Risparmio gestito 2018 aumenta di quasi 10 miliardi

Teresa Scarale
Teresa Scarale
22.2.2019
Tempo di lettura: 2'
Secondo l'ultima mappa trimestrale del 2018 di Assogestioni, alla fine dello scorso anno gli asset gestiti dall'industria ammontavano a 2.017 miliardi, quasi equamente ripartiti tra gestioni collettive (1.013 miliardi) e gestioni di portafoglio (1.004 miliardi)

Le gestioni collettive da inizio anno totalizzano sottoscrizioni nette per 5,2 mld mentre sono 4,7 i miliardi confluiti nelle gestioni di portafoglio

Il saldo dei fondi aperti nel 2018 è positivo per oltre mezzo miliardo

Il patrimonio promosso dai fondi aperti Pir compliant ammonta a oltre 17 mld di euro

Nonostante le "tempeste" dell'ultimo trimestre, l'industria del risparmio gestito ha segnato nel 2018 una raccolta netta positiva di quasi 10 miliardi di euro. Lo ha  evidenziato
Assogestioni all'interno della  sua Mappa trimestrale.

La flessione del IV trimestre non impatta sul totale


Come prevedibile, nel quarto trimestre il comparto ha segnato una flessione di 4 miliardi. Le gestioni collettive da inizio anno totalizzano però sottoscrizioni nette per 5,2 miliardi di euro, mentre sono 4,7 i miliardi confluiti nelle gestioni di portafoglio. Gli asset gestiti complessivamente dall'industria ammontano a 2.017 miliardi, quasi equamente ripartiti tra le gestioni collettive, per 1.013 miliardi, e le gestioni di portafoglio, pari a 1.004 miliardi.

Il saldo dei fondi aperti nel 2018 è positivo per oltre mezzo miliardo, pur avendo subito deflussi pari a 8,7 miliardi nel quarto trimestre 2018. Le macrocategorie favorite dagli investitori nel periodo di rilevazione sono i Monetari, che aumentano di 2,6 miliardi e i Bilanciati, su di 459 milioni.

Il patrimonio promosso dai fondi aperti Pir compliant infine ammonta a oltre 17 miliardi di euro. Le sottoscrizioni nette di questi prodotti da inizio anno sfiorano i 4 miliardi, con un aumento di 163 milioni di euro nel quarto trimestre 2018.

I principali gestori


Il quarto trimestre 2018 segna deflussi per il gruppo Generali (-91,6 milioni), ma anche per il gruppo Intesa Sanpaolo. Quest'ultimo vede una contrazione nelle masse gestite sia in Eurizon (-1.100,1 milioni) che in Fideuram (-343,6 milioni). Anche Amundi registra disinvestimenti per 1.615,3 milioni di euro. In territorio positivo invece Anima Holding, che nel 4° trimestre ha registrato una raccolta netta positiva di 94,6 milioni.
caporedattore

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti