Patent box ed effetti collaterali: metodo vs risultati

Aldo Bisioli
Aldo Bisioli
5.1.2022
Tempo di lettura: 3'
Il patent box è stato finora un formidabile strumento di modernizzazione delle imprese. Abbandonare ora la vecchia disciplina potrebbe comportare la perdita di “effetti collaterali” del tutto virtuosi
Sono letteralmente decine gli interventi su quotidiani e periodici per perorare la causa del patent box, una misura che il governo ha inopinatamente deciso di “semplificare” (abrogandola, per sostituirla con qualcosa di molto diverso).Non è nostra intenzione aggiungere un ulteriore intervento sul merito della vicenda: semplicemente, si vuole sottolineare come abbandonare la vecchia disciplina comporti la perdita di “effetti collaterali” del tutto virtuosi.Innanzitutto, il dato di cronaca: al posto di uno sconto sul reddito imponibile (parametrato, in linea di massima, alla parte più “nobile” del reddito d'impresa, ovvero quella che scaturisce dagli ...
La conseguenza è evidente: un miglioramento qualitativo e un generale innalzamento dello standard dei processi aziendali, con effetti benefici su tutta l'attività d'impresa.
Senza scadere nella retorica, coloro che hanno sviluppato progetti di patent box all'interno della propria azienda hanno potuto constatare che uno dei fattori principali di sviluppo della stessa non è (soltanto) la capacità di produrre profitto o liquidità, ma quello di basarsi su una convergenza di sforzi di miglioramento per un qualcosa di più importante di tali (pur essenziali) obiettivi: il progresso dell'economia nostrana.

Probabilmente anche la iperdeduzione produrrà effetti analoghi: incentivazione economica, spinta agli investimenti, etc. Ma spesso il “come” fa la differenza: la vecchia disciplina comportava un processo di presa di coscienza che il nuovo meccanismo (freddamente matematico, e non più legato ad un'accurata anatomia dell'azienda) probabilmente non consentirà, con buona pace degli effetti collaterali, appunto.
Il vecchio metodo comportava infatti la predisposizione di una ampia “scheda anamnestica” del contribuente, con un esame approfondito della sua catena del valore, nonché dei fattori produttivi maggiormente incidenti sul valore stesso, rivelando, soprattutto, i punti deboli della struttura, che diversamente sarebbero giaciuti tranquilli e ignorati chissà ancora per quanto tempo.

Insomma, un momento di autoanalisi molto utile per gli imprenditori italiani, spesso abituati a rispondere (con riferimento a processi passibili di miglioramento): “Abbiamo sempre fatto così”.
È pur vero che “squadra vincente non si cambia”, ma purtroppo cambiano gli imprenditori (nel senso che, ahimè, passano a miglior vita) e lasciare in eredità un'impresa con processi aziendali “moderni” significa spesso fare la cosa migliore per favorire il famigerato passaggio generazionale.
Opinione personale dell’autore
Il presente articolo costituisce e riflette un’opinione e una valutazione personale esclusiva del suo Autore; esso non sostituisce e non si può ritenere equiparabile in alcun modo a una consulenza professionale sul tema oggetto dell'articolo. WeWealth esercita sugli articoli presenti sul Sito un controllo esclusivamente formale; pertanto, WeWealth non garantisce in alcun modo la loro veridicità e/o accuratezza, e non potrà in alcun modo essere ritenuta responsabile delle opinioni e/o dei contenuti espressi negli articoli dagli Autori e/o delle conseguenze che potrebbero derivare dall’osservare le indicazioni ivi rappresentate.
Laureato in Economia aziendale con il massimo dei voti presso l’Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano, dal 1997 svolge l’attività presso lo studio Biscozzi Nobili, in qualità di socio dal 2003. È iscritto all’albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano dal 1992. Revisore contabile dal 1999, ora Revisore Legale. Specializzato in fiscalità d’impresa.

Caro lettore,
per continuare ad informarti con i nostri contenuti esclusivi accedi o registrati GRATUITAMENTE!

Solo così potrai:

  • Continuare ad informarti grazie ai nostri contenuti come articoli, guide e white papers, podcast, dirette
  • Richiedere di essere contattato da un esperto
  • Fare una domanda sulla gestione del tuo patrimonio ed entrare in contatto con i migliori e esperti del settore GRATUITAMENTE
  • E tanto altro ancora

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti