeguato accesso alle opportunità offerte. Ciononostante, per l’89%, gli esseri umani non potranno mai essere completamente sostituiti dalle nuove tecnologie.

I più ottimisti sono i giovani: gli italiani 4.0

A trainare le spinte ottimistiche sono soprattutto i giovani con un’età inferiore ai 35 anni, un elevato titolo di studio, e residenti nel meridione e nelle isole. È la fotografia di quello che Doxa definisce “l’italiano 4.0”, un individuo interessato e competente, che appartiene alla classe dirigente e ha le migliori conoscenze nel campo dell’intelligenza artificiale e della robotica. Il titolo di studio, in particolare, sembra essere l’aspetto più incisivo: il 95% degli individui con una scolarità elevata e il 90% degli individui con una scolarità medio-bassa condividono un sentiment positivo nei confronti dei nuovi sistemi.

Una demarcazione altrettanto netta se si considera la misura d’uso delle tecnologie, che separa il 94% degli utilizzatori ottimisti dal 38% dei non-utilizzatori pessimisti. In particolare, si tratta prevalentemente anche in questo caso di giovani, ben formati, dirigenti e white collar che, nel 90% dei casi, stima positivamente l’esperienza con robot e sistemi di intelligenza artificiale.

Una questione di etica e competenze

“Per cogliere le opportunità e governare le criticità della rivoluzione tecnologica in atto dovremmo puntare perlomeno, ma non solo, su due capisaldi su cui far leva: l’etica e le competenze”, commenta Isabella Covili Faggioli, presidente dell’Associazione Italiana per la Direzione del Personale. Secondo la Faggioli, bisogna dunque riaffermare una visione del progresso che si focalizzi sulla centralità dell’essere umano e la correttezza nella sua valorizzazione. Inoltre, in un mercato del lavoro ormai altrettanto 4.0, bisogna sviluppare le giuste e adeguate competenze umane e tecniche per evitare di restare ai margini.

“Ciò che contraddistingue il modello organizzativo che si va delineando, non è la presenza di robot all’interno dell’azienda, ma l’ingresso sempre più veloce di macchinari dotati di intelligenza artificiale, in grado non solo di pensare sulla base degli insegnamenti ricevuti dai propri programmatori, ma di evolvere in un processo di continuo apprendimento – aggiunge Francesco Rotondi, giuslavorista e founder di LabLaw – Questo processo è destinato a mutare radicalmente il rapporto tra uomo e macchina e ad avere un impatto enorme sui modelli organizzativi aziendali. L’implementazione di questa rivoluzione sarà un tema non solo normativo, ma anche contrattuale”.

Rita Annunziata
Rita Annunziata
Condividi l'articolo
LEGGI ALTRI ARTICOLI SU: Digital Transformation Italia