Ritorna Artissima: qui la guida indispensabile

Giulia Bacelle
Giulia Bacelle
3.11.2021
Tempo di lettura: 3'
A Torino torna l'unica fiera italiana dedicata esclusivamente all'arte contemporanea. Ecco la guida essenziale ad Artissima per tutti gli art lover. Parola d'ordine: non perdersi nulla di quello che conta
Andrà in scena dal 5 al 7 novembre la 28esima edizione di Artissima, l'unica fiera italiana dedicata esclusivamente all'arte contemporanea. Tre le parole chiave dell'edizione 2021 della kermesse torinese. Ibrida, data la commistione tra presenza fisica e digitale, quest'ultimo lascito di quanto imparato durante la pandemia. Sperimentale, dato il riconoscimento a livello internazionale per l'attenzione della fiera alle pratiche innovative e per il suo ruolo come trampolino di lancio di artisti e gallerie emergenti. Di qualità, data l'elevato livello culturale e commerciale. Tre parole più una, quella che descrive il tema scelto: controtempo, un termine preso in prestito dal linguaggio della musica e metafora di una specifica capacità dell'arte, quella di battere sugli accenti deboli – come gli ultimi mesi “in sordina” attraversati dal panorama artistico– per trasformarli in punti di forza e generare nuovi ritmi.

“L'arte ha sempre agito in un 'controtempo emotivo e formale' grazie a intuizioni che anticipano il futuro cambiando le traiettorie di visione della realtà. Scalzando i paradigmi e aprendo a interpretazioni e prospettive imprevedibili eppure imprescindibili”, spiega la direttrice Ilaria Bonacossa, alla guida di Artissima per il quinto anno. “Sotto questa luce, la storia dell'arte si compone di una polifonia di voci a tempo e in controtempo, legate in una sinfonia unica e sorprendente”.


Una foto dell'edizione 2019
Photo credits: Artissima. International Fair of Contemporary Arts
© Perottino-Piva-Bottallo/ Artissima

Artissima 2021, tutto quello che c'è da sapere in una guida breve e completa


Dalle sezioni della fiera alle gallerie partecipanti, dai premi alle acquisizioni, dai progetti principali alle partnership, ecco tutto quello che c'è da sapere su Artissima 2021, anche quest'anno all'Oval Lingotto.

Le sezioni


Sette in totale le sezioni in cui si articola Artissima 2021, 4 nella fiera in presenza (selezionate dal comitato fieristico) e 3 (curate da professionisti internazionali) disponibili su Artissima XYZ, piattaforma cross-mediale disponibile online. Tra le prime, Main section raccoglie una rosa di 89 gallerie rappresentative del panorama artistico mondiale. New entries è invece la sezione di 25 gallerie dedicata alle gallerie emergenti sulla scena internazionale. Riservate agli espositori che intendono presentare uno stand monografico o un dialogo di lavori di due artisti sono poi le 37 gallerie della sezione Dialogue/monologue. Infine, Art spaces & editions ospita 7 gallerie specializzate in edizioni e multipli di artisti, project space e spazi no profit.

Tra le sezioni online troviamo invece Present future (curata da Ilaria Gianni e Fernanda Brenner, dedicata ai talenti emergenti di massimo 40 anni di età), Back to the future (curata da Lorenzo Giusti e Mouna Mekouar, riservata alla riscoperta dei pionieri dell'arte contemporanea) e Disegni (curata da Bettina Steinbrügge e Lilou Vidal, dedicata a tutte le forme del disegno contemporaneo). Per ciascuna delle tre sezioni online saranno selezionati 10 gallerie e altrettanti artisti con progetti inediti. Artissima XYZ presenterà anche tre mostre fisiche all'Oval, una per ogni sezione.

Le gallerie partecipanti


Sono in totale 154 le gallerie partecipanti alla fiera in modalità fisica, cui si aggiungeranno i 30 progetti di gallerie e artisti in Artissima XYZ. Forte la presenza di espositori stranieri (il 56% del totale), con gallerie provenienti da 36 paesi oltre l'Italia.

I premi e le acquisizioni


Nove in totale i premi per artisti e gallerie organizzati in collaborazione con aziende partner e istituzioni e assegnati da giurie internazionali. Il Premio illy Present future, promosso da illycaffè, premia da 21 anni un artista della sezione dedicata ai nuovi talenti. Il Premio FPT for sustainable art è invece offerto in collaborazione con FPT Industrials e dedicato all'opera che meglio rappresenterà il connubio tra sostenibilità, innovazione e arte. Il Premio Tosetti Value per la fotografia è invece promosso da Tosetti Value – Il Family Office per il secondo anno consecutivo e nasce con l'obiettivo di indagare la relazione tra arte ed economia. Il Premio Carol Rama, possibile grazie al supporto della Fondazione Sardi per l'Arte, è invece dedicato a chi meglio interpreterà l'ideale di creatività femminile non convenzionale incarnata dall'artista torinese. Il Premio VANNI #artistroom è affidato a un artista under35 la cui ricerca possa offrire uno sguardo originale sulla realtà. OGR Award è poi il premio della Fondazione per l'Arte Moderna e Contemporanea CRT finalizzato all'acquisizione di un'opera selezionata tra le gallerie partecipanti per raccontare il complesso rapporto tra arte, tecnologia e innovazione. Il Premio Ettore e Ines Fico, promosso dal MEF Museo Ettore Fico promuove invece gli artisti che si distingueranno per la loro poetica creativa e ricerca a livello internazionale e andrà ad accrescere la collezione del museo. Il Premio “ad occhi chiusi…” si inserisce nella collaborazione della fiera con la Fondazione Merz sulla giovane arte del mediterraneo e offrirà al vincitore una residenza in Sicilia. Il progetto Marval Collection New Entries Support sarà infine dedicato alla promozione delle giovani gallerie con l'attivazione di un fondo di acquisizione dedicato ai partecipanti della sezione New entries e supportato da Marval Collection.

I progetti speciali e le partnership


Diverse le collaborazioni con i partner della fiera, tra presenze storiche e nuove entrate. Dopo una partnership progettuale avviata nel 2020, quest'anno Intesa Sanpaolo è main partner di Artissima, un impegno che si concretizza nella produzione di due mostre, una dedicata alle collezioni d'arte della società e ospitata negli spazi dell'Oval e l'altra alla promozione dell'Archivio Publifoto. Altro partner è Jaguar, con cui la fiera realizza una mostra collettiva che ospiterà 10 giovani artisti selezionati dal talent JaguArt, un viaggio alla ricerca dei talenti delle arti visive in Italia. Il Gruppo UNA dedica invece il progetto 6 CHAIRS, una grande installazione dell'artista lituano Augustas Serapinas allestita nel Salone delle feste dell'Hotel 5 stelle Principi di Piemonte. I lavori dei vincitori del Torino Social Impact Award, un progetto dedicato ai giovani artisti promosso da Torino Social Impact, Fondazione Compagnia di San Paolo e Combo, saranno invece presentati durante Artissima. La realizzazione della creative lounge della fiera è invece assegnata a Combo, che nella sede torinese dell'ostello ospiterà contenuti artistici d'eccezione aperti al pubblico.

Nasce invece dal dialogo tra Artissima e la Fondazione per l'Arte Moderna e Contemporanea CRT il progetto Beyond Production, che entra in sinergia con l'OGR Award. ArtVenture è invece il progetto che nel 2022 indagherà il rapporto tra arte e impresa e che sarà presentato attraverso un ciclo di talk dedicati durante i giorni di fiera. Alfabeto Treccani vede il rinnovo della partnership tra Artissima e Treccani, una collana di multipli inediti a tiratura limitata realizzati da artisti italiani riconosciuti a livello internazionale. Hub India – Maximum Minimum è invece un nuovo focus geografico dedicato all'India con la curatela di Myna Mukherjee e Davide Quadrio in collaborazione con Emami Art. Tra gli altri partner della fiera, Gattinoni, IRM Indagini Ricerche Mediche, Lauretana, Art Defender, Carioca, K-WayÒ, Piemonte Land of Wine e VisitPiemonte.

 

 

Photo credits immagine di copertina:
Artissima. International Fair of Contemporary Arts © Perottino-Piva-Bottallo/ Artissima

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti