Eurozona 2019, una partenza in frenata

Teresa Scarale
Teresa Scarale
30.1.2019
Tempo di lettura: 2'
L'Eurozona 2019 sta ulteriormente rallentando la sua andatura di crescita e l'Eurotower ha sottolineato che l'equilibrio dei rischi si sta spostando verso il "ribasso". Ne parla l'economista capo di Mirabaud AM

Gli indici Pmi composite dell'Eurozona sono attualmente a 50,7 e indicano una crescita del Pil per la zona euro dell'1% su base annua per il primo trimestre 2019

L'indice Pmi aggregato per la zona euro è debole, con i nuovi ordini aggregati in calo di 1,4 punti a 49,3. Anche gli indicatori relativi all'occupazione sono al di sotto delle attese

Eurozona 2019 quasi in ristagno


I dati parlano forte e la Bce con loro: l'Eurozona 2019 sta ulteriormente rallentando la sua andatura di crescita e l'Eurotower ha sottolineato che l'equilibrio dei rischi si sta spostando verso il "ribasso". L'ultima preoccupazione in termini di tempo è stata quella legata al rallentamento dell'attività manifatturiera, in concomitanza con il rallentamento dell'attività nel settore dei servizi. A fare il punto della situazione è Gero Jung, economista capo di Mirabaud AM.

Gli indici Pmi e gli Ifo tedeschi


I Pmi composite dell'Eurozona - attualmente a 50,7 - indicano una crescita del Pil per la zona euro di solo l'1% su base annua in questo trimestre. A deludere è anche la debolezza della ripresa tedesca, evidenziato dalla perdurante debolezza dell'indice Ifo. Quest'ultimo è il "business climate index" delle imprese tedesche, seguito dai mercati con estrema attenzione, in quanto spesso sono anticipatori dell'andamento complessivo della produzione europea. In Francia d'altronde, le vivaci proteste dei gilet jaunes iniziate alla fine dell'anno scorso non hanno portato a risultati significativi.

Inoltre, l'indice Pmi aggregato per la zona euro è debole, con i nuovi ordini aggregati in calo di 1,4 punti a 49,3. Anche gli indicatori relativi all'occupazione sono al di sotto delle attese. Per il futuro, ci si aspetta una certa ripresa dell'attività economica. Ma i dati attuali sono purtroppo inequivocabilmente deboli e ciò costituisce un rischio di ribasso per lo scenario di crescita per il 2019, che per Mirabaud AM si attestava all'1,5% per quest'anno.
caporedattore

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti