La Grecia dice no alla golden Visa per i russi

Teresa Scarale
Teresa Scarale
1.3.2022
Tempo di lettura: 2'
Si aggiunge alle conseguenze dell'attacco della Russia all'Ucraina la revoca del beneficio del visto speciale per i cittadini russi
Secondo quanto si apprende da fonti internazionali, dal 28 febbraio 2022 i russi non possono più ottenere una golden Visa dalla Grecia. La decisione della penisola fa seguito a quella del Portogallo, stato che per primo ha optato per l'esclusione dalla concessione del visto agevolato ai cittadini russi e bielorussi.
Il paese ellenico – in attesa delle «importanti decisioni» dell'Unione europea – ha deciso di non concedere più ai cittadini della Russia i noti permessi speciali di residenza a scopo di investimento. Lo ha dichiarato Notis Mitarachi, ministro dell'immigrazione e del diritto d'asilo, in una nota ufficiale: «L'emissione e il rinnovo di permessi di residenza per interesse e scopo di investimento in esame da cittadini della Federazione Russa sono sospesi fino a ulteriori informazioni». Lo stesso ministero ha aggiunto che non verranno accettate nuove richieste da parte dei cittadini russi, nemmeno per permessi “business executive”.

Una decisione coraggiosa per un paese in via di ripresa come la Grecia. Gli investimenti diretti esteri nel paese sono stati infatti nel corso del 2020 pari a 388,8 miliardi di euro, di cui 101,9 provenienti dalla Russia. Nello stesso tempo però gli investimenti diretti esteri in uscita dalla Grecia alla Russia sono stati di ammontare pari a 134,4 miliardi di euro, su un totale di 399,3 miliardi (dati Investment Europe).

Il paese che invece non è per ora intenzionato ad adottare una misura simile è la vicina Cipro, in cui una parte significativa del settore terziario (servizi) dipende dai rapporti con le aziende russe.

La Russia fa già parte della lista grigia fiscale dell'Unione europea, insieme a Bahamas, Belize, Bermuda, British Virgin Islands (BVI), Israel, Montserrat, Tunisia, isole Turks e Caicos e Vietnam.
Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti