PREVIOUS ARTICLE NEXT ARTICLE

La Thérèse di Balthus verso la vendita record da Christie's

18 Aprile 2019 · Teresa Scarale · 2 min

  • Il dipinto è l’ultimo della serie di ritratti che il maestro fece alla ragazzina sua musa ispiratrice, qui fermata in una posa giocosa, enigmatica eppur rivelatrice della sua indole

  • Forte della sua stima iniziale di 12.000.000 – 18.000.000 di dollari, il quadro verrà battuto il 13 maggio, durante la Evening Sale of Impressionist and Modern Art

Fra le opere della collezione di Dorothy e Richard Sherwood, che Christie’s offrirà nella sua 20th Century Week del prossimo maggio, la maliziosa Thérèse di Balthus potrebbe colpire un nuovo record

La giovanissima Thérèse Blanchard (1925-50) fu protagonista di dieci scandalosi quadri di Balthus (al secolo Balthasar Klossowski), dipinti fra il 1936 e il 1939. Uno di tali bramati pezzi, Thérèse sur une banquette,  finì nella collezione dei coniugi Dorothy e Richard Sherwood, e il prossimo maggio 2019 cambierà proprietario grazie a Christie’s. La collezione dell’avvocato Sherwood si compone però anche di arte americana, indiana, del sud est asiatico, giapponese, coreana e di alcune ceramiche di Picasso. Tutti lotti che saranno battuti in aste dedicate. Senza dimenticare l’altra opera “coprotagonista” della collezione: Berkeley #32 di Richard Diebenkorn, un olio su tela del 1955.

Perché questo Balthus fra i possibili record

Il ritratto sarà prevedibilmente la star della 20th Century Week. Forte della sua stima iniziale di 12.000.000 – 18.000.000 di dollari, verrà battuto il 13 maggio, durante la Evening Sale of Impressionist and Modern Art. Si tratta dell’ultimo dei dieci ritratti di Balthus aventi ad oggetto la sua musa e vicina di casa Thérèse Blanchard, la ragazzina che il maestro incontrò sul finire del 1935. All’epoca di questo ritratto del 1939, Thérèse aveva 14 anni. In Thérèse sur une banquette Balthus si preoccupa di fermare la giovanissima modella in una posa inusitata, cercando di carpirne il mondo interiore dal movimento giocoso delle membra.

Lo fa geometricamente, rendendo omaggio alle proporzioni di Piero Della Francesca. Ogni piega ed ogni sfumatura del dipinto raccontano che la ragazza è completamente assorta, inconsapevole della forza di gravità e del mondo esterno. L’equilibrio precario del corpo di Thérèse è però anche rivelatore di quell’attimo della vita in cui la grazia dell’infanzia lascia il posto al mistero dell’adolescenza, momento fugace vinto sempre dall’avanzare del tempo. Ma che Balthus ha reso eterno.

Balthus record Christie's
Balthus (1908-2001), Thérèse sur une banquette, 1939. Olio su tavola, 72.7 x 91.9 cm. Stima: 12.000.000 - 18.000.000 milioni di dollari. Offerto nella "Impressionist and Modern Art Evening Sale" il 13 May da Christie’s New York. © 2019 Artists Rights Society (ARS), New York / ADAGP, Paris
Richard Diebenkorn, Berkeley #32, oil on canvas, 1955. $6-8 million
Richard Diebenkorn, Berkeley #32, olio su tela, 1955. Stima di partenza 6-8 millioni di dollari, courtesy Christie’s New York
Teresa Scarale
Teresa Scarale
VUOI LEGGERE ALTRI ARTICOLI SU: