L'impronta di CO2 che i tuoi investimenti possono lasciare

CANDRIAM
CANDRIAM
4.8.2021
Tempo di lettura: 5'
I governi, le aziende e i consumatori sono sempre più concentrati sull'obiettivo dell'accordo di Parigi. Tuttavia, sembra che i Paesi asiatici possano essere oggetto di particolare attenzione da parte della comunità internazionale a causa dei loro dati
Lo sforzo globale per rallentare il cambiamento climatico difficilmente avrà successo se non coinvolgerà ogni tipo di attività che genera emissioni di gas serra (GHG). Ognuna di queste attività dovrà essere rivalutata e modificata, se non è già stato fatto – e così anche l'impronta di carbonio dei vostri portafogli di investimento. Gli scienziati hanno dimostrato da tempo il legame tra il clima e le emissioni di gas serra. Ci sono molte prove che dimostrano che il loro impatto sul clima mondiale è già misurabile e che ha portato a un aumento del numero di inondazioni, incendi (anche boschivi), uragani e altri eventi meteorologici estremi legati al cambiamento climatico negli ultimi decenni.

I governi, le aziende e i consumatori sono sempre più concentrati sull'obiettivo dell'accordo di Parigi di mantenere l'aumento della temperatura nel 21° secolo sotto i 2⁰C rispetto ai livelli pre-industriali. Tuttavia, sembra che i Paesi asiatici possano essere oggetto di particolare attenzione da parte della comunità internazionale a causa dei loro dati. Come mostra il seguente grafico, la Cina e i mercati emergenti dell'Asia hanno aumentato la loro quota di emissioni di CO2 tra il 1990 e il 2019, rispetto agli Stati Uniti e all'Europa. Ci si aspetta che recuperino il ritardo e anche gli investitori dovranno fare la loro parte.


La posta in gioco non è mai stata così alta


Esiste un monitoraggio scientifico continuo e dettagliato delle emissioni di gas serra e del loro impatto, con dati e risultati che arrivano fino alla ricerca specifica di possibili soluzioni e decisioni politiche. Il consenso della comunità scientifica si esprime attraverso il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC) delle Nazioni Unite. L'IPCC sviluppa e aggiorna una serie di importanti documenti che descrivono i risultati previsti in diversi scenari – i cosiddetti “percorsi rappresentativi di concentrazione (RCP) alternativi” per i gas serra. Essi mostrano che se l'umanità non riuscisse a tenere sotto controllo le emissioni di carbonio, le conseguenze potrebbero essere davvero disastrose.

Ogni piccolo aiuto è utile


Con tutto questo in gioco, ci si aspetta che tutti gli attori economici facciano la propria parte. Dal punto di vista del mercato, tre settori sono particolarmente esposti al cambiamento climatico: quello delle utilities, il settore dell'energia e quello dei materiali. Essi affrontano rischi maggiori in caso di nuovi regolamenti relativi alle emissioni di CO2, ma anche in termini di distruzione di asset a causa del cambiamento climatico. Come investitori, avete almeno due opzioni. La prima è semplicemente escludere questi tre settori dai vostri portafogli. Lo svantaggio nel farlo, ovviamente, è perdere il rendimento che questi tre settori possono dare. La seconda opzione è quella di continuare a investire in ognuno di essi, ma concentrandosi su chi può vantare le performance migliori in termini di emissioni di CO2.

Allo stesso tempo, gli investitori possono impegnarsi con le aziende come azionisti per incoraggiare il cambiamento. Per noi di Candriam il cambiamento climatico e la biodiversità sono due obiettivi prioritari per il nostro impegno diretto e collaborativo con gli azionisti. Per esempio, ci siamo impegnati e continuiamo a impegnarci con varie banche e compagnie di assicurazione per stabilire il grado di trasparenza in questo settore e incoraggiare ulteriori miglioramenti.

Le aziende possono compensare la propria impronta di CO2…


La compensazione volontaria delle emissioni delle aziende cerca di neutralizzare le emissioni generate dalle attività che non possono essere completamente eliminate. È un fattore essenziale per finanziare la transizione energetica e tenere sotto controllo l'aumento della temperatura globale. Tuttavia, la compensazione delle emissioni non sostituisce gli sforzi fatti per ridurre il consumo di energia e le emissioni di CO2 – è piuttosto un'attività accessoria.

Il Corporate Standard classifica le emissioni dirette e indirette di gas serra di un'azienda in tre “ambiti” e richiede che le aziende rendano conto e riportino tutte le emissioni dello scope 1 (emissioni “dirette” provocate da fonti proprie o controllate) e tutte le emissioni dello scope 2 (emissioni “indirette”, derivanti dalla produzione di energia acquistata e consumata dall'azienda che produce il report). Mentre il Corporate Standard concede flessibilità alle aziende in merito a come e se contabilizzare le emissioni dello scope 3 (tutte le altre emissioni indirette che si verificano nella supply chain di un'azienda), noi come investitori prestiamo particolare attenzione a questo tipo di emissioni, che spesso rappresenta la parte più grande delle emissioni dell'azienda. Ogni azienda che mira a rispettare l'Accordo di Parigi del 2015 ha il dovere di fare tutto il possibile per ridurre le sue emissioni di CO2 per quanto possibile. Sia che questo avvenga attraverso l'aumento della sua efficienza energetica o l'uso di energia rinnovabile, potrebbe essere necessario un po' di tempo per raggiungere la neutralità carbonica.

A Candriam, includiamo i livelli di emissioni di CO2 delle aziende nella nostra analisi dei titoli. Ma andiamo anche oltre e nei nostri report mensili vi diamo gli strumenti per misurare il vostro impatto sul cambiamento climatico attraverso i vostri investimenti, oltre a ingaggiare le aziende su questo argomento.

… E anche gli investitori possono farlo


Anche gli investitori possono compensare l'impronta carbonica dei loro portafogli. Per esempio, beneficiano dei meccanismi di compensazione carbonica quando investono nella nostra strategia progettata specificamente per aiutare nella lotta contro il cambiamento climatico. Utilizziamo il Gold Standard per compensare le emissioni investendo in progetti in tutto il mondo che mirano a ridurre i gas serra o il loro impatto sul clima. I nostri tre progetti per i prossimi tre anni riguardano l'energia rinnovabile (un impianto solare termico in India), l'efficienza energetica (utilizzando il metano per la produzione di energia in Cina) e la riforestazione (ripristino di terreni tropicali in Panama).

Crediamo fermamente che la compensazione carbonica, come è fatta da Candriam, sia complementare alla nostra selezione di titoli. Sebbene le aziende in cui investiamo consumano energia ed emettono CO2, i nostri criteri di selezione garantiscono che esse investano anche in soluzioni volte a ridurre queste emissioni di almeno il 20% rispetto al nostro universo di investimento.

 

Koen Popleu, Senior fund manager - Candriam

(contenuto sponsorizzato)

Visita la sezione Expertise per saperne di più

 
Note

1. https://www.brookings.edu/research/ten-facts-about-the-economics-of-climate-change-and-climate-policy/

2. https://ghgprotocol.org/sites/default/files/standards/Corporate-Value-Chain-Accounting-Reporing-Standard_041613_2.pdf

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti