L’India sarà la nuova Cina? Attenzione a questi movimenti

3 MIN

La Tigre sta scalando la scena internazionale a discapito del Dragone. Che sia arrivato il suo momento di rivalsa? Gli esperti di Legal & General Investment Management stanno osservando alcuni cambiamenti importanti

Potrebbe essere arrivato il momento di rivalsa per l’India nei confronti della Cina. Se finora la Tigre è rimasta all’ombra del Dragone, nel prossimo futuro potrebbe dare una pericolosa zampata, secondo gli esperti di Legal & General Investment Management (LGIM). Le interruzioni alle catene di approvvigionamento durante la pandemia da Covid hanno spinto diverse multinazionali ad aprire nuove sedi di produzione al di fuori della Cina. Un esempio su tutte è Apple, che ha iniziato a spostare l’attività di assemblaggio degli iPhone dalla Cina all’India, appunto. E secondo quanto dichiarato dal ministro del commercio indiano a inizio anno, l’India arriverà a rappresentare fino al 25% della produzione di iPhone rispetto al 5-7% attuale. A questo aspetto, si sono ora aggiunte le crescenti tensioni politiche tra Pechino e Washington che potrebbero favorire ulteriormente questo cambiamento.

Piccoli grandi passi verso una nuova produzione

Gli esperti di LGIM immaginano questo nuovo movimento verso l’India non solo come un caso di reshoring, ma anche di friendshoring, ovvero rilocalizzare alcune fasi della produzione in paesi amici, con un sistema di interessi e un allineamento geopolitico comune. La ragione? Starebbe proprio nel rischio geopolitico dopo che le tensioni tra Cina e Stati Uniti sono tornate ad accendersi sia per la questione di Taiwan, che per la guerra in Ucraina.

Oltre a Apple, anche altri colossi industriali hanno scelto infatti l’India come destinazione di friendshoring. Samsung, Vedanta e Foxconn hanno annunciato il piano di investire grandi somme in India per la produzione di semiconduttori. La multinazionale sudcoreana ha già pianificato un investimento di 365 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni, con l’obiettivo di creare 80.000 nuovi posti di lavoro.

Erik Lueth, global emerging market economist di LGIM, ha sottolineato come “il friend-shoring si focalizzi unicamente su quelle industrie sensibili, come quella dei semiconduttori, di difesa e dell’elettronica, tralasciando invece quelle secondarie, come le imprese di produzione di giochi”.

Come seguire la crescita dell’India? Come includere la Tigre nel portafoglio?
Con il servizio Chiedi agli esperti di We Wealth puoi contattare gratuitamente un professionista che ti potrà guidare nella scelta dei migliori investimenti e nella gestione del tuo patrimonio. Fai una domanda a uno dei 300 esperti disponibili su We Wealth.

India, monopolio sugli investimenti esteri?

Se fino a qualche anno fa era impensabile immaginare che un paese asiatico ricevesse più investimenti diretti esteri (FDI) rispetto alla Cina, ora la situazione sta cambiando. Considerando gli ultimi sette anni, in cinque tra questi l’India ha superato il Dragone. E anche durante momenti molto complicati, come quello in cui la pandemia ha colpito con più violenza, gli FDI in India sono sempre rimasti, per lo più, costanti, cosa che non si può certo dire della Cina.

Fai rendere di più la tua liquidità e il tuo patrimonio. Un’opportunità unica e utile ti aspetta gratuitamente.

Compila il form ed entra in contatto gratuitamente e senza impegno con l’advisor giusto per te grazie a YourAdvisor.

Articoli correlati