EVENTO « III° PRIVATE MARKET SUMMIT » Idee per capitali pazienti in un mondo che cambia EVENTO IN DIRETTA REGISTRATI

Imposta di successione e donazione: cosa fare rispetto al trust? | WeWealth

Imposta di successione e donazione: cosa fare rispetto al trust?

Roberto Pellizzari, Matteo Esposito
19.7.2022
Tempo di lettura: '
L’11 agosto 2021 l’Amministrazione finanziaria ha pubblicato, in consultazione, una bozza di circolare sulla disciplina fiscale del trust ai fini delle imposte dirette e indirette. Permangono alcuni dubbi. Uno è la verifica del requisito della territorialità rispetto all’imposta sulle successioni e donazioni

L’art 2 del Dpr 346/1990 (Tus), rubricato “territorialità dell’imposta”, prevede che l’imposta sulle successioni e donazioni (Isd) sia dovuta nell’ipotesi in cui: 

(i) il de cuius/donante sia residente in Italia, con riferimento ai trasferimenti di beni esistenti in Italia e all’estero in favore degli/dei eredi/donatari; 

(ii) il de cuius/donante non sia residente in Italia, con riferimento esclusivamente ai trasferimenti di beni esistenti in Italia in favore degli/dei eredi/donatari. 


L’orientamento che l’Agenzia delle entrate sulla verifica del requisito della territorialità dell’imposta 

In ragione di quanto sopra e considerando l’orientamento che l’Agenzia delle entrate aveva espresso prima della pubblicazione, l’11 agosto 2021, della bozza di circolare, la verifica del requisito della territorialità dell’imposta (come, per esempio, rispetto a quali beni trasferiti dal de cuius/donante sia dovuta l’imposta sulle successioni e donazioni) era, di fatto, agevole: 

 (i) nell’ipotesi in cui il settlor fosse residente in Italia, l’imposta sulle successioni e donazioni era dovuta – all’atto della disposizione dei beni in trust – rispetto ai beni esistenti in Italia e all’estero; 

 (ii) nell’ipotesi in cui il settlor fosse residente all’estero, l’imposta sulle successioni e donazioni era dovuta – all’atto della disposizione dei beni in trust – rispetto ai beni esistenti esclusivamente in Italia. 


La bozza di circolare sulla disciplina fiscale del trust ai fini delle imposte dirette e indirette 

La summenzionata bozza di circolare è degna di nota nella parte in cui, uniformandosi al consolidato orientamento espresso dalla giurisprudenza di legittimità, ha chiarito definitivamente che l’imposta sulle successioni e donazioni è dovuta non all’atto della disposizione dei beni in trust, bensì all’atto della devoluzione dei beni in trust in favore dei beneficiari; ciò che non è stato, tuttavia, ancora chiarito è in quale momento sia necessario procedere alla verifica del requisito della territorialità dell’imposta sulle successioni e donazioni all’atto della disposizione dei beni in trust oppure al momento della devoluzione dei beni in trust in favore dei beneficiari? 


Ove, infatti, l’Agenzia reputasse che la verifica della territorialità dovesse essere condotta “a monte” (come all’atto della segregazione dei beni in trust) potrebbero insorgere notevoli complicazioni rispetto alla verifica in commento.

Caso di un trust che si occupa della gestione dinamica di un patrimonio con un asset allocation molto varia 

Si pensi, ad esempio, al caso di un trust che si occupa della gestione dinamica di un patrimonio con un asset allocation molto varia (per esempio, immobili siti all’estero, investimenti in gestioni patrimoniali presso intermediari italiani e partecipazioni in srl). Nel caso in cui, nel corso degli anni, il trust decidesse di modificare – anche significativamente – la natura dei beni in cui investire, nonché la loro “collocazione geografica” (per esempio, “spostare” le gestioni patrimoniali da intermediari italiani a intermediari lussemburghesi), si potrebbero dover affrontare situazioni delicate. Per esempio, se la verifica della territorialità dovesse essere condotta “a monte”, ci si troverebbe – ragionevolmente – a dover condurre una verifica su beni che “oggi” (devoluzione dei beni in favore dei beneficiari) non sono più quelli di “ieri” (segregazione dei beni in trust). 


In attesa dei chiarimenti dell’Agenzia 

Se il momento decisivo per la debenza dell’imposta sulle successioni e donazioni è quello della devoluzione dei beni ai beneficiari, è auspicabile – per coerenza con l’indirizzo ministeriale fornito nella bozza di circolare, ma anche per semplicità “operativa” – che l’Agenzia delle entrate chiarisca espressamente che solo in tale momento debba essere verificato il requisito della territorialità.

Roberto Pellizzari, Matteo Esposito
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo.
WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Roberto è socio dello Studio e membro del dipartimento tax. Si occupa prevalentemente di fiscalità d’impresa, in ambito domestico e internazionale. Ha maturato una significativa esperienza nell’assistenza a società in materia di fiscalità finanziaria e connessa alle operazioni di M&A e real estate.

Cosa vorresti fare?