5 anni in 5 domande: dal gestore, i segreti di Carmignac Grande Europe

Valeria Pasquini
15.2.2022
Tempo di lettura: '
Il portfolio manager del Carmignac Portfolio Grande Europe, Mark Denham, ha risposto a cinque domande riguardanti il fondo e la sua esperienza personale di gestore.
Continuare ad evolversi: è questo uno tra i segreti dietro ai successi conquistati negli ultimi 5 anni dal Carmignac Portfolio Grande Europe. Mark Denham, portfolio manager di Carmignac, ha risposto a 5 domande riguardo la strategia di portafoglio perseguita.

 

1. Qual è stato l'investimento più memorabile in questi anni?


 

“Di gran lunga l'acquisto di Argenx, società belga di biotecnologie entrata nel nostro portafoglio all'inizio del 2018 che a dicembre 2021 aveva reso quasi il 500%”, afferma Denham. “Il valore del titolo è salito da circa 50 euro a oltre 300 euro da quando un anticorpo per malattie immunologiche rare proprietario dell'azienda è stato approvato da parte della Fda (Food and drug administration) statunitense”.

 

2. Come si è evoluto il processo di investimento nel corso degli anni?


 

“I criteri finanziari specifici che cerchiamo nella maggior parte dei nostri investimenti e l'attività di screening associata sono rimasti invariati negli ultimi 5 anni, ma continuiamo a evolverci” sottolinea l'esperto. Lo screening serviva inizialmente come punto di partenza per filtrare le azioni. Negli ultimi anni sono stati formalizzati i criteri di sostenibilità, in base ai quali vengono integrati a tutti i livelli del processo di investimento non solo fattori ambientali, sociali e di governance (Esg), ma anche uno screening di investimento socialmente responsabile. “Ciò combina esclusioni negative e screening positivi, utilizza il quadro dei risultati basato su 9 Sdg (Sustainable development goals) delle Nazioni Unite e culmina nell'allineamento del fondo ai requisiti all'articolo 9 della SFDR (Sustainable finance disclosure regulation)”.

 

3. Qual è stata la lezione più grande imparata?


 

“Ho imparato a mantenere una mente aperta alle nuove idee, ad essere sempre interessato a quello che fanno le aziende, ma anche a ricordare che siamo continuamente alle prese con l'incertezza, che si tratti di risultati aziendali o di comportamento del mercato azionario”. Cercare di gestire il rischio nei portafogli diventa, di conseguenza, fondamentale. “Dopotutto ho scelto le azioni perché sono un ottimista e le azioni catturano l'impegno umano, l'ingegno e l'invenzione in una gamma di attività diverse”, aggiunge Denham. “Non sono statiche, si evolvono e lo facciamo anche noi per rimanere al passo”.

 

4. Come riuscire a generare alfa in Europa?


 

“Vedo due driver. In primis, il nostro focus su società di comprovata crescita secolare, che possono dimostrare caratteristiche finanziarie specifiche e che consentono loro di crescere in un contesto economico incerto” afferma l'esperto. “Oltre a questo fattore chiave (e per una quota minore del fondo), il secondo motore è l'investimento in aziende innovative promettenti, come nel settore delle biotecnologie o dell'e-commerce”.

 

5. Qual è la tua migliore memoria da gestore di portafoglio?


 

“Il mio ricordo più bello risale al quarto trimestre del 2008. All'epoca, il mercato azionario era crollato dopo la grande crisi finanziaria. Il sell-off si era verificato in tutto il mercato, con molte società di alta qualità, senza leva e che erano leader di mercato in settori in crescita che scambiavano a livelli molto bassi. Probabilmente è stata un'opportunità unica nella vita per acquistare tali società a così basso costo”.

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti